Varietà di limoni, ecco le migliori

Varietà di limoni

Ecco quali sono le varietà di limoni più apprezzate, da coltivare in giardino in base alle proprie esigenze e aspettative. Dal limone zagara bianca alle varietà quattro stagioni.

Tutte le varietà di limoni sono piante con portamento assurgente e aperto, con branche irregolari e con altezza compresa tra i 3 e 6 metri.

Le piante di limone sono sempreverdi, con foglie di forma e dimensioni variabili ma che generalmente hanno una sagoma ovalata – lanceolata.

In base alla varietà abbiamo limoni dalle dimensioni più o meno grandi e dalla buccia che può essere liscia o rugosa. La buccia è sempre ricca di ghiandole oleifere ed è per questo che l’essenza di limone (olio essenziale di limone) e tanti liquori (come lo stesso limoncello) si ottengono per premitura o macerazione della scorza e non della polpa.

Varietà di limoni

Anche se nel banco orto-frutta del supermercato sembrano tutti uguali, sono tante le varietà di limone disponibili per la coltivazione in giardino o per la preparazione di liquori, dolci e altre ricette.

Tra le varietà di limone più popolare abbiamo:

  1. limone quattro stagioni
  2. limone zagara bianca
  3. limone di Amalfi
  4. limone lunario
  5. limone di Sorrento
  6. limone Verna

Abbiamo poi limoni senza semi (sono varietà ibride selezionate), limoni tardivi, limoni selezionati per la resistenza al freddo… Attenzione, le varietà di limoni resistenti al freddo sono ugualmente sensibili alle gelate protratte nel tempo. Se cerchi una varietà di limone resistente al freddo, puoi prendere un ecotipo tipico del Garda o cultivar diffuse nel settentrione d’Italia come i limoni di Cannero e Cannobio che crescono sulle sponde del Lago Maggiore.

Varietà di Limone quattro stagioni

E’ una varietà di limone resistente al freddo, tollera, per brevi periodi, temperature fino a -5 °C. Presenta foglie allungate e il suo nome “limone quattro stagioni” è legato alla particolarità dei tempi di maturazione dei frutti. Questa varietà si chiama “limone quattro stagioni” perché i frutti maturano in modo scalare durante l’arco dell’intero anno, così da avere una produzione continua in qualsiasi mese. Così come la maturazione, anche la fioritura avviene scalarmente. E’ vero che la pianta tollera il freddo, ma se esposto a basse temperature, cesserà la fioritura, quindi chi vuole coltivare questa pianta al Nord o in zone a clima rigido, dovrà spostare la pianta in un luogo riparato durante l’inverno.

Varietà di Limone di Sorrento

Il limone di Sorrento è coperto da marchio IGP (indicazione geografica protetta). E’ un limone femminello proprio come la varietà di limone zagara bianca. Questo limone si caratterizza per un succo particolarmente acido. La buccia di medio spessore e particolarmente ricca di oli essenziali, quindi perfetta per preparare liquori.

Varietà di Limone di Amalfi

Il limone amalfitano è del tutto diverso dal Limone di Sorrento, anche se la zona costiera di coltivazione è molto vicina. Il limone di Amalfi infatti appartiene a un gruppo differente, non si tratta di un limone femminello ma di un limone sfusato. Il succo ha un sapore meno acido del limone di Sorrento, vi è una scarsa presenza di semi ed è anche questo coperto dal marchio IGP.

Varietà di Limone Zagara bianca

Il limone femminello zagara bianca è tipico della Sicilia, tanto che spesso è definito limone siciliano o limone siculo. Presenta succo abbondante ed è tra i limoni più rappresentativi d’Italia.

Varietà di Limone lunario

Se coltivato in situazioni ideali, questa varietà di limone rifiorisce a ogni luna così da produrre limoni in ogni periodo dell’anno, proprio come la varietà quattro stagioni. E’ una varietà molto decorativa, profumata e non ha un sapore particolarmente acido (non è aspro).

Varietà di limone Verna

Mentre le altre varietà di limoni che ti ho elencato sono tipiche italiane, il limone verna è molto diffuso in Spagna anche se le origini non sono note. In spagnolo Verano significa “estate” e la varietà verna è tipica estiva. Si caratterizza per dei raccolti particolarmente abbondanti.

Il raccolto va da marzo a ottobre (nel Meridione) o da aprile a settembre (nel settentrione). E’ una varietà apprezzata sia per la qualità del frutto sia per i raccolti che sono particolarmente abbondanti.

Pubblicato da Anna De Simone il 18 dicembre 2017