Semi di chia, fonte vegetale di calcio

semi-di-chia
I semi di chia, che si ottengono da una specie vegetale chiamata Salvia hispanica, hanno un apporto di calcio pari a 600 milligrammi per ogni porzione da 100 grammi, (5 volte superiore al latte di mucca) tali da renderli tra le fonti vegetali con maggiore contenuto di calcio, insieme ai semi di sesamo.
Possiedono inoltre acidi grassi essenziali omega3 per il 20% del loro peso, una caratteristica che li rende simili ai semi di lino: 100 grammi di semi di chia hanno circa 20 grammi di omega3.

Semi di chia,  altre proprietà
I semi di chia sorprendono per le loro proprietà salutari che non si fermano all’alto contenuto di calcio e omega3.

  • Hanno contenuto di vitamina C 7 volte superiore rispetto a quello delle arance: 5,4 milligrammi ogni 100 grammi
  • Hanno un contenuto di potassio doppio rispetto alle banane: 809,15 milligrammi ogni 100 grammi
  • Contengono ferro in quantità tripla rispetto agli spinaci: 9,9 milligrammi ogni 100 grammi
  • Inoltre hanno un discreto contenuto di selenio, zinco, magnesio, niacina, riboflavina e tiamina.
  • I semi di chia sono anche ricchi di antiossidanti e di aminoacidi necessari per la formazione delle proteine da parte dell’organismo, tra cui citiamo metionina, cisteina e lisina.

Insomma…per il loro contenuto di aminoacidi, di vitamine e di sali minerali potremmo definirli un potente integratore naturale energetico per l’organismo! E detta degli esperti, i semi di chia arrecherebbero grossi benefici a livello dell’apparato cardiovascolare.

Semi di chia, impiego in cucina
I semi di chia si presentano croccanti dal sapore piuttosto neutro e per nulla sgradevole. Come possono essere impiegati in cucina?

  • Potete aggiungerli al muesli della colazione o accompagnarli a cereali e altri semi, come i semi di zucca o di girasole, per uno snack salutare e nutriente nel corso della giornata
  • Potete condire numerosi piatti tra cui insalate, pasta, risotti, orzo, miglio, legumi ed altri cereali a piacere. Potete aggiungerli a frullati di frutta e/o verdura
  • Potete usarli come elemento decorativo, su crostini e tartine su cui avete prima spalmato di salsine di ogni genere
  • Potete assumerli crudi come integratore alimentare naturale

Indicazioni utili: la dose consigliata corrisponde a un massimo di 25/30 grammi che corrisponde a quasi due cucchiai. Tuttavia prima dell’uso è consigliabile contattare il proprio medico curante per eventuali controindicazioni.

Semi di chia, informazioni nutrizionali
I semi di chia hanno 70 calorie ogni 15 grammi di prodotto, quantità che corrisponde a circa un cucchiaio di prodotto, con un apporto di circa 3 grammi di proteine e 7 grammi di carboidrati, oltre agli acidi grassi ed ai sali minerali già elencati. I semi di chia non possiedono colesterolo né zuccheri semplici.
E’ bene sottolineare che tali semi non possiedono glutine pertanto possono essere assunti anche da coloro che soffrono di celiachia o di intolleranza al glutine.

Semi di chia, conservazione
A differenza dei semi di lino, i semi di chia possono essere conservati anche per anni in dispensa all’interno di un contenitore ben chiuso lontano dall’umidità.

Semi di chia – dove comprarli

I semi di chia si possono comprare nelle botteghe bio più rifornite e in negozi specializzati. In commercio dei semi di chia è approdato anche online, infatti non mancano ecommerce ad hoc e proposte su portali di acquisti online dalla fama di Amazon.
Proprio su Amazon, 500 grammi di Semi di Chia sono proposti al prezzo di 7,83 euro.

Altre informazioni sui semi di Chia sono reperibili nella pagina intitolata “Semi di chia, controindicazioni e virtù“.

Nella foto, semi di Chia. Fonte vegolosi.it

Pubblicato da Anna De Simone il 22 agosto 2013