Come risparmiare energia in casa

Salvadanaio del risparmio

Come risparmiare energia nella vita di tutti i giorni? Il consumo di energia in casa è inteso soprattutto come trasmissione di calore dalla casa all’ambiente, vale a dire una dispersione di calore. Ci sono poi da considerare altri consumi legati al funzionamento di impianti vari ed elettrodomestici.

Gli elettrodomestici rivestono una grande importanza ai fini del risparmio di energia nel quotidiano ed è bene che siano scelti elettrodomestici efficienti (anche se costano qualcosa di più) perché ci faranno risparmiare anche su altre voci, come per esempio i detersivi. A questo proposito, si tenga presente che lavatrici e lavastoviglie efficienti funzionano al massimo del loro rendimento utilizzando anche solo la metà del detersivo indicato sulla confezione (vi sfidiamo a smentirci).

Per quanto riguarda la dispersione di calore dell’edificio, è noto che l’eccessiva sigillatura delle strutture perseguita per contenere i consumi incide negativamente sulla qualità dell’aria interna. Se per avere un’abitazione di classe A si usano tecniche sigillanti estreme, e magari materiali isolanti sintetici prodotti con emissioni nocive, il risultato saranno case poco salubri.

L’edificio, come un organismo vivente, deve poter respirare  in modo naturale. Tuttavia va tenuto presente che lasciare respirare l’edificio non significa non perseguire le soluzioni più idonee per evitare dispersioni di calore che si traduco in sprechi.

Lo scambio d’aria necessario per avere un ambiente domestico salubre e comfortevole può essere ottenuto (oltre che ottimizzando i comportamenti quotidiani) usando materiali isolanti dall’elevata inerzia termica ma ‘naturalmente traspiranti’. Qualche esempio? Il sughero biondo naturale, la lana, le fibre vegetali, tutti sufficientemente performanti ma più confortevoli dei materiali di sintesi.

Pubblicato da Michele Ciceri il 20 aprile 2013