Potentilla: caratteristiche e varietà

potentilla

Potentilla, pianta erbacea della famiglia delle Rosaceae, è diffusa in Europa e in Italia soprattutto nella sua versione annuale e può anche diventare infestante se erbacea. Come cespuglio o arbusto, è invece più gradevole e apprezzata. In verità fin dai tempi antichi è una pianta molto amata per le sue doti curativa. Il suo nome deriva dal latino “potens”, proprio perché utilizzata in Europa e in Asia, suoi luoghi di origine, come teonico o come astringente. Fiori, foglie e radici, tutto della Potentilla torna utile, è una specie a spreco zero.



Potentilla: pianta e sue caratteristiche

Coltivabile sia in vaso sia nel terreno, la Potentilla ha foglie caduche, di un colore che passa dal verde al blu ma sul retro sembrano argentate, anche perché ricoperte da una leggera peluria chiara. Le foglie sono composte da tante minuscole foglioline, da 3 a 7, ciascuna lunghe 3 cm.

I fiori spuntano a fine marzo e restano fino ad ottobre e assomigliano molto è per farcene una idea – a quelli della fragola e delle rose selvatiche. Sono formati da 5 petali, lunghi e di colore giallo, ma se ne vedono anche più verso il rosso o il bianco, arancioni o rosa.

La Potentilla è una pianta che ama follemente il sole e non è affatto turbata dalla luce solare diretta anche se non teme il freddo e resiste fino a quando la temperatura non scende sotto i -15ーC. E non ha tutti i torti!

Potentilla Reptans

La Potentilla reptans è una varietà di tipo erbaceo e perenne caratterizzata da modeste dimensioni: non supera il metro d’altezza. La sua fioritura è prevista verso metà estate, è senza dubbio piuttosto tardiva, ma poi procede rapida e crea superfici gialle meravigliose. Vale la pena di aspettare.

potentilla fruticosa

Potentilla Fruticosa

Questa varietà, detta Fruticosa, è invece della categoria delle arbustiva e non è perenne ma ha fogliame caduco. Può superare tranquillamente il metro di altezza raggiungendo i 160 cm, a metà primavera inizia a fiorire e prosegue fino all’inizio dell’autunno, regala mantelli di fiori di tinte vicino al giallo ma sa sorprendere con sfumature anche coraggiose, sempre in contrasto con le foglie scure e verdi.

Potentilla Erecta

Si chiama Erecta, ma questa Potentilla non è molto alta, anzi, non supera i 50-60 cm: è erbacea e perenne e fiorisce in estate. Lo fa producendo petali gialli, chiari e scuri, in abbondanza, fino ad autunno inoltrato.

potentilla recta

Potentilla Nitida

La più piccola in assoluto tra tutte le Potentille è questa, la Nitida. Una pianta erbacea perenne che è alta massimo sette centimetri. Eppure ha tutto il coraggio e la voglia di fiorire, proprio come le altre colleghe, nel periodo estivo, e sfoggiando bellissime corolle bianche o rosa.

Non è da tutti. Colori meravigliosi anche quelli della Atrosanguinea: erbacea perenne, di massimo 60 cm d’altezza, fonte di fiori color porpora con corolla di colore arancio.

potentilla nitida

Potentilla Goldfinger

La Goldfinger è una delle restanti 500 e più specie di Potentilla diffuse in tutte le aree del mondo. Dal nome si intuisce che i suoi petali sono color giallo oro. In generale nel nostro continente troviamo almeno 40 specie endemiche ma soprattutto di quelle erbacee, infestanti, non molto gradite, anzi… Le arbustive, a cespuglio, sono ben accolte in Italia come altrove, ce ne sono alcune anche rampicanti ma la maggior parte resta a terra. Fiorendo generosamente.

Potentilla: dove comprare i semi

Con 4 euro, circa, a bustina di semi di Potentilla on line ci si può rifornire per poi realizzare una bella distesa di fiori a 5 petali con tutte le sfumature dal giallo all’arancio di questa bella pianta.  Per assicurarsi un buon risultato, meglio annaffiare la pianta ogni tre settimane circa, se nel terreno, mentre in vaso la quantità è modulabile. E’ una pianta che resiste alla siccità e non è da potare continuamente: basta eliminare rami secchi e rovinati dopo la fioritura. Parassiti e malattie non sono un gran problema per la Potentilla che se ne frega e fiorisce comunque.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Ti potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 18 agosto 2016