La coltivazione degli ortaggi invernali

ortaggi invernali

Molti pensano che soltanto con le temperature miti è possibile avere un orto casalingo, in giardino oppure sul terrazzo di casa. Anche d’inverno possiamo dedicarci alla coltivazione domestica; ci sono molti ortaggi infatti, in grado di resistere alle temperature basse, alla scarsa durata della luce e ai cambiamenti climatici.

A tal proposito vi indicheremo quali sono gli ortaggi invernali facilmente coltivabili nel nostro spazio verde.

Ortaggi invernali, quali coltivare
Tra gli ortaggi invernali abbiamo la zucca, la bieta, il cavolfiore, la cipolla, il porro, i ravanelli, gli spinaci……insomma, un bel minestrone
Anche i fagioli, se scegliamo quelli più resistenti, possono essere piantati nei mesi più freddi per avere poi un buon raccolto a primavera; l’importante è avere cura di sistemare delle bacchette di sostegno per consentire alle piantine di crescere verso l’alto.

I piselli possono essere seminati a gennaio, avremo così un primo raccolto a primavera per poi seminarli a marzo così da avere un secondo raccolto in estate. Altre info le trovate nell’articolo “Come coltivare i piselli”
L’aglio cresce facilmente, sia nel vaso che nell’orto; basta mettere sotto terra qualche spicchio. Per altre info leggete “Come seminare l’aglio nell’orto”

Possiamo coltivare cipolle e scalogno, tra l’altro utili a difendere le piante più delicate dai parassiti.
Altro ortaggio che può essere facilmente seminato nel periodo invernale è la lattuga; potremo così godere di un primo raccolto a primavera poi del secondo in estate. Ovviamente possiamo spostare l’orto direttamente in casa per difendere gli ortaggi dai picchi di freddo.
Se si ha la possibilità di creare una buona copertura alle nostre semine invernali possiamo anche seminare le fragoline. Per la coltivazione ecco come procedere:

  1. Procuratevi grandi vasi in terracotta di forma rettangolare
  2. Riempiteli con del terriccio acido e aggiungete uno strato di letame fresco
  3. Al momento dell’impianto, distanziate le piantine circa 10 centimetri l’una dall’altra.
  4. Le piantine vanno innaffiate regolarmente e con una certa delicatezza, avendo cura di evitare i ristagni d’acqua.

Anche i pomodorini ciliegino non richiedono pratiche colturali particolari. Tra le diverse varietà di pomodoro ciliegino abbiamo la gold star, un pomodoro dalla forma leggermente ovale, di colore giallo oro. Per il suo tipo di crescita si consiglia di coltivarla in terra o in ampio vaso munito di tutore. Per approfondimento su come coltivare il pomodorino ciliegino vi rimandiamo alla lettura dell’articolo “Pomodoro ciliegino, coltivazione in orto e in vaso”

Chi non ha il pollice green e ha un terrazzo può approcciarsi alle piccole coltivazioni con le piante aromatiche dato che non richiedono pratiche colturali particolari. La cosa migliore potrebbe essere quella di realizzare una piccola collezione di aromatiche. A tal proposito vi rimandiamo alla lettura dell’articolo “Aromatiche in vaso o nell’orto, tutte le info”

Pubblicato da Anna De Simone il 23 agosto 2015