Lobelia: coltivazione e proprietà

lobelia

Lobelia erinus, una pianta che arriva dal Sudafrica ma già dal 1752 è presente in Europa e ci regala delle meravigliose fioriture. E’ perfetta per i frettolosi e per chi vuole tutto e subito perché ha la fama di crescere velocemente e di raggiungere in tempi piuttosto brevi la maturità.



Lobelia perenne

E’ molto amata, sia nella versione perenne, sia in quelle annuali, ma le perenni sono le più comode e pratiche. Ne troviamo spesso esemplari nei giardini, è tra le prime piante scelte quando si tratta di creare delle macchie di verde poi in grado di fiorire senza troppi problemi e senza troppe attese.

In generale i fiori sono di colore viola o blu ma possiamo trovare anche specie e cultivar che sfoggiano colori come rosso, rosa, lilla e arancione. Queste sfumature alternative vanno di moda più in Inghilterra e in altri paesi del nord Europa, ciascuno è comunque libero di scegliere in una gamma di oltre 300 specie, la maggior parte delle quali proviene da zone temperate e fresche, oppure tropicali.

Lobelia Cardinalis

Questa varietà ha la particolarità di avere una rosetta molto compatta costituita da foglie verde scuro e di grandi dimensioni. Da essa, in primavera, inizia a spuntare e crescere uno stelo carnoso, molto ramificato, rosso, che poi, raggiunto il metro di altezza, è pronto per mostrare fiori sempre color rosso vivo. Essi hanno il petalo basso trilobato e quello più in alto bilobato. Al termine della fioritura, compaiono capsule legnose piene di semi.

lobelia

Lobelia: pianta

La Cardinalis è una delle tante varietà esistenti della Lobelia, pianta dal portamento prostrato, ottima per ornare le aiuole ma anche per essere sistemata in vasi appesi. I suoi fusti sono sottili e flessibili, quasi elastici.

Lobelia: coltivazione

Da aprile fino ai primi freddi produce una cascata di piccoli fiori tubolari, di colore viola intenso; esistono varietà con fiori blu, azzurri, bianchi o nelle tonalità del rosa. Di facile coltivazione, è molto diffusa nei giardini europei, dove si coltiva da molti decenni.

Lobelia: fiore

Come accennato, il fiore della Lobelia di solito è blu/violletto ma può anche assumere colori differenti. E’ spesso associato ad altre piante come i gerani e le petunie, perché è in grado di creare contrasti di tinte molto interessanti, da dipinto.

Oggi possiamo infatti scegliere anche tra il celeste chiaro, il bianco, il rosa e il color porpora. Tra le cultivar più diffuse di Lobelia ci sono la Aubretia shades, in blu chiaro, blu scuro, porpora, rosso viola e bianco, la blue stone, solo azzurro chiaro, la Blue cascade, con i fiori azzurro cielo e dalle forme “strisciante”. Il fiore della Crystal palace è di un meraviglioso fiore blu scuro, quello della Rosamund di un particolarissimo bordeaux.

lobelia

Lobelia: proprietà

Tra le proprietà che contraddistinguono la Lobelia, trasversalmente, in tutte le sue varietà o quasi, ci sono le dimensioni ridotte delle foglie, dentate e verde scuro. Quasi tutte hanno degli steli fini e alti 2 cm, con un gran numero di fiori in cui solo 3 petali inferiori larghi mezzo cm formano un labbro con al centro un puntino bianco, tranne che in alcuni casi in cui il puntino viene omesso.

Economiche, come piantine, sono da sistemare in zone di mezz’ombra-ombra dove non ci sia troppo caldo. Vanno annaffiate regolarmente, per il resto sono piuttosto autonome nella crescita, oltre che veloci.

Lobelia gigante

Una delle varietà dalle dimensioni maggiori è la Siphilitica, chiamata così perché si pensava potesse curare la sifilide. Le sue foglie sono lunghe circa 10 cm, i suoi fiori blu sono larghi 2,5 cm e spuntano a metà estate all’autunno. Meno grande, ma particolarmente resistente, c’è la Laxiflora, legnosa alla base e con fiori composti da un tubo rosso e 2 labbra gialle. Questa Lobelia resiste fino a -7°C.

Lobelia sul balcone

Per il balcone consiglio la Speciosa, molto rustica e che presenta molti colori tra cui scegliere, inoltre si è molto facile da coltivare e sopporta temperature anche gelide.

Dalla rosetta basale partono molti steli eretti su cui poi troveremo in primavera, i fiori di colori che possono andare dal viola al rosa al porpora. Ottima per il balcone anche la L. Bedding, i suoi semi sono reperibili anche on line: 2000 semi a 1,18 euro. Ci regalerà fiori blu cielo!

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram 

Ti potrebbe interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 16 maggio 2017