Irrigatori dinamici e statici, quale scegliere

irrigatori dinamici e statici
Irrigatori dinamici e statici: scegliere il giusto irrigatore per il proprio spazio verde riveste un ruolo fondamentale nella cura di qualsiasi orto o giardino, grande o piccolo che sia. Installare il giusto impianto d’irrigazione comporta diversi vantaggi da un punto di vista tecnico-funzionale dato che molti di questi apparecchi si differenziano sotto molti punti di vista.


Che tipo di irrigatore usare? Ci sono due tipi di irrigatori interrati ad elevazione automatica: quelli statici e quelli dinamici.

Gli irrigatori statici sono dotati di uno o più ugelli, con getti a pioggia naturale oppure polverizzati. Offrono un ottimo rendimento con le normali pressioni domestiche. Possono essere di due tipi: ad angolo fisso o variabile; quelli ad angolo fisso in generale sono a 90, 180 e 360°. Alcuni modelli sono dotati di regolazione manuale dell’angolo, generalmente fra 20° e 360°: questa angolazione può variare in base al tipo e alla marca.
Negli impianti di irrigazione interrata gli impianti vengono installati al livello del suolo e fuoriescono solo nel momento in cui si irriga il prato: questo consente di avere libero accesso al giardino senza dover avere intralci di tubi.

Gli irrigatori dinamici sono muniti di un ugello d’uscita dell’acqua e di cilindro pop-up che ruota su se stesso che gli consente di erogare il getto d’acqua. Anche i modelli dinamici sono dotati di regolatore dell’angolo di rotazione. E’ possibile per esempio, irrigare un angolo di 220°: in questo caso l’erogatore, una volta arrivato al duecentoventesimo grado, effettuerà il percorso in senso inverso e pertanto tornerà al punto di partenza.

Differenza tra irrigatori dinamici e statici

La gittata dell’acqua, è decisamente inferiore negli impianti statici; hanno una gittata sotto i 5 metri. I più moderni impianti dinamici, invece, arrivano anche fino a 30 metri adattandosi così all’irrigazione di grandi prati e spazi verdi.

Altra differenza è data dall’intensità di aspersione degli impianti statici che risulta decisamente più elevata rispetto a quelli dinamici. Anche la pressione di funzionamento è diversa e non supera i 3 bar negli irrigatori statici.

Irrigatori dinamici e statici, quale scegliere

Non esiste una regola fissa per scegliere l’irrigatore giusto per le proprie esigenze. In genere si prediligono gli irrigatori dinamici per irrigare superfici libere e piuttosto ampie; quelli statici per irrigare superfici più piccole, irregolari e con ostacoli.

Tenete conto che gli irrigatori dinamici hanno un prezzo superiore rispetto quelli statici. In ogni caso, ricordatevi di non installare su una stessa linea irrigatori statici e dinamici insieme. Il tempo di impiego degli irrigatori dinamici, a parità d’acqua per mq è nettamente inferiore.

Dimostrazione esemplificativa: per un’area di prato con un tempo di erogazione di 15 minuti, un erogatore statico fornirà una determinata quantità d’acqua in modo continuo. Un erogatore dinamico, invece, fornirà a quella stessa area, l’acqua che vi cadrà solo quando il getto passa sopra di essa, pertanto molta di meno.
In sintesi, per quella superficie, per avere più o meno la stessa quantità d’acqua il tempo di erogazione con un irrigatore dinamico dovrebbe essere di circa 4 volte superiore rispetto un irrigatore statico.

Irrigatori dinamici e statici, consigli sull’installazione

  • Prima di procedere all’acquisto, valutate attentamente il progetto dato che una volta interrato, il vostro impianto sarà difficile da modificare.
  • Prima di installare l’apparecchio fate le prove fuori terra: comprate i tubi e tutto l’occorrente, stendete i tubi sul prato senza scavare, preferibilmente senza tagliarli e aiutandovi con dei picchetti.
    Osservate il vostro impianto al lavoro per qualche giorno. In questo modo sarà più semplice apportare delle modifiche.
  • Dopo che avete deciso come sarà il vostro impianto di irrigazione, potete iniziare con lo scavo: la profondità ideale è di circa 20, 30cm. Una buona profondità vi consentirà di lavorare la terra al sicuro senza eventuali danni all’impianto dovuti a fresature, zappature, colpi di vanga…..inoltre riparerà il tubo dal gelo.

irrigatori dinamici

Costruire un sistema di irrigazione interrato fai da te

Un sistema di irrigazione automatico può essere costruito con il fai da te seguendo i consigli sulla progettazione visti in precedenza. Per un approfondimento più dettagliato vi consigliamo la lettura degli articoli fai da te:

Tra i miglior prodotti per installare un impianto di irrigazione automatico segnaliamo:

Hunter Irrigatore a Scomparsa
Sistema di irrigazione professionale che comprende un set di ugelli per portate di tiro da almeno 4,6 metri fino a un massimo di 11,30 m. Il prezzo è di 15,19 €, proposto in offerta su Amazon.

Irrigatore a turbina PGP ADJ – dinamico
Si tratta di un set più economico, infatti ben 12 ugelli si comprano al prezzo di 18,49 euro. La distanza del getto va da 6,7 metri fino a 15,9 metri.

Pubblicato da Anna De Simone il 8 settembre 2015