Gelatina alimentare: cosa è e proprietà

gelatina alimentare

La gelatina alimentare è senza dubbio commestibile e la possiamo trovare in molti più cibi di quelli in cui immaginiamo ci sia. Andiamo a conoscere la sue proprietà non sorprendendoci se spunta tra gli ingredienti non solo di caramelle gommose o fogli di colla di pesce ma anche in quelli dello yogurt, delle torte, dei dolci, delle marmellate, dei formaggi, del cibo degli animali e a volte persino la troviamo nel vino!



Gelatina alimentare: cosa è

Si tratta di un prodotto edibile che serve per conferire consistenza e solidità a certi alimenti. Qualche esempio lo abbiamo appena visto, in essi la gelatina alimentare gioca il ruolo di “condensante” e di “solidificante”. Parlare di gelatina alimentare vuol dire poco o nulla perché di fatto esiste quella di origine vegetale e anche quella di origine animale, due prodotti che risultano essere ben diversi l’uno dall’altro. Quale scegliere? Ci sono pro e contro su entrambi i fronti.

Gelatina alimentare: cosa contiene

Partiamo dalla gelatina alimentare animale ottenuta di norma attraverso un processo di idrolisi dai tessuti connettivi animali. Dopo l’essicazione, la filtrazione e la purificazione si riesce ad ottenere un alimento solido da conservare a temperatura ambiente anche per lungo tempo e caratterizzato da una consistenza del tutto particolare.

C’è poi la gelatina alimentare vegetale che si ricava, ovviamente, da vari alimenti di origine non animale. Tra le gelatine più utilizzate troviamo la pectina, derivante dalla frutta, e la gelatina vegetale di altre origini ancora, oppure l’agar agar, derivante da varie tipologie di alghe rosse. Questo tipo di gelatine è partita un po’ in sordina in Italia dove oggi si sta diffondendo soprattutto per via delle persone che seguono un regime alimentare vegano o vegetariano e le usano per ricette dolci e salate. Per preparare ad esempio budini e panne cote ma anche creme e condimenti, oppure salse. Oggi la si può trovare anche nel bancone dei dolci di un qualsiasi supermercato oltre che nei soliti classici negozi di prodotti biologici che la tengono da sempre.

Gelatina alimentare: proprietà

Partiamo dalla gelatina animale per valutarne i pro e i contro. La più nota è senza dubbio la colla di pesce con il suo nome sviante visto che può essere ricavata da tutt’altro tipo di animali tra cui suini e bovini. Questo prodotto è ben reperibile nei supermercati, nelle etichette la troviamo indicata con il nome di E441.

Al di là del caso particolare della colla di pesce, la gelatina animale è composta da proteine del tessuto connettivo, dette collagene. Tra i vantaggi di questo alimento c’è il fatto che presenta delle ottime proprietà nutritive e benefici per l’organismo umano, ha un effetto antiossidante e aiuta il lavoro delle articolazioni. La troviamo impiegata anche in cosmetica, c’è infatti chi si fa degli impacchi ai capelli a base di colla di pesce!

Ci sono anche dei contro, soprattutto se si consuma questa gelatina in modo eccessivo, perché potrebbe scatenare delle allergie oppure degli effetti collaterali come mal di stomaco e cattiva digestione. Lo stesso vale se una persona ha sviluppato una intolleranza alimentare per questa sostanza.

Essendo “animale”, questa gelatina è ricavata da cotenne, tessuti sottocutanei o altre parti, non è certo molto indicata per chi sceglie una dieta vegana o vegetariana ma gli altri possono consumarla in giusta misura, certi che sia controllata da un’associazione, la Gelatine Manufacure of Europe (GME) che si occupa dei monitorare la produzione di questo alimento per tutelare produttori e consumatori.

E la gelatina alimentare vegetale? E’ di certo una sostanza facilmente digeribile oltre ad avere un apporto calorico molto vicino allo zero, è adatta per diabetici, non contenendo zuccheri. La si ricava anche dalla frutta, ma non solo, perché molto spesso per ottenerla si parte dall’amido come lo xantano, dal kuzu, dalla fecola di maranta, dal guar, o dal carrube, dalla carragenina (alghe irlandesi).

Non ci sono particolari effetti collaterali per questo alimento ma a livello di resa culinaria può risultare meno performante rispetto a quella animale.

gelatina alimentare

Gelatina alimentare: ricetta

Una ricetta gradevole che riguarda la gelatina alimentare è quella di melagrana, da preparare con zucchero 500 g, Limoni succo e scorza. Prima di tutto prepariamo i barattoli che la conterranno, come prescritto dal Ministero della Salute, sanificandoli a dovere, tappi compresi. Cominciamo poi a sbucciare e sgranare le 5 melagrane che abbiamo, eliminando tutte le parti giallognole che possono risultare amare e sgradevoli. Una volta passati i chicchi nel passaverdure con il succo ottenuto, filtrato, possiamo creare una miscela mescolandolo un mezzo limone, lo zucchero, la bustina di Fruttapec e la buccia di limone intera.

Passandovi insistentemente una paletta otterremo un composto omogeneo da lasciare bollire per 30 minuti per poi eliminare la scorza di limone. Possiamo a questo punto versare quanto ottenuto nei vasetti che avete precedentemente sanificato, tappandoli e mettendoli capovolti su un piano. Una volta raffreddati i barattoli possiamo verificare che si sia creato il sottovuoto, poi è tutto pronto!

Pubblicato da Marta Abbà il 16 Luglio 2019