Ficus robusta: coltivazione e cure

ficus robusta

Il suo nome botanico è ficus elastica robusta ma è nota anche come ficus robusta, pianta del caucciù, albero della gomma o ficus elastica. Si tratta di una pianta facile da coltivare e che necessita di poche cure. 

Il ficus robusta è coltivata, nelle nostre zone, come pianta ornamentale da interno. Si tratta di un ottima pianta da appartamento: le sue foglie hanno un elevato valore ornamentale.

Istruzioni alla coltivazione del ficus robusta

Ficus robusta: coltivazione e cure da dedicare alla pianta. Dalla potatura alla concimazione, quando irrigare e cosa fare se cadono le foglie.

Si può coltivare in giardino?

Si può coltivare anche all’esterno? Qual’è la temperatura minima che riesce a tollerare? 
Sono ottime domande se si considera che il Ficus macrophylla, una specie di ficus molto simile al ficus robusta, viene coltivato nel meridione d’Italia con grosso successo.

In Sicilia, in Calabria, in Puglia e in alcune zone della Campania, se le condizioni climatiche sono favorevoli, la pianta si può coltivare all’esterno.

Parliamo di una pianta che nel suo habitat naturale può raggiungere i 60 metri di altezza, anche se mediamente la lunghezza si assesta intorno ai 30 metri. Quando coltivata in appartamento, in vaso, il ficus elastica robusta cresce solo fino a 2 metri.

In piazza Marina a Palermo, vi è un esmplare di Ficus macrophylla (un parente stretto del Ficus robusta) alto 30 metri e con una chioma dal diametro di 50 metri. Questo albero è un vero spettacolo e se ti trovi in Sicilia, non dovresti perderlo!

Ficus robusta: coltivazione e cure

Nonostante i soprannomi “albero della gomma” o “fico del caucciù“, la vera specie botanica dalla quale si produce la gomma naturale è la Havea brasiliensis. Il nome ficus elastica robusta scelse questo nome semplicemente con per la similitudine dei frutti che somigliano ai fichi (Ficus carica).

Vediamo come coltivare ficus robusta e quali sono le cure da dedicare alla pianta. Partiamo dalla domanda: il ficus robusta sopporta il freddo? Quali sono le temperature minime che riesce a sostenere?

Temperature. Il ficus elastica tollera bene il caldo ma non sopporta il freddo. Sebbene possa sopportare temperature minime più basse, consigliamo di non esporla a temperature inferiori ai 14 °C. Ecco perché la consigliamo come pianta da appartamento da coltivare in vaso.

Esposizione. Non va esposta a correnti fredde ne’ a vento. In estate, infatti, se vuoi tenerla all’aperto, dovrai porla in un luogo dove non c’è vento. Necessita di molta luce ma non con sole diretto.

Il ficus robusta con foglie variegate sono più sensibili: queste varietà vogliono più luce! La varietà a foglia verde tollera meglio la scarsa quantità di luce.

Rinvaso

Un primo rinvaso è sempre consigliato dopo l’acquisto. Successivamente al primo rinvaso basterà rinvasare la pianta ogni 2 anni. La pianta ha una crescita modesta. Per il rinvaso, scegli un contenitore di soli due centimetri di diametro superiori al precedente.

Non solo il diametro, per il ficus elastica robusta bisogna considerare anche la profondità Questa pianta vuole una profondità di almeno 25 cm. Se scegli un vaso più ampio e profondo, puoi provare a coltivare simultaneamente più ficus.

La coltivazione di diversi ficus nello stesso vaso regala un effetto molto ornamentale. i ficus hanno le medesime esigenze quindi anche le cure diventeranno più semplici.

Potatura

La potatura si esegue solo se la pianta cresce troppo in verticale (in altezza) senza ispessire il fusto e solo se strettamente necessaria. La potatura si può eseguire in primavera per ripristinare una chioma compatta e ordinata.

Irrigazione

Come la gran parte delle piante da appartamento, anche questa non vuole acqua calcarea. Per l’irrigazione utilizza acqua distillata oppure, meglio ancora, acqua piovana. Prima di irrigare, controlla il terriccio che deve essere sempre umido.

Ogni quanto irrigare?
In estate si irriga ogni 3-4 giorni. In inverno ogni 7-8 giorni. Prima di irrigare verifica l’umidità residua nel terreno… puoi usare un sensore oppure affondare un dito nei primi due cm di suolo.

Dopo mezz’ora dall’irrigazione, svuota il sottovaso. Sul fogliame, vaporizza dell’acqua per aumentare l’umidità prossimale alla pianta. Anche in questo caso dovrai usare acqua non calcarea.

Concimazione

La regola universale è questa: meglio mettere poco concime che troppo! Il ficus robusta non ha elevati fabbisogni nutrizionali. Da aprile a settembre, cioè nel periodo di maggiore vegetazione, si può concimare ogni 10 – 13 giorni. Da ottobre a marzo, basta concimare ogni 22 – 25 giorni.

Prima di concimare la pianta, bagna il terriccio. Puoi usare sia un concime liquido per piante verdi che un concime a bastoncini o granulare. Non usare concime universale ma impiega del concime per piante verdi.

Il ficus perde le foglie

Il ficus robusta è soggetto ai classici problemi del genere ficus. Se al tuo ficus cadono le foglie stai sbagliando qualcosa nella sua coltivazione. Rivedi le cure che bisogna dedicare alla pianta. In genere il ficus robusta perde foglie quando c’è poca luce, è esposto a temperature troppo basse o troppo alti (attento ai termosifoni o all’aria condizionata). Sposta la pianta in un luogo più luminoso e ricorda di vaporizzare le foglie con acqua non calcarea.

Pubblicato da Anna De Simone il 15 Giugno 2019