Festa della Mamma: 10 idee regalo green

festa della mamma

Festa della mamma, una festa civile che in tutto il mondo è in qualche modo festeggiata. Non è sempre lo stesso giorno ovunque, una curiosa occasione per celebrare più volte la Festa della Mamma viaggiando, e per capire come ogni Paese intende questa ricorrenza. Con più date, però, non ci sono scuse per scordarsi un pensiero alla mamma, e non può che essere green: a chi affidarci, infatti, se non a Madre Natura?



Festa della Mamma: origini

In Italia la Festa della Mamma è frutto della politica della famiglia dell’epoca fascista, infatti i primi tentativi di celebrarla risalgono al 1933, in verità l’idea era da tempo nella mente delle popolazioni di tutta la Terra. Le vere origini della Festa della Mamma sembrano legate alla volontà delle antiche popolazioni politeiste di dedicare un momento nell’anno solo per le divinità femminili legate alla terra e alla sua ritrovata fertilità.

La tradizione è stata ripresa nell’antica Grecia con celebrazioni in onore della dea Rea, madre di tutti gli Dei, e nell’antica Roma con una intera settimana in onore alla divinità Cibele, simbolo della Natura e di tutte le madri.
L’antenata della Festa della Mamma è la Giornata nazionale della Madre e del Fanciullo, per la prima volta celebrata il 24 dicembre 1933, connessa con il Natale e segnale esplicito della linea politica del governo fascista pro famiglia. Infatti nell’occasione si premiavano le madri più prolifiche d’Italia.

La festa della mamma ha cominciato a spostarsi a maggio a metà degli anni cinquanta: nel 1956, Raul Zaccari, senatore e sindaco di Bordighera ha iniziato a celebrarla la seconda domenica di maggio del 1956 nel Teatro Zeni della propria città. L’anno successivo don Otello Migliosi parroco di Tordibetto di Assisi, l’ha celebrata con tutt’altro significato, ovviamente religioso, in questo caso, ma sempre a maggio.

Così il 18 dicembre 1958 è stato proposto un disegno di legge per istituire la festa della mamma e dopo non poche discussioni, è stato approvato. Prima l’otto di maggio, poi dal 2000 ogni seconda domenica di maggio: l’idea è stata cambiata in corsa per adeguarsi, guarda caso, agli Stati Uniti.

festa della mamma

Festa della Mamma: quando ricorre

Come abbiamo spiegato, dopo varie vicende, si è arrivati a celebrare la Festa della Mamma la seconda domenica di maggio, partendo dalla vigilia di Natale. Questa ricorrenza,però, sembra molto volubile e, sperando che in Italia non si cambi di nuovo data – maggio con le rose è perfetto per Madre Natura – basta guardare oltre confine per avere altre date e rischiare di fare confusione.

Non esiste, infatti,e chissà se mai esisterà, un unico giorno dell’anno che accomuni tutti i Paesi che hanno nelle loro corde la Festa della Mamma. Marzo è il mese più gettonato: San Marino, festeggia sempre il 15 marzo, ad esempio, la Slovenia il 25 marzo e l’Albania l’8 marzo. Con noi, a maggio, ci sono Svizzera, Slovacchia, Croazia, Stati Uniti, Malta e Giappone, tutti allineati e puntuali nella seconda domenica di maggio, la Polonia resta a maggio ma si è fissata sul 26.

festa della mamma

Festa della Mamma nel mondo

Già la varietà di date fa capire come la Festa della Mamma sia una ricorrenza a libera interpretazione, al contrario di molte altre. E forse, questo fa parte anche del fascino di questa occasione che può essere trasformata in opportunità. Per alcuni commerciale, certo, come negarlo, ma per altri anche civile, sociale, religiosa, di pace, di diritti, di rivendicazione… o semplicemente di materno amore.

Prima dell’Italia, a introdurre la Festa della Mamma nel proprio calendario, ciascuno a modo proprio,con percorsi culturalmente diversi, sono stati nel 1917 la Svizzera, nel 1918 la Finlandia, nel 1919 la Norvegia e la Svezia, nel 1923 la Germania e nel 1924 l’Austria. Non siamo tra i primi ma ci siamo arrivati anche noi, a modo nostro, nella pausa tra i due conflitti mondiali e in pieno regime fascista.

Curioso andare a indagare come ogni Paese è arrivato a istituire la Festa della Mamma e perché . Due esempi curiosi e dalla storia piuttosto originale sono quello inglese e quello americano.

In Inghilterra l’idea di omaggiare la figura della mamma in un particolare giorno risale al XVII secolo ma con un significato ben differente dall’attuale. La Festa della Mamma, il”Mother’s Day” era chiamato “Mothering Sunday”, cadeva la quarta domenica di quaresima, ed era il giorno in cui tutti i bambini che vivevano lontano dalle loro famiglie, per imparare un mestiere o per guadagnarsi da vivere, ritornare a casa per un giorno. Dalla mamma, appunto.

festa della mamma

Tutt’altra storia quella che negli Stati Uniti ha fatto nascere la Festa della Mamma: oltreoceano l’idea del “Mothering Sunday” non ha preso piede ed è grazie a ideali pacifisti e a due figlie particolarmente attiviste e intraprendenti che oggi si festeggia la Festa della Mamma. Il primo tentativo è legato infatti ai movimenti sociali che chiedevano il suffragio alle donne e predicavano la pace: siamo nel maggio del 1870 e Julia Ward Howe, pacifista, si attiva per l’istituzione del Mother’s Day.

La società e il governo non sembrano molto convinti, così Anna M. Jarvis, dopo la morte della madre attivista, ci riprova, anni dopo, chiedendo che fosse istituita una festa nazionale dedicata a tutte le mamme. Nel maggio del 1908, a Grafton nel Massachusetts, ecco la prima Festa della Mamma “made in USA” il cui simbolo è diventato subito il garofano: fiore preferito dalla defunta madre di Julia W.H.

Festa della Mamma: 10 idee regalo green

Il pensiero pensiero, per la Festa della Mamma ci vuole, se poi vogliamo aggiungerci il classico “pensierino”, facciamolo green. Utile, ecologico e che suggerisca alla festeggiata uno stile di vita in armonia con Madre Natura. Se ama i ricordi e la casa, magari ha già qualche nipote che mostra con fierezza alle amiche, ecco un alberello portafoto da scrivania in versione nera o bianca. Semplice e di stile, è perfetto per ospitare le migliori foto di famiglia, o di viaggio. A 20 euro, io lo regalerei bianco, alle mamme piace di più, è più solare, in casa.

festa della mamma albero foto

Per una mamma che invece di rifugiarsi nei ricordi, è un tipo sportivo e con le amiche si fa la sua corsetta o camminata al parco, c’è una fascia e pratica perché porti con sé il cellulare, per ascoltare la radio, la musica o chiamare…. noi! A 8 euro è molto apprezzato anche se non si corre da professionisti ma si passeggia con il cane nel verde.

Se non corre ma pedala, per la Festa della Mamma, la nostra può apprezzare un cestino per biciclette in vimini, stile vintage, perfetto sia per la città che per gite fuori porta. Non sarà mai fuori luogo,al contrario, sempre comoda ed elegante.

Tornando a casa, una buona tisana è il top per rilassarsi, e il top del top è il Kusmi Tea – Tè Kashmir Tchaï: una super confezione da 38euro basterà per mesi e mesi, relax assicurato, anche da offrire alle amiche. Quelle simpatiche, perché è un tè pregiato.

festa della mamma mug

Per sorseggiarlo pensando a chi glielo ha regalato, noi, possiamo associare una tazza simpatica con una donna vittoriana e scritta “Yummy Mummy, in tema con la Festa della Mamma, a 10 euro, con la scritta “Yummy Mummy”. Io la trovo molto originale, sdrammatizza il tè chic.

Sempre per il relax personale, oggi regalo prezioso e sempre azzeccato coi tempi che corrono, possiamo anche pensare ad un massaggiatore in legno (15 euro) perfetto sia per le gambe, sia per la schiena e il collo. E’ studiato per far aumentare la circolazione nei muscoli doloranti ma anche solo per alleviare la tensione. E’ fatto a rullo e non lo cederà a nessuno una volta provato.

Se non è un “tipo da massaggio” lo sarà almeno da crema, e allora ecco quella di Papavero, per il corpo, ottima con l’arrivo dell’estate, a 18 euro.

A proposito di papavero, un altro regalo green e di stagione riguarda i fiori, appunto: un libro per riempire il proprio terrazzo o giardino di colori e profumi. A 20 euro la guida con oltre 100 schede di piante e fiori tra cui scegliere, di Edagricole: “Piante da terrazzo e da balcone. I consigli dell’esperto per terrazzi e balconi fioriti”.

festa della mamma set giardino

Per le donne già pratiche, che con la guida si potrebbero offendere, meglio optare per il set da giardino, completo e comodo, a 17 euro, perché non è vero che l’erba del vicino è sempre più verde. Non nella Festa della Mamma.

Il regalo che non delude mai è questo: un libro di ricette gustose e soprattutto dolci. Così l’abbraccio e l’attenzione che dedichiamo alla mamma alla sua festa sarà indimenticabile e da leccarsi i baffi. Il titolo è Dolci vegolosi. Piccolo manuale di pasticceria vegana: tutte le basi e tante facili ricette”. (Edizioni Gribaudo – 15 euro). Non c’è mamma, onnivora o vegetariana, che potrà resistere a queste bontà.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Ti potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 7 maggio 2016