Come eliminare i ponti termici

ponte-termico-4a

Prima di capire come eliminare i ponti termici, vediamo di cosa si tratta. I ponti termici rappresentano aree in cui avviene uno scambio di flusso e un conseguente aumento della dispersione della temperatura, l’esempio più classico di ponte termico in ambito domestico è dato dall’incrocio di due muri ma anche da serramenti e dall’incontro di elementi costruttivi di materiali diversi.

Eliminare i ponti termici significa ridurre drasticamente il rischio muffa: con l’eliminazione dei ponti termici si avrà una riduzione della dispersione di calore e una riduzione del rischio muffa sugli intonaci interni grazie all’abbattimento dei rischi di condensa.

Come eliminare i ponti termici, l’isolamento a cappotto
L’isolamento a cappotto può essere realizzato in diversi modi come per esempio l’applicazione di lastre isolanti o più semplicemente rivestendo la parete con spessori adeguati di termointonaci. L’isolamento a cappotto sembrerebbe il metodo più efficace per eliminare i ponti termici anche se esistono soluzioni più drastiche.

Come eliminare i ponti termici, i rifacimenti
Chi deve ristrutturare casa può eliminare i ponti termici con un intervento più drastico che consiste nella demolizione della parte edilizia che funge da ponte termico così da provvedere al corretto rifacimento. Questo sistema è consigliato per eliminare i ponti termici creati da sporgenze, balconi o aggetti, dove un intervento con il cappotto termico risulta inefficace.

Come eliminare i ponti termici, le finestre
Se il ponte termico riguarda i serramenti, si possono impiegare soluzioni che vanno a mitigare gli effetti dei ponti termici. Tra le varie soluzioni proposte dal settore dell’efficienza energetica, segnaliamo i vetri termoisolanti, supportati da strutture con bassa conducibilità termica. In questo contesto, il rimedio più blando è data da apposite guarnizioni.

Come eliminare i ponti termici, gli incentivi
Ricordiamo che gli interventi di ristrutturazione che prevedono una riqualificazione energetica dell’edificio hanno un surplus di detrazione del 15%, in altre parole, grazie all’Ecobonus si può accedere a uno sgravio fiscale della spesa sostenuta per l’intervento del 65% .

Come eliminare i ponti termici, i materiali più efficienti
Quando si parla di isolamento termico bisogna tenere in mette il cosiddetto “Fattore U”. Il fattore U rappresenta la trasmittanza termica che esprime la quantità di calore che nell’unità di tempo può attraversare un elemento di superficie di 1 metro quadrato in presenza di una differenza di temperatura di un grado tra l’interno e l’esterno. In altre parole, in Fattore U rappresenta il complesso degli scambi termici tra la superficie esterna di una parete e quella interna. Più il Fattore U di un materiale è elevato meno idoneo sarà quel materiale per l’impiego edile, al contrario, più basso sarà il valore U e maggiore sarà il suo isolamento termico.

Foto | http://casa.umbriaonline.com/

Pubblicato da Anna De Simone il 1 marzo 2014