Come coltivare la magnolia stellata

magnolia stellata pianta

Come coltivare la magnolia stellata: dal concime alle cure da dedicare alla pianta, dove collocarla, potatura e fioritura.

La magnolia stellata è una pianta di origine giapponese, si adatta bene al nostro clima e può essere coltivata in tutta Italia. In questa pagina ti darò dei consigli su come coltivare la magnolia stellata e su quali cure dedicare alla pianta (concimazioni, esposizione, potatura…).

Magnolia stellata, pianta

La magnolia stellata è una pianta molto resistente al freddo, può essere coltivata a cuor leggero anche nei giardini di chi abita nell’estremo Settentrione d’Italia.

La pianta è famosa per i suoi fiori profumati. La magnolia stellata è una pianta piuttosto resistente: non necessita di molte cure a meno che non sia coltivata in vaso.

Le dimensioni della magnolia stellata sono contenute: presenta una crescita modesta e in media non supera i 2 metri di altezza.

Magnolia stellata, fiori

La fioritura è precoce: fin da marzo, sui rami ancora spogli, iniziano a spuntare i primi fiori bianchi a forma di stella. Ai fiori seguono delle foglie grandi, lucide e di un bel colore verde chiaro.

Coltivare la magnolia stellata in vaso

Si può coltivare la magnolia stellata in vaso? Sì, a patto che il diametro del contenitore sia almeno di 60 cm. La magnolia in vaso necessita di cure più costanti: irrigazioni e concimazioni dovranno essere più frequenti.

Il vaso va riempito con del terreno fresco e fertile: arricchisci il terreno con del concime a lenta cessione.

Per sostenere la fioritura e rendere la pianta più vigorosa, dovrai rinnovare la concimazione periodicamente: concima a fine febbraio, a fine aprile e a fine giugno.

I concimi a lenta cessione sono facili da trovare, meglio se ne usi uno con un buon tenore di potassio così da garantire una buona fioritura. Un concime adatto alla magnolia è quello con la composizione tipo NPK 16-7-15, arricchito con microelementi. Un ottimo concime perfetto per la magnolia stellata lo trovi a “questa pagina Amazon“, proposto al prezzo di 19,39 euro con spese di spedizione gratuite per un sacco da 4 kg.

Puoi comprare un concime analogo presso qualsiasi garden center, nei vivai o presso i consorzi agrari: prima dell’acquisto ricorda sempre di verificare l’apporto di azoto (N), fosforo (P) e potassio (K).

Fin dalla prima messa a dimora, scegli un vaso dalle dimensioni importanti (come premesso, almeno 60 cm), questo perché la magnolia stellata è sensibile al rinvaso e ai trapianti.

coltivare magnolia stellata

Usando un vaso da 60 cm, piuttosto che rinvasare la magnolia dovrai provvedere a rimuovere il terriccio più superficiale e rimpiazzarlo con del terreno fresco.

Come coltivare la magnolia stellata

Chi abita in prossimità del mare dovrebbe evitare questa pianta: la magnolia stellata non sopporta la salsedine, ne’ il caldo torrido. Chi abita nel meridione d’Italia potrà piantare la magnolia in posizione a mezz’ombra.

La magnolia deve essere posizionata in posizione soleggiata (in pieno sole o a mezz’ombra). Resiste bene alle gelate e alle basse temperature.

Prima della messa a dimora, meglio se esegui una vangatura profonda interrando del letame maturo o del letame pellettato.

Come potare la magnolia stellata

La potatura deve essere minima. Limitati a rimuovere i rami secchi, danneggiati o eccessivamente sviluppati rispetto la chioma.

Magnolia stellata e Magnolia macrophylla

In molti forum e portali di giardinaggio, si legge che il nome scientifico della magnolia stellata è “magnolia macrophylla”, in realtà questo non è affatto esatto.

La Magnolia macrophylla è originaria degli Stati Uniti sudorientali e del Messico orientale. Come la magnolia stellata è un albero deciduo (perde le foglie in autunno) ma presenta foglie e fiori diversi. Le foglie della magnolia macrophylla sono di dimensioni superiori e anche i fiori sono diversi.

La magnolia stellata (Magnolia Yulania stellata), anche nel suo massimo sviluppo, raggiunge appena 2,5 m e una larghezza di 4,6 m. I fiori sono larghi 7 – 10 cm.

Nella foto in alto, il classico fiore bianco della magnolia stellata bianca. Nella foto al centro, i fiori della magnolia stellata rosa, una pianta ibrida ottenuta incrociando le specie magnolia stellata e magnolia kobus. Questo ibrido, anche se è noto al pubblico come magnolia rosa o magnolia stellata rosa, ha il nome botanico “Magnolia x loebneri”.

Per la coltivazione della magnolia grandiflora in vaso, è disponibile la guida: magnolia in vaso.

Vi potrebbe interessare anche

Pubblicato da Anna De Simone il 10 aprile 2018