Come coltivare piselli

coltivare piselli

Come coltivare piselli: si possono coltivare praticamente in tutta Italia ed esistono varietà per ogni esigenza. Una guida dettagliata su come si coltivano i piselli: dalla messa a dimora fino al raccolto.


Coltivare piselli, la varietà

Scegliete la varietà in base alle disponibilità di spazio e alle vostre preferenze. Le varietà di pisello si suddividono in tre grandi famiglie; tale classificazione è eseguita in base alle dimensioni che raggiungono le piante, così abbiamo:

  • Varietà nane, le piante raggiungono un’altezza compresa tra 35-60 cm.
  • Piselli semirampicanti, anche detti a mezza-rama; i piselli semirampicanti hanno un’altezza tra i 70 – 80 cm fino a 120 cm.
  • Piselli rampicanti, dove la pianta in piena vegetazione raggiunge un’altezza fino a 150-180 cm.

Una menzione a parte va dedicata ai piselli mangiatutto, anche conosciuti come taccole. Queste varietà danno vita a ortaggi dove si consuma l’intero baccello (ecco perché mangiatutto). L’altezza delle piante è compresa trai 60 e 120 cm.

Coltivare piselli, la semina

Quando si semina il pisello? Il periodo più indicato per la semina del pisello va, di norma*, da fine febbraio ai primi di aprile in modo che le raccolte si possano completare entro il mese di giugno.

*abbiamo detto “di norma” perché le semine si eseguono in base agli andamenti climatici. In generale, tenete presente che le temperature più adatte alla germinazione della semente sono comprese tra i 10 e i 24 °C.

Il pisello si semina a file, in piccoli solchi e a una profondità di 2-3 cm e a una distanza tra un seme e l’altro di 5 cm.

Le distanze tra le file in base alla varietà
-Per le varietà nane occorre una distanza tra le file di 40 – 50 cm
Per le varietà semirampicanti bastano 60 – 80 cm
-Per le varietà rampicanti la distanza è di 100 – 120 cm.

Durante la semina, il vostro peggior nemico sarà il volatile: gli uccelli vanno ghiotti dei semi di piselli! A tal proposito potete mettere delle strisce catarifrangenti oppure sfruttare la nostra guida su come costruire uno spaventapasseri. La cosa più saggia, per proteggere le coltivazioni di piselli, sarebbe quella di installare dei piccoli tunnel ricoperti di rete antiuccelli.

Quando le piantine avranno raggiunto l’altezza di qualche centimetro, rimuovete le protezioni e tenetevi pronti -nel caso abbiate seminato varietà semirampicanti e rampicanti- a installare dei supporti. I sostegni serviranno per assecondare la crescita delle piante. Per realizzare i supporti è possibile sfruttare materiale di vario genere.

Per le varietà semirampicanti, vi basteranno reti alte 1 – 1,50 metri. Mentre per quelle rampicanti le reti dovranno essere alte quasi il doppio. Chi gestisce un orto domestico o coltiva in balcone, può sfruttare le ringhiere o le cancellate come supporti, anche in questo caso, però, bisognerà installare delle ramaglie.

Ricordate che il pisello è un ortaggio che migliora la fertilità del terreno tanto che è impiegato per la pratica del sovescio.

Vi potrebbe interessare anche l’articolo “Piselli: proprietà e valori nutrizionali”

Pubblicato da Anna De Simone il 5 dicembre 2014