Coltivare la borragine in vaso o in orto

coltivare borragine

Coltivare la borragine: istruzioni sulla coltivazione della borragine in orto o in vaso. Dalla moltiplicazione alle esigenze colturali. 



La coltivazione della borragine è molto diffusa sia per la produzione dell’olio dei suoi semi, sia per le sue proprietà nutrizionali e per gli usi in cucina.

La borragine officinaleborragine selvatica, botanicamente nota come borago officinalis, è una pianta erbace annuale della famiglia delle Boraginaceae. Questa pianta cresce spontaneamente in gran parte dell’Europa, Italia inclusa.

Nell’orto o in vaso, la borragine si può coltivare come piante annuale. Può raggiungere 80 cm di altezza, è dotata di grosse foglie ovali ellittiche, picciolate, che presentano una ruvida peluria. Le foglie verdi scuro raggiungono una lunghezza di 10-15 cm e sono il motivo che spinge molti ortisti ad avviare coltivazione di borragine in vaso o in orto: le foglie sono molto apprezzate in cucina sia per il sapore, sia per le proprietà benefiche. Per conoscere come cucinare la borragine vi rimandiamo all’articolo sugli usi della Borragine in cucina.

Coltivare la borragine: la moltiplicazione per seme

Per iniziare una coltivazione di borragine si consiglia di iniziare con la semina: la borragine sopporta male i trapianti e anche la moltiplicazione per talea fogliare restituisce scarsi risultati.

Per i semi, sono facili da prelevare in pieno campo! Per la raccolta dei semi dovete attendere la fioritura e seguire le istruzioni contenute nell’articolo raccogliere semi di rucola. E’ vero che la specie è diversa ma i semi di queste due piante si raccolgono in modo analogo. Chi non vuole aspettare può acquistare i semi presso un vivaio di fiducia oppure sfruttando la compravendita online: su Amazon una bustina di sementi di borragine è proposta al prezzo di 9, euro con spedizione gratuita.

Come coltivare borragine

La raccolta delle foglie da destinare alla cottura o alla preparazione di infusi, si potrà eseguire già dopo 2 mesi dalla semina. Il periodo adatto per la semina varia in base alla zona climatica e in base al tipo di semina:

  • con la semina in pieno campo i semi di borragine vanno interrati alla profondità di 1 cm. Il periodo migliore cade agli inizi della primavera, quando le temperature avranno raggiunto i 10 °C.
  • La semina al coperto può avvenire da gennaio fino ad aprile.
  • Nell’Italia meridionale si può seminare da marzo fino a luglio; in realtà, nelle zone a clima mite dove gela raramente, è possibile seminare anche in autunno per poi raccogliere la borragine nei primi mesi di primavera.

Per la coltivazione in pieno campo, le piantine di borragine vanno distanziate 20 centimetri l’una dall’altra. Potete coltivarle anche ai margini dell’orto, in un luogo assolato.

Per la coltivare borragine in vaso, scegliete del terriccio ben drenato, soffice e fertile. La borragine si sviluppa molto velocemente e darà vita a una pianta rigogliosa: scegliete dei contenitori abbastanza capienti!

Durante la coltivazione non dovrete eseguire alcun rinvaso, quindi coltivate la borragine mettendo a dimora la piantina ben sviluppata dopo aver seminato al coperto, oppure seminate direttamente in vaso. Se il clima è mite i semi germineranno con estrema rapidità. Anche in questo caso i semi di borragine vanno impiantati a una profondità di poco meno di un centimetro. Dopo la semina, mantenete il terriccio umido.

Sul fondo del vaso aggiungete uno strato di argilla espansa per assicurare il corretto drenaggio.

Con la fioritura della borragine, per non dover comprare annualmente una nuova bustina di semi, ricordatevi di raccoglierli. I semi di borragine sono molto preziosi e hanno un elevato costo nell’industria alimentare: dai semi di borragine si estrae un olio vegetale dalle ottime virtù; per tutte le informazioni vi rimandiamo all’articolo dedicato ai benefici dell olio di borragine.

Ponete il vaso in pieno solo o a mezz’ombra e procedete con irrigazioni puntuali nei periodi più siccitosi dell’anno.

Potrebbe interessarvi: proprietà della borragine.

Pubblicato da Anna De Simone il 7 febbraio 2016