Biologico per un’alimentazione migliore

Nessuno vorrebbe ingerire sostanze cancerogene, additivi chimici, ormoni e antibiotici. Eppure quotidianamente, quando ci mettiamo a tavola, ingeriamo grandi quantitativi di sostanze che danneggiano gravemente il nostro organismo. A correre in nostro aiuto arrivano i prodotti biologici. In questo articolo vi spiegheremo come e perché mangiare biologico fa la differenza.

Una serie di studi condotti dall’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione della Gran Bretagna, ha dimostrato che un’alimentazione basata su cibi biologici aumenta l’efficienza del nostro sistema immunitario. I prodotti ottenuti dall’agricoltura biologica sono qualitativamente superiori rispetto a frutta e verdura derivati dall’agricoltura industriale che risultano impoveriti dall’impiego di concimi di vario genere, alcuni esempi:
-i concimi azotati determinano la diminuzione del valore biologico delle proteine;
-i concimi potassici, ampiamente utilizzati nelle coltivazioni industriali, causano un impoverimento di magnesio e altri minerali.
-i concimi fosfatici sono causa di grosse carenze di vitamine.

Nei prodotti biologici non sono ammessi conservanti e coloranti ma soltanto additivi di sicura origine naturale per cui una dieta basata esclusivamente su prodotti biologici, può garantire un’efficace azione antiossidante, utile per favorire una buona attività metabolica e rallentare i processi infiammatori e cronico-degenerativi. Anche il sapore ne beneficia in quanto il cibo biologico rispetta la stagionalità, non si può paragonare il gusto e il sapore di frutta o verdura raccolti e consumati nel periodo della loro naturale crescita, al sapore più snaturato, dei prodotti coltivati industrialmente.

Studi effettuati dall’Università di Maastricht hanno evidenziato i vantaggi che si possono ottenere nei bambini che si alimentano costantemente con cibo biologico, anche le madri che bevono latte da allevamenti biologici producono a loro volta, del latte materno capace di fornire più protezione al bambino. Addirittura si ipotizza che il latte prodotto da una madre che si nutre esclusivamente con prodotti biologici può conferire alla propria prole, una particolare immunità anche per ciò che concerne il campo delle allergie.

Un gruppo di scienziati britannici ha sollecitato la Food Standards Agency affinché dichiari ufficialmente la superiorità nutrizionale del latte di produzione biologica, il motivo? Il latte proveniente da allevamenti biologici è privo di antibiotici e più ricco di vitamine e acidi grassi essenziali che aiutano lo sviluppo cerebrale dei bambini. Attualmente la produzione di alimenti biologici è regolamentata da numerose normative a livello della comunità europea tramite Il Reg. CEE2092/91 . In questo regolamento viene stabilito che per la concimazione del terreno devono essere utilizzati solo esclusivamente prodotti organici. Sono esclusi in qualsiasi forma prodotti di derivazione chimica. Ciò significa che durante la coltivazione non possono essere utilizzati prodotti chimici come pesticidi, concimi artificiali e antiparassitari.

Altri benefici provenienti dall’agricoltura biologica. Una minore quantità di sostanze chimiche riversate nell’ambiente indica acqua più pulita e non contaminata da residui delle coltivazioni industriali, terra più vitale e produttiva e maggior rispetto della vita e della biodiversità di animali e piante.

Consigli utili. Il prodotto biologico deve essere venduto con l’etichetta Agricoltura Biologica riportata sotto ogni prodotto e con la dicitura tassativa Allevamento Biologico/Regime di controllo CEE. Controllare che l’etichetta riporti la data di raccolta, di produzione ed eventualmente di macellazione, la sigla del paese di provenienza, la sigla dell’ente certificatore, un codice dell’azienda e uno per la partita del prodotto.

I prodotti biologici non dovrebbero mai essere distribuiti in contenitori di plastica o di altro materiale sintetico. Questi prodotti possono costare un po’ di più ma in compenso garantiscono degli alti standard per la salute del singolo e della collettività. Dunque è bene ricordare che:
Il cibo biologico è sano, è saporito ed è più nutriente.
Rinforza il metabolismo e le difese immunitarie.
Previene il deposito di tossine chimiche nel corpo.
Stimola la rigenerazione di organi e tessuti.
Essendo privo di contaminanti chimici, il cibo biologico non contiene sostanze cancerogene.

a cura di Anna De Simone

Pubblicato da Anna De Simone il 18 febbraio 2012