Alano Fulvo: carattere e prezzo

alano fulvo
Alano Fulvo, un Apollo dei cani con il mantello rossiccio che, grande e statuario, veglia sulla vostra persona e sulla vostra casa. Mi auguro, casa con giardino, data la stazza di questa bella razza. L’Alano fulvo, come Alano, è classificato tra i cani di tipo pinscher e schnauzer, molossoidi e bovari svizzeri, tra i compagni di categoria si distingue per la massa: grande tra i grandi, dal fisico per giunta snello, sottolineato dal pelo cortissimo che ne mette in evidenza l’armonia. E i difetti, se ne ha.



Alano fulvo: origini

Ufficialmente l’Alano fulvo proviene dalla Germania ma, se andiamo a studiarne le più remote origini, emerge che questa razza ha iniziato a prendere forma ai tempi dell’Antica Grecia. Tempi in cui arrivarono e invasero l’Europa gli Alani. Siamo nel 407 d.C. E questo popolo arriva nei nostri territori accompagnato da cani Mastini che fanno subito innamorare i tedeschi.

La storia dell’Alano fulvo si sposta quindi in Germania dove comincia un lavoro di selezione ed incroci tra i Mastini arrivati con gli Alani e il Levriero irlandese. In Germania il risultato di questa procedura sarà battezzato Alano, se fulvo, Alano fulvo, ma l’Inghilterra decide di dar loro un nome diverso. Li chiama Danesi, anche se in Danimarca l’Alano fulvo ci arriva solo dopo molto e comunque da ospite.

Alano fulvo: origini

Alano fulvo: carattere

E’ un cane socievole, affettuoso ed affezionato ai suoi proprietari, l’Alano fulvo, tranquillo, equilibrato, docile. A parte i motivi di spazio, comprensibili, questo cane è perfetto per la famiglia mentre con gli estranei si mostra riservato. Freddo e diffidente.

L’Alano fulvo, non avendo paura, ha una indole pacifica e risulta gestibile senza problemi, è facile da addestrar ed è un compagno desiderabile. Anche se lo provochiamo, o altrui lo fa, ha una soglai di resistenza alta. Non è isterico e prima di reagire in malo modo l’Alano fulvo ci pensa a lungo. Non essendo aggressivo, è molto adatto con i bambini, anche se, ricordo, quando un cane ha una stazza molto ingombrante, va sempre fatta molta attenzione a lasciarlo solo con bambini troppo piccoli per capirne l’inconsapevole pericolosità.

E’ abbastanza ridicolo, però, parlare di rischi con l’Alano fulvo che con il padrone è un bestione innocuo coccolone e tranquillo. Intelligente come è, è meglio educarlo fin da piccolo: si a molta meno fatica e poi si ha un Alano fulvo adulto bravo e bello per tutta la vita.

Alano fulvo: origini

Alano fulvo: foto

Maestoso e imponente, l’Alano fulvo compare in molte foto, on line, e in album di famiglia. Il suo aspetto è senza dubbio gradevole e nella corporatura grande che si ritrova unisce fierezza, forza ed eleganza. L’altezza “esagerata” ,minimo 80 cm fino ai 90, 85 per le femmine, non va a intaccare l’armonia delle forme del cane Alano fulvo la cui testa è allungata e con uno stop sempre marcato e mascelle…. anche. Il muso è molto espressiva, con un tartufo sulla cima che oltre che largo mostra anche narici aperte, tassativamente deve essere nero.

Sono scuri, più scuri sono meglio è, anche gli occhi, ma mai spenti: vivaci ed intelligenti, pronti a vedere e imparare, a mandorla, le orecchie sono pendenti di natura, di media grandezza, la coda è piuttosto lunga e tende a diventare sempre più stretta sul finire. Il mantello dell’Alano fulvo è con pelo cortissimo e fitto, liscio e lucido, molto aderente al corpo. Non ha sottopelo questo cane, ed il pelo è lucido, “disponibile” in tre varietà: fulvo e tigrato, nero e arlecchino, blu.

Alano fulvo: foto

L’Alano fulvo può avere un mantello che va dal giallo-oro chiaro al giallo-oro intenso ma sempre con una maschera nera al posto giusto. Gli amanti dell’Alano fulvo che ne osservano il colore con maggiore attenzione, tendono a specificare che la tinta gialla non deve tendere al grigio o al blu e non sono accettate negli standard eventuali macchie bianche.

Alano fulvo cucciolo

Il cucciolo di un Alano fulvo è di certo di dimensioni degne di chi deve diventare al più presto un Apollo dei cani. Anche ilcarattere è subito ottimo, docile e molto intelligente fin dalla tenera età. Prima che diventi troppo grande, conviene addestrarlo al meglio insegnandogli, se possibile, ad essere delicato con i bambini e non troppo espansivo. Non per offenderlo, ma non si accorge che, quando diventa XXL, non sempre si può muovere in casa in massima libertà.

Se ci troviamo a scegliere un cucciolo, è bene sapere alcuni difetti da evitare. Dal punto di vista del comportamento è meglio capire subito se il nostro Alano fulvo è un tipo insicuro, timido o nervoso. Sarebbe controla suanatura ma non si sa mai. Dal punto di vista fisico ci sono tante caratteristiche da verficare, certo un cucciolo di Alano fulvo da manuale non può avere palpebre cadenti né la groppa avvallata, né la coda rovinata da segni di trauma, o ispessita all’estremità o amputata. Anche i cani che diventeranno meno grandi di quanto promesso per un Alano fulvo sono destinati ad essere giudicati difettosi.

Alano fulvo cucciolo

Alano Fulvo: allevamento

Da sempre l’Alano fulvo è stato preso in considerazione e addestrato come cane da combattimento e cane da caccia, soprattutto di cinghiali.E’anche un buon cane da passeggio, grande ma mansueto, non da strappi, un guardiano attento e anche da compagnia. Negli allevamenti può essere anche educato in modo che difenda delle persone,in generale lo fa con i bambini.

L’alimentazione per un Alano fulvo è a base di riso e verdure. E di un chilo e mezzo di carne al giorno. Oppure ci sono le crocchette, da inumidire, o ancora il cibo umidi. I piatti fai da te per l’Alano fulvo, se decidiamo di cucinare per lui, saranno a base di cereali ovviamente con molta carne, e volendo uova e derivati del latte se necessari. La cura del pelo, anche se corto, è importante: va spazzolato continuamente e con una spazzola a setole dure. Se non vogliamo che da vecchio abbia troppi acciacchi, facciamo in modo che non dorma al freddo e all’umido. E’ grande e grosso ma ne risentirebbe.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi! 

Articoli correlati che possono interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 5 luglio 2018