Achillea, coltivazione e proprietà

achillea coltivazione

Achillea, coltivazione e proprietà: consigli su come coltivare dell’Achillea Informazioni sulle proprietà terapeutiche di questa pianta.

L’achillea, pianta conosciuta anche come millefoglie, appartiene alla famiglia delle composite. Di questa pianta si utilizzano le foglie con le sommità fiorite fresche o secche. L’achillea è una pianta molto popolare per le sue proprietà terapeutiche. Le cellule vegetali di fiori e sommità fioriteSono che di principi attivi dalle molteplici attività biologiche.

Achillea, pianta

È una pianta erbacea perenne con rizoma lignificato. Raggiunge un’altezza massima di 76 cm. Fiorisce tra giugno e settembre, il raccolto avviene al momento della fioritura: è in questo frangente che le parti vegetali sono più ricchi di principi attivi.

I fiori sono riuniti in piccoli capolini di 3 – 5 mm, Sono di colore variabile dal bianco al rosso o rosa vivo come nella foto che segue. La sua coltivazione ha un interesse economico: è ricercata da grossisti, erboristerie, laboratori di cosmetici, dal settore alimentare e per la vendita diretta o per la produzione di liquori.

achillea proprieta terapeutiche

Achillea, coltivazione

Questa specie è molto rustica, si tratta di una pianta perenne che può rimanere in coltivazione per diversi anni.

L’achiellea è facile da coltivare e poco esigente. È resistente alla siccità ma se irrigata poco svilupperà basse concentrazioni di principi attivi. Si adatta bene sia a terreni acidi che alcalini purché sia un suolo ben drenato, secco o fresco ma non pesante. Cresce bene in pieno sole o a mezz’ombra.

La coltivazioni può iniziare con la semina. Potete seminare l’achillea in ambiente protetto fin dal mese di febbraio. La semina può avvenire sia cassoni che in contenitori alveolati, Quando le piante saranno abbastanza sviluppate potranno essere messi a dimora. La messa a dimora si può operare tra aprile e maggio. Per ogni metro quadrato di terreno è possibile coltivare dalle cinque alle sette piante di Achillea. Le piante dovranno essere distanziate, tra di loro, dai 25 ai 30 cm. Lo spazio tra le file di piante dovrà essere tra i 60 e 70 cm.

Per garantire una buona resa, vi consigliamo di fertilizzare con concime a base di azoto fosforo e potassio.  La concimazione è ancora più importante in caso di coltivazione di Achiella in vaso.

I semi di achillea sono facili da trovare in commercio: basterà recarsi presso un consorzio agrario o garden center specializzato. Se preferite, potete sfruttare la compravendita online; su Amazon, bustine di semi di achillea si trovano per pochi euro. Per tutte le informazioni:  semi di achillea su Amazon.

Achillea, proprietà terapeutiche

Le cellule vegetali di questa pianta sono ricche di azulene, cariofillene, borneolo, cineolo, composti amari, acido achilleico, achilleina, acido isovalerianico e flavoni.

Per uso terapeutico, si raccolgono sommità e fiori nell’epoca della fioritura. Per scopo alimentare si raccolgono le sommità nel periodo che precede la fioritura.

Grazie ai suoi principi attivi, l’achillea annovera proprietà:

  • Toniche
  • Digestive
  • Antinfimmatorie
  • Cicatrizzanti
  • Topiche
  • Protettive del sistema circolatorio

Per le sue proprietà terapeutiche è usata in forma di infusi da bere o da realizzare in impacchi. Si usa per la produzione di creme per la pelle, balsami, prodotti per l’igiene… Grazie alle proprietà antinfiammatorie è adatto anche alla pelle più sensibile e per alleviare problemi di acne.

Per uso esterno (per la cura della pelle del viso e del corpo) è molto indicato il suo olio essenziale. In effetti è l’olio essenziale di achillea a contenere tutti i suoi principi attivi.

Può essere usato per impacchi antinfiammatori o per prevenire e contrastare la fragilità capillare.

Grazie alle sue proprietà toniche è utile anche per massaggi anticellulite.

Attenzione!
L’olio essenziale di achillea è altamente concentrato di principi attivi e per questo non va mai usato puro sulla pelle. Per realizzare impacchi, unguenti antinfiammatori o oli per massaggi, diluite sempre in un olio vegetale. Tra i vari oli vegetali consigliamo quello di mandorle dolci perché migliora la penetrazione degli oli essenziali e idrata anche le pelli più secche e sensibili. Se non avete particolari esigenze, potete diluirlo anche nel semplice olio di oliva.

Dove comprare l’olio essenziale di Achillea?
Nelle erboristerie più fornite o sfruttando, ancora una volta, la compravendita online. Su Amazon un flacone di questo olio essenziale è proposto al prezzo di 16,95 euro con spese di spedizione gratuite. Per tutte le info: olio essenziale di achillea.

Pubblicato da Anna De Simone il 12 maggio 2017