Unicorno: significato e frasi

Unicorno

Unicorno, esiste o non esiste? E ha veramente le sembianze che ci mostrano nei disegni di fantasia quando siamo piccoli? Ha poteri magici? Tutte domande che ci poniamo quando sentiamo il nome unicorno, una creatura nota a tutti e che ha anche una emoji dedicata! Proviamo a fare luce sulle sue reali caratteristiche, lasciandogli però un alone di mistero senza il quale anche la nostra vita perderebbe quel tocco fiabesco che invece la rende gradevole.



Unicorno: significato

Viene chiamato a volte anche liocorno o leocorno: si tratta di una creatura leggendaria che viene decritta come composta da un corpo di cavallo e una testa equina ma con un  singolo corno in mezzo alla fronte.

Il significato del suo nome è da ricercare nella lingua latina: unicorno infatti deriva da unicornis, formato quindi da uni- e dal sostantivo cornu, “un solo corno”.

Unicorno: caratteristiche

Presentata come una creatura leggendaria, l’unicorno è una creatura che potrebbe essere vissuta davvero sulla Terra. Da recenti studi sembrerebbe addirittura che abbia incrociato anche l’uomo nella sua lunga ma remota esistenza.

Unicorno

Purtroppo, oltre a questo, è emerso che non era così bello come ce lo mostrano gli illustratori di libri per bambini: somigliava infatti più a rinoceronti che a cavalli, e il corno unico era una semplice versione più soft del corno del rinoceronte che tutti conosciamo e siamo abituati a temere.

Oggi c’è quindi il forte sospetto che l’unicorno sia in verità l’elasmoterio (Elasmotherium sibiricum), un genere estinto di rinoceronte con un grosso corno posizionato sul cranio. Erbivoro, tipico dell’Asia di Pliocene e Pleistocene, questo animale era diffuso anche in Siberia, da adulto assomigliava quasi ad un mammut, alto quasi 2 metri, con un peso di 3/4 tonnellate.

Unicorno: simbologia

Bello o brutto che fosse nella realtà, l’unicorno oramai nel tempo si è creato una fama positiva e magica che è difficile si sgretoli anche se provati e seri studi dimostrano che non era chissà che. Nel Medioevo l’unicorno era descritto come animale piccolo e rappresentava l’umiltà e allo stesso tempo l’invincibilità.

Come un cavallo bianco più speciale che mai, era anche simbolo di nobiltà e purezza, e di penetrazione del divino nella creatura.

Dal punto di vista religioso, questo animale sembrerebbe unire la potenza della spada  divina alla purezza di un manto immacolato: diventa così il simbolo della Vergine fecondata dallo Spirito Santo.  Nella letteratura cortese, assume un significato più eroico, è un animale cacciatore invincibile che solo l’amore può addolcire.

Unicorno

Per chi vuole un unicorno tutto per sé, c’è la luce notturna a LED a sua immagine e somiglianza, da acquistare anche su Amazon a 27,15 euro.

Unicorno

Unicorno in Blade Runner

Questo leggendario animale appare anche nella nota pellicola, nel finale: quando Deckard e Rachael lasciano l’appartamento del primo, lei passa sopra ad un unicorno fatto con la tecnica degli origami. Esistono molte differenti interpretazioni di questa immagine. In generale, può essere visto come simbolo della verginità e della purezza, concetti che richiamano alla figura di  Rachael, replicante tra gli umani, quindi sempre diversa, come un unicorno tra i cavalli, a causa della sua data di termine.

Unicorno: frasi

Una per tutte, e vale per tutte perché ce l’ha lasciata Umberto Eco.

Ma l’unicorno è una menzogna? E’ un animale dolcissimo e altamente simbolico. Figura di Cristo e della castità, esso può essere catturato solo ponendo una vergine nel bosco, in modo che l’animale sentendone l’odore castissimo vada ad adagiarle il capo in grembo, offrendosi preda ai lacciuoli dei cacciatori.

– Così si dice, Adso. Ma molti inclinano a ritenere che sia una invenzione favolistica dei pagani.

– Che delusione, dissi. Mi sarebbe piaciuto incontrarne uno attraversando un bosco. Altrimenti che piacere c’è ad attraversare un bosco?

– Non è detto che non esista. Forse è diverso da come lo rappresentano questi libri”

Unicorno: disegni 

Unicorno

Unicorno

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Ti potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 16 giugno 2017