Tiglio argentato, proprietà e benefici

tiglio argentato

Tiglio argentato: controindicazioni, proprietà e benefici. Tutte le informazioni sui rimedi naturali a base di tiglio argentato.

Il tiglio argentato è popolare per i suoi benefici: esercita un’azione rilassante, annovera proprietà ansiolitiche ed è utile per contrastare tachicardia nervosa, insonnia e pressione alta. Le proprietà esercitate dal tiglio non tornano utili solo in caso di stress: la sua azione espettorante lo rende un buon rimedio naturale contro febbre, mal di gola e influenza.

Tiglio argentato, pianta

Il tiglio, specie botanica Tilia Tomentosa, è un albero della famiglia delle Tiliaceae, originario dell’emisfero boreale.

Si tratta di un albero molto longevo, capace di raggiungere notevoli dimensioni. Presenta foglie a forma di cuore e alla fioritura, sboccia con piccoli fiorellini gialli, raccolti in grappoli.

Tiglio argentato, proprietà e benefici

Le proprietà del tiglio sono popolari fin dall’antichità. Non solo rimedi casalinghi e popolari: il tiglio è molto usato in fitoterapia dove si apprezzano le sue proprietà antispasmodiche e sedative.

Le proprietà sedative e calmanti, sono esercitate dai principi attivi contenuti nei fiori. Foglie e fiori di tiglio contengono flavonoidi, curmarine, oli essenziali, mucillagini, tannini… e un gran numero di sostanze chimiche attive a livello del nostro organismo.

Per le sue proprietà, il tiglio è utile per contrastare dolori di stomaco, cefalea, nervosismo, stress, insonnia, leggera ipertensione (ipertensione da stress), ansia, raffreddori e sintomi influenzali.

Tra i benefici del tiglio, da sfruttare in caso di febbre, segnaliamo la sua azione sudorifera in grado di migliorare la congestione delle vie aeree (naso chiuso, muchi alla gola…) e di abbassare la febbre (è un blando antipiretico naturale). Utile anche per contrastare dolori reumatici e dolori influenzali.

Grazie alle sue proprietà sedative, riesce a calmare sintomi dell’ansia come colon irritabile, palpitazioni e disturbi intestinali.

Preparati a base di tiglio argentato

Le proprietà del tiglio si possono sfruttare mediante l’uso del suo olio essenziale, dell’infuso, macerato glicerico e tintura madre.

L’infuso si prepara con un cucchiaio raso di foglie e fiori di tiglio, da aggiungere a una tazza d’acqua bollente. Dopo aver coperto la tazza, lasciate in infusione per 10 minuti, filtrate e assumete in caso di bisogno. Tale rimedio naturale è utile per calmare i sintomi dell’ansia, per rilassarsi prima di andare a dormire o per sedare palpitazioni e tachicardie nervose.

Fiori e foglie di tiglio essiccate si possono acquistare in erboristeria o mediante la compravendita online. Su Amazon, per esempio, una confezione da 100 grammi di fiori e brattee (le foglie poste alla base dei fiori) di tiglio è proposta al prezzo di 6,60 euro.

Link utili: Tiglio essiccato, fiori e brattee – confezione da 100 grammi contro il nervosismo, l’insonnia, l’ansia e lo stress.

Un buon infuso di tiglio è ottimo per prevenire e contrastare i malanni stagionali. Il tiglio è ricco di vitamina C, vi aiuta ad abbassare la febbre e contrastare infiammazioni della gola. L’infuso di tiglio è utile anche per calmare la tosse.

Il tiglio è commestibile

Così come in fitoterapia, anche da un punto di vista alimentare, del tiglio si impiegano soprattutto foglie, germogli e fiori.

Il tiglio è ricco di vitamina C. Le foglie migliori per il consumo sono quelle giovani, prodotte agli albori della primavera. Si distinguono perché lucide, tenere e dal sapore delicato: sono molto più piccole di quelle adulte. Per l’uso del tiglio in cucina vi rimandiamo alla lettura della pagina dedicata al tiglio commestibile.

Tiglio, controindicazioni

Il tiglio non presenta particolari controindicazioni, tuttavia, prima di usare qualsiasi preparato naturale, vi invitiamo a  consultare il medico di fiducia.

Se ne sconsiglia l’uso in caso di cardiopatie o ipersensibilità verso uno dei componenti. Le uniche controindicazioni effetti collaterali si presentano solo in caso di un uso troppo intenso: l’uso eccessivo può avere un effetto lassativo o può causare eruzioni cutanee. E’ sconsigliato l’impiego in gravidanza o durante l’allattamento.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra lecerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 4 dicembre 2016