Soba, cos’è e come cucinarla

soba cos è

Soba, cos’è, come cucinarla e dove comprarla. Descriviamo la differenza tra la vera soba giapponese e quella che si è diffusa in Italia. Consigli per ricette e info utili.

Soba, cos’è

La soba è una pasta tradizionale giapponese a base di grano saraceno quindi naturalmente senza glutine. Il grano saraceno, infatti, a dispetto del nome, non ha nulla a che vedere con le graminacee.

La soba ha svolto un ruolo fondamentale nell’alimentazione nipponica. Storicamente, si è diffusa soprattutto per fronteggiare l’epidemia di beriberi, una patologia legata alla carenza di vitamina B1. In Giappone, dove le popolazioni avevano un’alimentazione basa quasi esclusivamente sul riso, la carenza di vitamina B1 era molto diffusa.

Toshikoshi soba e hikkoshi soba

L’uso della soba risale all’epoca Edo, tra il XVII e il XVIII secolo. Sempre a questo periodo si è diffusa la tradizione del toshikoshi soba. La tradizione prevede di servire una ciotola di soba durante la cena della notta di capodanno. I lunghi spaghetti soba era visti come portatori di forza, resistenza e longevità. La credenza che la soba potesse essere di buon auspicio per il nuovo anno, è legata alle coltivazioni di grano saraceno. Il grano saraceno è una pianta molto resistente, in grado di sopravvivere anche alle rigide temperature invernali.

Quella del toshikoshi soba non è l’unica tradizione legata ai lunghi spaghetti di grano saraceno. Un tempo, a Tokyo, con il rito dello hikkoshi soba si dava il benvenuto ai nuovi vicini di casa: si offriva un piatto di soba ai nuovi arrivati e si approfittava dell’occasione per condividere un momento di cordialità. Questa pratica ormai è andata quasi del tutto perduta.

Come cucinare la soba

Per gustare al meglio la soba, bisogna consumarla usando le classiche bacchette giapponesi. In inverno la soba è perfetta per una zuppa. La zuppa di soba si prepara con brodo dashi e salsa di soia shoyu. Proprio come per la zuppa di miso giapponese, anche per la soba in brodo si può usare, in alternativa al dashi, si può usare il niboshi (un tipo di brodo di pesce), kombu (brodo di alga kombu essiccata), katsuobushi (altro brodo di pesce) o Hoshi shiitake (brodo di funghi shiitake).

In estate, la soba è servita a temperatura ambiente. Le “ricette a freddo” sono le migliori per gustare l’autentico sapore della soba. In genere, la soba in brodo presenza una consistenza che penalizza le proprietà organolettiche della soba. In estate la soba viene servita scolata a temperatura ambiente su un cestino di bambù (zaru soba).

La zaru soba è sicuramente la ricetta a base di soba più diffusa in Giappone. Si prepara aggiungendo foglie di alga nori e salsa tsuyu. La salsa tsuyu è una condimento a base di dashi, salsa di soia dolce (satojoyu) e mirin. In Giappone, la zaru soba è accompagnata da due ciotoline, una contenente wasabi e l’altra scalogno.

Sono molti i modi per cucinare la soba e le ricette tradizionali sono tante. La soba fredda si può accompagnare con tororo (una purea di igname giapponese), oroshi (daikon grattugiata), natto (soya fermentata) e okura (rondelle di okra fresca).

Soba, dove comprarla

Tradizionalmente la soba è preparata esclusivamente con grano saracento, in Italia, però, si è diffuso principalmente un tipo di soba misto, dato da farina di frumento e farina di grano saraceno.

In Giappone esistono diverse varietà di spaghetti simili alla soba ma preparati con altri ingredienti. Per esempio, le ricette della yakisoba, la shina soba e la chuka soba, prevedono l’uso di farine di grano (sono più simili ai ramen). Con il termine secco soba s’intendono spaghetti simili a noodles ma fatti esclusivamente con grano saraceno.

Dove comprare la soba? Potete trovarla nei negozi specializzati in gastronomia asiatica o sfruttando la compravendita online.

Su Amazon, una confezione di soba originale (100% grano saraceno) si compra al prezzo di 8,80 euro con spese di spedizione gratuite. La soba originale non contiene glutine.

Sempre su Amazon, si può comprare una variante della soba, quella che si è diffusa principalmente in Italia (quindi fatta con farina di frumento e grano saraceno). Il prezzo, per una confezione da 460 gr, è di 6,80 euro con spese di spedizione gratuite.

Per tutte le informazioni sui prodotti citati vi rimandiamo alle pagine Amazon dedicate al prodotto:

Pubblicato da Anna De Simone il 22 settembre 2017