Scegliere un bonsai

Scegliere un bonsai

Come scegliere un bonsai: consiglio sulla scelta del bonsai più adatto alle proprie esigenze e propensioni. Bonsai da interno e da esterno. Ecco la nostra guida alla scelta.

Prima di scegliere il bonsai dei tuoi sogni, c’è una cosa che devi sapere: non si può parlare, in modo assolutistico, di bonsai da interno bonsai da esterno!

Quelli che chiamiamo bonsai da interno andrebbero posti all’esterno durante il periodo estivo. Al contrario, i bonsai da esterno possono essere coltivati in giardino o sul balcone di casa 360 giorni all’anno perché sono più resistenti al freddo.

Come scegliere un bonsai:
capisci a cosa vai in contro

bonsai non hanno bisogno di cure superlative e tutti, con un po’ di passione, possono coltivare bonsai in casa o in giardino. So bene che nella maggior parte di articoli leggerai il contrario ma… è vero che i bonsai richiedono tempo ma nella realtà dei fatti, a fare la differenza, saranno le attenzioni quotidiane.

Un bonsai, in estate, arriva a richiedere anche quattro irrigazioni al giorno! E’ facile somministrare l’acqua a una pianta ma è impegnativo farlo per quattro volte al giorno. Sei pronto a questo?

Per scegliere un bonsai devi considerare soprattutto le cure di cui avrà bisogno. Se non ti piace l’idea di essere vincolato a tante cure, dovrai scegliere un bonsai resistente alla siccità.

Come scegliere un bonsai da interno

Come ti dicevo, anche i bonsai da interno hanno bisogno di vivere all’aria aperta. Con il termine bonsai da interno indichiamo specie che possono vivere, per lunghi periodo, all’interno della casa.

Queste piante sono resistenti alla bassa umidità e possono ricevere una quantità di luce limitata. I bonsai che meglio si adattano alla coltivazione in casa sono:

  • Bonsai di Ficus
    Molto popolare è il ficus retusa anche noto come ficus ginseng. Per citare altri esempi di bonsai di ficus, Ficus microcarpa e Ficus formosanum.
  • Podocarpo
    Podocarpus macrophyllus
  • Serissa
    Serissa foetida
  • Cufea
    Cuphea hyssopifolia
  • Murraia
    Murraya paniculata
  • Pianta del pepe
    Zanthoxylum piperitum

Tra tutti i bonsai da interno, il Ficus Retusa o Ficus Ginseng è quello che più riesce a tollerare l’ambiente domestico anche nel periodo estivo. Se ti serve un bonsai da coltivare in casa 365 giorni all’anno, meglio puntare su questo. In più, i vivaisti che riforniscono negozi come Ikea, hanno selezionato delle varietà ibride molto resistenti, nate per adattarsi alla coltivazione in casa.

Molti affermano che anche il l’olmo cinese si può considerare un bonsai da interno. In parte è vero, lo puoi coltivare dentro casa ma questa pianta preferisce stare all’esterno nei periodi estivi.

Nel periodo primavera-estate, è buona norma trasferire all’esterno tutti i bonsai da interno. In questo periodo le piante dovrebbero rinvigorirsi così da poter affrontare un nuovo ciclo di vita all’interno della casa a partire dall’autunno successivo.

Come scegliere un bonsai da esterno

Qui la scelta è molto più ampia. Se decidi di coltivare in casa bonsai da esterno condannerai la pianta a morte quasi certa. Ecco l’elenco dei bonsai da esterno.

  • Acero
    Tutte le piante del genere Acer.
  • Azalea
    Rhododendron
  • Pino
    Pinus
  • Melo
    Malus
  • Faggio
    Fagus
  • Ginepro
    Juniperus
  • Ginko
    Ginkgo – Ginko
  • Agrifoglio
    Ilex
  • Cotognastro
    Cotoneaster
  • Piracanta
    Pyracantha
  • Carpino
    Carpinus
  • Cipresso
    Cupressus
  • Quercia
    Quercus
  • Sughera
    Quercus suber
  • Zelkova o olmo cinese / olmo giapponese
    Zelkova nire 
  • Olmo cinese 
    Ulmus parvifolia 
  • Mirto
    Myrthus
  • Lentisco
    Pistacia
  • Glicine
    Wisteria
  • Olivo
    Olea
  • Bosso
    Buxus
  • Eugenia
    Eugenia
  • Camelia
    Camelia
  • Melograno
    Punica
  • Metasequoia
    Metasequoia
  • Agrumi
    Citrus
  • Osmantus
    Osmanthus
  • Ciliegio e albicocco
    Prunus

La scelta di un bonsai da esterno è più complessa perché hai più fattori da considerare. Ricorda che una pianta a rapido accrescimento richiede più cure e che molti bonsai non tollerano temperature eccessivamente rigide o vento.

Il vento è il nemico numero uno di tutte le piante: causa una rapida disidratazione. Se la tua idea è quella di coltivare bonsai in balcone e abiti in una zona ventosa, stai bene attento!

Se abiti fronte mare, la specie Pinus si adattano bene all’ambiente marino, così come un bonsai di olivo. I citrus sono perfetti per chi abita nella zona mediterranea, anche in zone ventose.

Chi abita al nord e cerca un bonsai resistente al freddo può puntare su un boschetto di Metasequoia.

bonsai da esterno andrebbero posti in un luogo del giardino o del balcone riparati dal vento. Durante l’estate, i vasi di bonsai vanno posti un una zona leggermente ombreggiata mentre in inverno vanno riposti in pieno sole.

Le cure più complesse da dedicare al bonsai, da interno o esterno che sia, riguardano le legature e le potature. Per tutte le informazioni: come curare un bonsai.

Pubblicato da Anna De Simone il 18 luglio 2017