Sarchiatura del terreno, quando e come

sarchiatura

Per sarchiatura di un terreno s’intende l’asportazione di erbacce dalla superficie mediante l’impiego di appositi attrezzi agricoli. Con la sarchiatura del terreno si ottiene un suolo ripulito da erbacce o addirittura più soffice. La sarchiatura del terreno rappresenta una tecnica di diserbo naturale.

In giardino, nell’orto o nel campo, purtroppo, crescono delle erbe infestanti ed è per questo che è necessario attuare uno o più sistemi di diserbo: la sarchiatura difende il terreno dalle erbacce.

Sarchiatura, gli attrezzi da usare
Avere gli strumenti giusti renderà la sarchiatura più semplice: per l’orto in terrazzo basterà acquistare un piccolo rastrelletto a tre denti, delle forbici per tagliare l’erba e una piccola pala; per l’orto domestico servirà un rastrello, un’apposita zappa e un edger per definire i confini dell’orto, particolarmente utile se nell’orto è presente un sentiero o se all’orto è adiacente un prato o un’aiuola priva di siepi separatorie. L’edger è una sorta di pala a punta larga che serve per rimuovere le erbacce nelle zone di confine o ai margini di un muro/steccato.

Per i grandi campi esistono raschiatori (o sarchiatori) a motore mentre per l’orto domestico di grande dimensione si possono adottare sarchiatori (o raschiatori) a mano che per l’impiego necessitano molta forza lavoro.

La sarchiatura è molto utile per estirpare le erbe infestanti tra le file delle piante, è per questo che sul mercato sono presenti rastrelli o sarchiatori dalle dimensioni esigue nati proprio per non danneggiare le coltivazioni preesistenti.  All’occorrenza, un raschiatoio serve anche per rendere il terreno più soffice, risulta particolarmente utile per frantumare la crosta che tende a formarsi sulla superficie del suolo.

Un piccolo sarchiello (si tratta di uno strumento simile alla zappa ma fornito di denti a forchetta) risulta utile per i lavori correlati alla sarchiatura.

Quando procedere con la sarchiatura del terreno?
La sarchiatura non è un lavoro stagionale. Si può provvedere a sarchiare il terreno solo al momento del bisogno; basta osservare il terreno e, all’occorrenza, procedere con la sarchiatura. Quando si presenta l’occorrenza? Quando il terreno risulta troppo “duro” si può procedere con la rastrellatura mentre quando tra le file di ortaggi spuntano le erbe infestanti sorge la necessità di un’opera di diserbo e così si può attuare la sarchiatura.

Pubblicato da Anna De Simone il 20 marzo 2014