Autobus elettrici, a che punto stiamo?

autobus elettrici

Il futuro dei trasporti è a trazione elettrica”. Questa frase forse è vera per l’Italia ma in altri paesi itrasporti elettricisono già realtà anche quando si parla di trasporto pubblico. Gliautobus elettricisi stanno timidamente diffondendo, sono molti i programmi pilota già attivi nel globo e anche da noi in Europa. L’Italia può contare su piccole realtà come quella del centro storico di Roma dove dei piccolipullman elettricisfruttano delle batterie al sale sviluppate dalla italiana FIAMM.


Se quelli che circolano nel centro storico di Roma possono essere definiti dei mini-bus elettrici(per intenderci, si tratta di piccoli pulmini), in Germania sono già in circolo veri e propripullman elettrici.Il progetto pilota tedesco è già partito da qualche tempo. L’iniziativa è stata finanziata dal governo tedesco con una cifra di 3,3 milioni di euro. L’obiettivo è quello di rendere la Germania il paese leader dellamobilità elettrica.

Gliautobuscompiono ogni giorno un numero fisso, prestabilito, di chilometri. Il percorso è sempre lo stesso per cui è facile programmare tempi di sosta e percorrenza. Con un’attenta pianificazione non è difficile immaginare la logica di funzionamento degliautobus elettrici.Ne sa qualcosa la California che ha lanciato un sistema diricarica rapidaperautobus elettrici. L’autobus elettricosi ricarica in 10 minuti ogni qual volta raggiunge il capolinea. La ricarica elettrica consente all’autobusdi percorrere il tragitto interposto tra un capolinea e l’altro. La California, per sfruttare al massimo il potenziale della rete dei mezzi pubblici, sta diffondendo delle fermate per gliautobuscon tettoia fotovoltaica integrata, in questo primo momento l’energiaprodotta daipannelli solariè sfruttata per alimentare la rete dei semafori, una linea wi-fi e l’illuminazione della pensilina ma tra non molto dei sistemi del genere forniranno la ricarica wireless per gliautobus elettriciin fase di stop.

Sulle strade dello Utah è possibile vedere il primoautobus elettricoche si ricarica durante le “bus stop” in modalità wireless. Il veicolo ha iniziato la sua attività nel 2012, si tratta dell’autobus elettrico Aggie ed è stato sviluppato dal team di ricercatori dell’USU. Gli autobus elettricisi possono apprezzare anche in Svizzera, Inghilterra e altre zone degli Stati Uniti.

Pubblicato da Anna De Simone il 27 Luglio 2013