Pensiline fotovoltaiche per Bus Stop

L’Italia è il Paese del sole. Lo dice anche lo spot TV per il turismo nella penisola italiana….. Il sole c’è, purtroppo però mancano investimenti per l’allestimento di impianti innovativi e arredo urbano che possa sfruttare in ogni momento l’energia del sole.

Il Texas e la California non hanno di questi problemi, infatti in Texas sono state installate postazioni di ricarica per veicoli elettrici che sfruttano energia solare. In California, nell’amministrazione di Perris, hanno avviato un progetto di notevole importanza: fermate del bus intelligenti che si comportano come centrali elettriche in miniatura.

Fermate del Bus del genere sono già state allestite in Giappone. L’innovazione è arrivata, la rivoluzione delle smart city, in molte città del globo, è già in atto!

Le fermate del Bus si distinguono per la loro pensilina fotovoltaica. La capacità dei moduli fotovoltaici posti sulla pensilina sarà di 1,2 kilowatt. Considerato che l’intera linea dell’autobus conta più fermate, l’energia sarà utilizzata per alimentare la rete dei semafori.

Il progetto è già stato iniziato e dovrebbe concludersi entro la fine di marzo 2013. Il costo per ogni fermata dell’autobus è di circa 17 mila dollari ma poco male: il costo per allestire un fermata tradizionale dell’autobus, varia tra 7.000 e 17.000 dollari. Mentre la differenza di costo può essere trascurabile, i vantaggi portati dalle fermate dell’autobus innovative, possono essere più che tangibili: le pensiline solari sono in grado di generare circa il 25 per cento dell’energia elettrica richiesta dai semafori. Grazie a una serie di batterie, il sole riuscirà a fornire elettricità ai semafori anche di notte.

Con questo investimento, la città riuscirà a risparmiare non centinaia, ma migliaia di dollari in costi di energia elettrica sia per l’alimentazione dei semafori che per l’illuminazione delle stesse fermate degli autobus. E’ il sole a pagare per l’elettricità.

Pubblicato da Anna De Simone il 7 febbraio 2013