Pony: piccoli cavalli

pony cavalli

poni sono piccoli cavalli che non raggiungono i 150 cm di altezza (o 148 cm senza zoccoli). E’ stata la  “Federazione internazionale sport equestri” a stabilire questo limite. In ogni caso, nel gergo comune,  il termine «pony» viene usato per segnalare qualsiasi cavallo dalle dimensioni minute a prescindere dalla razza.

Il pony è meno impegnativo di un cavallo, tuttavia, se stai pensando di adottarne uno, sappi che il suo mantenimento richiede comunque impegno.

Da un punto di vista evolutivo, i pony non sono semplicemente piccoli cavalli! Secondo alcune teorie, i pony si sono evoluti dal cavallo selvatico (specie Equus ferus).

Pony e cavalli

pony si sono sviluppati per adattarsi a un ambiente naturale freddo e privo di fonti alimentari come diversi habitat tipici del Nord Europa. Ancora non è chiara l’origine dei pony ma diverse teorie la ricollegano proprio al Nord del nostro continente.

Gli studi condotti sul DNA mitocondriale indicano che un gran numero di cavalli selvatici ha contribuito alla filogenesi delle moderne razze di pony attualmente diffusi. Se gli studi affermano questo, perché ancora non possiamo esprimere certezze sull’origine del pony? Perché studi sul y-DNA (trasmesso sulla linea maschile) fanno pensare che forse esisteva un progenitore unico a tutte le razze di pony attualmente in circolazione.

Quindi sulle origini del Pony c’è ancora un mistero. Non siamo a conoscenza se esisteva un pony ancestrale, puro…oppure se si tratta di un adattamento evolutivo del cavallo selvatico (specie Equus ferus). I cavalli selvatici erano presenti già nelle caverne paleolitiche (30.000 aC). A quei tempi, i cavalli erano probabilmente cacciati per le loro carni. Ancora non si hanno certezze su quando i cavalli iniziarono a essere addomesticati (forse nel 3500 aC) quindi risalire a un’origine del pony ricostruendo la storia del cavallo è impossibile.

Razze di pony

Già prima del 1900 molte razze di pony venivano allevate, selezionate e destinate a differenti attività equestri.

Per infittire la trama, oggi, accanto alle razze di pony “più tradizionali” vi sono incroci tra pony e cavalli di recente introduzione. Tra questi incroci, il più famoso è il Falabella, un vero e proprio cavallo in miniatura dato che le proporzioni tra le diverse parti del corpo somigliano più a quelle di un cavallo che a quelle di un pony.

Generalizzando, possiamo dire che esistono tre tipologie di pony:

  • Pony tradizionali
    Pony da traino, da lavoro e da sella
  • Pony da compagnia e più ornamentali
    Spesso si tratta di incroci tra pony e cavalli con prole fertile e selezioni sempre più attente alle caratteristiche fisiche dell’animale. 
  • Pony sportivi
    Spesso si tratta di selezioni nate da incroci con cavalli da salto o da corsa. Anche in questo caso le selezioni sono andate via via a ricercare determinate caratteristiche fisiche.

Che cosa mangia il pony: alimentazione

Il pony si nutre di foraggio asciutto. Anche se in commercio esistono mangimi per pony, è possibile somministrare del mangime per cavalli da diporto o cavalli a riposo. Al mangime, bisognerà integrare anche fieno di prato costituito da diverse specie foraggiere.  In commercio si trova fieno in balle a parallelepipedo, molto facili da gestire.

Il pony è spesso associato ai bambini e per questo si possono commettere degli errori nell’alimentazione. Meglio evitare di somministrare biscotti, zuccherini o cioccolata… se proprio volete premiare il piccolo pony è possibile dare mele, finocchi o carote.

Si può allevare un pony in giardino

Le spese sono più contenute ma i consigli sono più o meno gli stessi visti nell’articolo guida su come allevare un cavallo. Per tenere un pony in giardino dovreste allestire un alloggio coperto e uno spazio apposito per il pascolo.

Il box coperto serve come ricovero del pony, la porta d’accesso deve essere larga almeno 150 cm, con pareti e pavimentazione lavabile. Se scegliete il legno, usate tavole di almeno 6 cm di spessore. Nel box non dovrà mancare una mangiatoia, un abbeveratoio e un abbondante lettiera costituita da truciolo o paglia.

Alcune razze di pony possono essere considerate esigenti quanto i più comuni animali da compagnia. Parliamo di esigenze sociali: molte razze di pony soffrono la solitudine e dovrebbero essere allevate meglio in coppia. Il carattere del pony varia da razza in razza e per questo è importante chiedere consiglio all’allevatore.

Ciò che non deve mancare in giardino è lo spazio: anche soli 200 mq sono sufficienti per allevare un pony.

Per altre informazioni segnaliamo l’articolo dedicato: “Pony Razze

Pubblicato da Anna De Simone il 3 ottobre 2018