Orto sul terrazzo, le zucchine

La coltivazione della zucchina che  sia in terrazzo o che sia in piena terra regala sempre molte soddisfazioni. Perché non creare un orto sul terrazzo per coltivare le zucchine?  È semplice, basta seguire alcuni suggerimenti utili.



Orto sul terrazzo, il vaso
Le zucchine amano un suolo ben esposto al sole pertanto assicurati che i vasi siano collocati in una zona bene assolata e arieggiata.
Per coltivare la zucchina sul terrazzo il vaso deve essere largo almeno 35 cm e profondo 20 cm coni alcuni fori sul fondo per evitare che l’acqua ristagni. Non potrai coltivare più di una piantina per vaso.
Se invece preferisci coltivare le zucchine rampicanti, come la Trombetta di Albenga, dovrai  metterne due per ogni vaso (largo almeno 45 cm), provvedendo però a inserire una spalliera o un graticcio.
In 40/60 giorni  la  piantina di zucchina comincerà a produrre i primi frutti e continuerà per almeno 2 mesi, dopo di che dovrai cambiare pianta in quanto la pianta di zucchina si esaurisce e produce meno.

Orto sul terrazzo, la semina delle zucchine
I semi delle zucchine possono essere interrate da metà aprile a giugno. Basterà metterne due o tre semi per buchetta con la punta rivolta verso l’alto.
Se preferisci piantare direttamente le piantine potrai invasarle sul tuo terrazzo a metà luglio.

Orto sul terrazzo, concimazione
Le zucchine amano un suolo fertile pertanto dovrai seguire alcune regole prima della semina:

  • arricchisci il terreno con sostanza organica
  • non ripiantare le zucchine nello stesso terreno prima di tre, quattro anni

Orto sul terrazzo, irrigazione
Non dimenticare di annaffiare le piantine  ogni  sera ma niente acqua sulle piante, solo il terreno.
Se il piancito del terrazzo è troppo bollente, rialza i vasi mettendo qualche legnetto sotto.

Orto sul terrazzo, i parassiti
Tra i parassiti animali nemici delle piante di zucchine ci sono gli afidi che fanno appassire le foglie.
Ma il nemico maggiore è lo oidio, un fungo a cui piace l’umidità stagnante. E’ una malattia che colpisce le parti verdi macchiandole di bianco. Successivamente ingialliscono e cadono.

Pubblicato da Anna De Simone il 4 febbraio 2013