Noccioli di ciliegia da coltivare, da mangiare e da bere

Noccioli di ciliegia

Viene spontaneo a tutti, o quasi, gettare noccioli di ciliegia nella spazzatura certo un po’ scocciati di non poter gustare, sia mai, una ciliegia senza seme. Proviamo a pensarla in modo diverso però, ovvero a capire invece di infastidirci, come fare ad utilizzare questi noccioli a nostro vantaggio. Vi sto chiedendo di fare un esercizio di fantasia e creatività e sono certa che porterà buoni frutti, anche se il seme non sarà piantato a terra.



La prossima volta che gustate delle ciliegie fresche, appena raccolte o acquistate al mercato bio, la prossima volta che preparate una marmellata di ciliegie oppure una torta alle ciliege, mettete i noccioli di ciliegia da parte e fate una delle attività che ora qui suggeriamo. Si tratta di riciclo creativo per riscoprire un po’ di manualità, anche, e per dare il nostro contributo anti spreco sempre essenziale nel mondo. Molto spesso ci si convince infatti che quello che noi facciamo nelle nostre vite non influisca sugli equilibri mondiali ma ormai abbiamo compreso che questo non è affatto vero ed è tempo di smetterla con questa scusa per non fare mai nulla di virtuoso. Perché non iniziare dai noccioli di ciliegia ?

Noccioli di ciliegia da coltivare

Se conserviamo i noccioli, dobbiamo aspettare l’inverno per poterli piantare e poi ancora attendere i tempi di germinazione del seme che possono anche essere quelli di un anno. Avviso perché qualcuno potrebbe scoraggiarsi non vedendo apparire nulla, invece non dobbiamo demordere ma continuare a credere che il nostro ciliegio spunterà prima o poi e si farà spazio nel nostro giardino. In qualsiasi stagione il nostro futuro ciliegio è da innaffiare, sia in inverno che in estate.

Possiamo piantare il nocciolo in un vasetto ad un paio di centimetri dalla superficie, uno degli intoppi che questa operazione di riciclo può incontrare è legata al fatto che la germinazione del seme di ciliegio è ostacolata dalla durezza della superficie esterna del nocciolo. Come fare? Con un trucco molto semplice, scalfendo il seme prima di piantarlo, possiamo davvero aiutare i nostri noccioli di ciliegia a vivere e a diventare alberi. Mettiamo in conto che questa opzione per il riciclo richiede molta pazienza, se non vi sentite in grado oppure non avete il pollice verde, meglio passare ad un’altra delle prossime idee.

Noccioli di ciliegia da coltivare

Noccioli di ciliegia per la casa

Forse lo avete già in casa uno di quei cuscinetti termici con i noccioli di ciliegia, sbaglio? Ma possiamo realizzarne uno noi con i nostri noccioli sella forma e delle dimensioni che desideriamo. Pensate alla soddisfazione di vederlo nascere nelle nostre mani, da tenere o anche da regalare, perfetti anche per il Natale. Si parte selezionando tessuti naturali come lino, cotone o canapa, e riempiendoli di noccioli di ciliegia, non è difficile ma è importante curare anche i particolari e la chiusura del sacchettino in modo che i semi non scappino.

Se ce la caviamo bene con ago e filo e macchina da cucine possiamo anche lanciarci nella creazione di pupazzetti per bambini, sempre ripieni di noccioli, oppure di mini pupazzi per decorare la cameretta la cucina i il bagno. Possono venire degli oggetti molto simpatici e con un cuore molto naturale.

Noccioli di ciliegia da bere

Con i noccioli di ciliegia si può preparare una bibita rinfrescante da sorseggiare in contemporanea, mentre facciamo cuocere la marmellata di ciliegie a cui abbiamo lavorato ricavandoli. Raccolti i noccioli la ricetta, molto semplice, ci dice di tuffarli ancora caldi in un litro d’acqua, lasciando raffreddare, filtrare e unire del ghiaccio e qualche fetta di limone. Finito: poi non ci resta che servire e gustare.

Chi preferisce invece una grappa, ha una preparazione più complessa da affrontare ma il risultato è ottimo, ne vale la pena. Per la grappa ai noccioli di ciliegia dobbiamo procurarci un litro di buona grappa, 500 grammi di noccioli di ciliegia, 350 grammi di zucchero e 250 grammi di acqua. Per oltre quaranta giorni dobbiamo lasciare macerare i noccioli di ciliegia in un vaso di grappa esposto al sole in modo che essa prenda il giusto sapore, poi possiamo unire uno sciroppo ottenuto mescolando acqua e zucchero per completare. Oltre alla grappa c’è anche un liquore da preparare con i noccioli di ciliegia e vi consiglio di dare una occhiata a questo articolo per poi sperimentare la ricetta che vi troverete svelata.

Noccioli di ciliegia da bere

Noccioli di ciliegia da mangiare

Finora abbiamo bevuto, ora iniziamo a mangiare, con una salsa ai noccioli di ciliegia che vede nei suoi ingredienti anche alcune ciliegie denocciolate, vino liquoroso, fecola di patate e zucchero. Il risultato è una salsa molto gustosa che potremo usare per farcire dolci e gelati. In tavola possiamo servire anche un aceto aromatizzato con noccioli di ciliegia che si prepara con noccioli e aceto di vino bianco.

Noccioli di ciliegia per la persona

Ci sono dei modi di riutilizzare i noccioli di ciliegia anche più creativi, fantasiosi e, si potrebbe dire quasi artistici. Ad esempio si possono utilizzare anche per realizzare un braccialetto con queste perline del tutto naturali. Per forare i noccioli possiamo usare un mini trapano e la carta vetrata ci aiuterà a levigare la loro superficie. Similmente si può creare anche una fascia per il collo con noccioli di ciliegia, procedendo un po’ come per il cuscinetto che abbiamo visto nei primi paragrafi. Cambia la forma e la modalità di uso, in questo caso si ha l’idea di usare la fascia come cura anti dolore grazie alle proprietà dei noccioli di ciliegia, da riscaldare o raffreddare a seconda delle necessità.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 29 settembre 2018