Neuroni specchio ed emozioni

Neuroni specchio

Neuroni specchio, spesso citati ma da pochi studiati in modo approfondito. Se ne parla quando si vuole spiegare sensazioni di empatia oppure il processo di apprendimento di bambini e animali ma i neuroni specchio sono al centro di molti altri fenomeni.



Neuroni specchio: cosa sono

E’ grazie ai neuroni specchio che spesso riusciamo a comprendere immediatamente qualcosa del comportamento altrui. Sono cellule nervose motorie che, quando vediamo un gesto fatto da un altro, risuonano nel nostro cervello come se fossimo noi in prima persona a compiere quello stesso gesto.

Chi ha studiato queste cellule ritiene in gran parte che siano i responsabili della nostra capacità di avere una rapida visione di ciò che ci accade intorno e anche di entrare in empatia con chi ci circonda. Anche l’apprendimento per imitazione si spiega con i neuroni specchio.

Senza neuroni specchio sarebbe certo un bel guaio ma non sono gli unici protagonisti, nel nostro corpo ci sono altri meccanismi che intervengono come quello logico-inferenziale.

Neuroni specchio ed emozioni

Quando osserviamo una persona che sta attraversando in modo evidente un certo stato emotivo, allora questi neuroni percepiscono questo e si attivano facendoci provare qualcosa di simile. Rispecchiano le emozioni che osserviamo, replicandole in noi, quindi ci permettono di entrare in empatia con l’altro.

Quel che accade tra queste cellule e le nostre emozioni è molto importante e ha portato ad una rivoluzione delle varie teorie psicologiche, ancora oggi esistono varie linee di pensiero, esperimenti in atto e persone che non si stancano di esplorare la nostra mente e i suoi segreti processi.

Neuroni specchio

Neuroni specchio e autismo

C’è chi ritiene che proprio i neuroni specchio possano spiegare almeno parzialmente dal punto di vista biologico, alcune forme di autismo, come, ad esempio, la sindrome di Asperger. Ci sono esperimenti in merito, già condotti, che confermerebbero come in soggetti con questa sindrome i neuroni specchio funzionano in modo ridotto.

Ci sono anche altre evidenti prove del fatto che queste cellule influenzano il modo in cui, al di là delle forme di autismo, ciascuno di noi interagisce con gli altri. L’imitare, il comprendere, l’ascoltare, il percepire l’altro.

Neuroni specchio: psicologia

Molti fenomeni psicologici vengono spiegati “tirando in ballo” l’azione dei neuroni specchio che sono alla base anche della diffusione di conoscenze e dei processi di apprendimento per gli esseri umani. A distinguerci da altri primati non umani sarebbe proprio il meccanismo di apprendimento per imitazione che si basa sui neuroni specchio.

Mettendo accanto un bambino e una scimmia, si vede bene la differenza nella velocità di imitazione e quindi di apprendimento. La differenza sta anche nel fatto che di solito per le scimmie si tratta di emulazione, per i piccoli di essere umano, di apprendimento.

Neuroni specchio

Neuroni specchio e linguaggio

Sia nei primati, sia negli uomini ci sono delle zone del cervello come la corteccia prefrontale e le aree parietali inferiori, che sono associate al movimento e alla percezione e sono il centro del linguaggio. In queste aree sono molto presenti i neuronu specchio e giocano una parte da protagonisti.

Neuroni specchio: libro

Nel libro “So quel che fai. Il cervello che agisce e i neuroni specchio”, in vendita anche su Amazon a 19 euro, Giacomo Rizzolatti e Corrado Sinigaglia ci spiegano come questi noti neuroni agiscono influenzandoci nel quotidiano, anzi, spesso guidando le nostre azioni e le nostre emozioni. E’ un ottimo testo non solo per chi opera nel settore ma anche per chi è curioso e desidera approfondire l’aspetto psicologico. Se ti interessa come funziona il cervello potrebbe piacerti il nostro articolo sulle sinapsi

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 28 ottobre 2017