Manutenzione caldaia fai da te

manutenzione caldaia

Manutenzione caldaia, alcuni consigli. Se per la manutenzione straordinaria siamo costretti a rivolgerci a un tecnico, per la manutenzione ordinaria della caldaia possiamo provvedere autonomamente. L’impianto di riscaldamento, soprattutto dopo la pausa estiva, può portare diversi problemi; a quanti di noi è capitato di fare i conti con una caldaia che gocciola?

Nel presente articolo vi mostreremo quali sono le principali opere di manutenzione della caldaia grazie alle quali si può preservare al meglio la vita dell’impianto di riscaldamento. Un impianto di riscaldamento ben tenuto, non solo vi leverà di torno il costoso intervento di un tecnico, in più vi consentirà di risparmiare sui consumi perché più efficiente.

Quella caldaia che gocciola…
Quando la caldaia o altri parti dell’impianto di riscaldamento gocciolano, è difficile individuare la causa. Di solito i gocciolii sono provocati dalle dilatazioni del metallo, in presenza di filettature non più perfettamente tenute, fino agli impuntamenti delle pompe di ricircolo che non funzionano a regime a causa di depositi di calcare. Questi sono solo le principali cause, tuttavia, per evitare che questo o altri problemi possano insorgere, è possibile effettuare diverse operazioni di manutenzione caldaia.

Manutenzione caldaia, la pressione dell’acqua
La pressione dell’acqua che scorre nel vostro impianto di riscaldamento può avere diversi effetti sul funzionamento della caldaia. Quando l’acqua non circola correttamente i radiatori non riescono a riscaldarsi, una pressione dell’acqua troppo bassa impedisce il funzionamento della caldaia. Controllare la pressione dell’acqua sembra un compito “stupido”, eppure talvolta i termosifoni non erogano abbastanza calore proprio a causa di questo “dettaglio” troppo spesso trascurato.

Manutenzione caldaia, il calcare
Impurità e calcare possono portare attriti nel funzionamento della pompa fino a causarne il bloccaggio. Il bloccaggio della pompa può rivelarsi un danno importante capace di attirare la vostra attenzione economica! Prima che sia troppo tardi, controllate la pompa! In molti modelli l’albero rotante ha un intaglio in cui è possibile inserire un cacciavite in modo da impedire una prima rotazione. La pompa è un elemento circolare la cui posizione varia, spesso si trova in alto a destra della caldaia.

Manutenzione caldaia, la temperatura
Avete un termostato (date un’occhiata a quanto costa e come eseguire il montaggio delle valvole termostatiche) o un cronotermostato? Mentre chi non è provvisto di termostato può valutare questa spesa (che potrebbe farvi risparmiare sul riscaldamento fino al 30%), chi ha già un termostato o cronotermostato, farebbe bene a controllarne le batterie.

Le pile del termostato, quando si esauriscono completamente, fanno perdere all’apparecchio le memorizzazioni di temperature ed eventuali orari di accensione e spegnimento (nel caso di un cronotermostato). Se notate dei problemi con le temperature, sostituite le pile e riprogrammate l’apparecchio con le giuste temperature.

Manutenzione caldaia, controllo alle valvole
Le valvole di chiusura e apertura delle varie tubazioni dovrebbero essere azionate periodicamente anche senza un particolare motivo, questo per evitare la comparsa di incrostazioni, strati ossidativi e altre impurità interne. Oltre le valvole meccaniche, lungo l’impianto sono presenti delle valvoline automatiche che devono essere controllate almeno due volte all’anno così da evitare che si blocchino causano seri problemi all’impianto di riscaldamento.

Altri articoli che potrebbero interessarti: Rendimento caldaia: come migliorarlo

Pubblicato da Anna De Simone il 19 settembre 2014