Luna calante nell’orto e nel giardino

Luna calante

La luna calante, o luna discendente, favorisce lo sviluppo radicale. Quindi è il periodo migliore per eseguire i lavori di potatura degli alberi e delle siepi (che perderanno meno linfa se potati in luna calante), per fare i trapianti, la concimazione e per raccogliere le radici. Lo dicono millenni di esperienza.

Fino a pochi decenni fa, i contadini osservavano in cielo i moti della luna e delle stelle prima di iniziare i lavori in campagna o di gestire il bestiame. Oggi invece è più facile. Il recupero delle tradizioni e le nuove conoscenze tecnico-scientifiche ci danno infatti i calendari lunari basati sul mese lunare: 29 giorni e mezzo circa da luna nuova a luna piena. I giorni variano di anno in anno.

Nel calendario lunare sono indicati i lavori da fare in luna crescente e quelli da fare in luna calante. Quelli della luna calante sono in genere: la semina e il trapianto degli ortaggi da radice e dei bulbi, il taglio della legna da costruzione, la potatura degli alberi (specie quelli più vigorosi), gli innesti, il prelevamento delle marze e delle talee, la sfrondatura, la raccolta di frutta e di verdure a bulbo, la vendemmia e la mietitura. Ma c’è l’orto e c’è il giardino. Quindi procuratevi un calendario lunare dove sono segnate le quattro fasi principali (piena, calante, nuova, crescente) e fate così…

Luna calante e orto

Sono tanti gli ortaggi che è buona cosa seminare in luna calante. Per esempio la lattuga, che se viene seminata in luna crescente tende ad andare in semenza diventando presto dura. O la cipolla, così da concentrare verso il basso e non verso l’alto lo stimolo di crescita: anche in questo caso ciò evita che la pianta vada in semenza troppo presto. Ci sono poi la fava, la lenticchia e il pisello che danno un raccolto più abbondante se sono seminati una settimana prima della luna piena, praticamente a cavallo del passaggio tra luna crescente e luna calante.

Restando alle verdure, tutte quelle da conservare è bene raccoglierle in luna calante. Nel caso dei pomodori da conserva, sono da sfruttare i primi giorni di astro discendente se si vuole che la salsa non risulti troppo acquosa e poco conservabile. Anche aglio, cipolla e patata sono da raccogliere nella fase di luna calante.

Luna calante e giardino

Tra i fiori e la luna c’è un legame molto forte. Semine e trapianti, se sono effettuati con la luna giusta, che è quella calante, danno risultati migliori. Mentre gli alberi e gli arbusti nati e trapiantati in luna crescente si sviluppano meglio di quelli nati o trapiantati in luna calante. Tra i fiori da trattare in luna calante ci sono le rose, che traggono beneficio se la potatura viene effettuata qualche giorno dopo il plenilunio.

Se in giardino avete alberi da frutto ricordate che: il noce e il nocciolo risentono negativamente di una luce lunare intensa che può far seccare le foglie, quindi stanno meglio in luna calante. È in luna calante che si raccolgono noci e nocciole se si vogliono conservarle a lungo. Le olive raccolte dopo il plenilunio, quindi in luna calante, sono più saporite e ricche d’olio.

Come riconoscere la luna calante? Ricordate sempre il detto: gobba a ponente luna crescente, gobba a levante luna calante

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Michele Ciceri il 11 settembre 2015