Ipomea in vaso

Ipomea in vaso

Come coltivare l’ipomea in vaso: consigli sull’esposizione, la messa a dimora e le cure. Le specie più adatte alla coltivazione in vaso e cura della pianta.

Campanella o ipomea

E’ una bellissima pianta fiorita da giardino che può dare grandi soddisfazioni anche se coltivata in terrazza o in balcone. L’ipomea è una pianta appartenente alla famiglia delle Convolvulaceae, ne esistono circa 500 specie e così si finisce per parlare di:

  • ipomea perenne
  • ipomea arbustiva
  • ipomea arborea
  • ipomea rampicante
  • ipomea succulenta

Queste piante sono note anche con il nome di campanelle: il nome è legato alla forma del fiore che somiglia proprio alla classica campanella! I fiori sono molto decorativi, possono essere doppi o semplici e hanno colori che vanno dal viola al blu, dal giallo al bianco. Altra caratteristica dei fiori e che tendono ad aprirsi al mattino e chiudersi di sera.

Ipomea in vaso

Prima di parlare della sua coltivazione e delle cure da dedicare a questa pianta, soffermiamoci su quali sono le specie più adatte alla coltivazione in vaso e quali dovrebbero essere le dimensioni del vaso.

Più che di ipomea in vaso dovremmo parlare di fioriere così da poter coltivare più piante e ottenere delle macchie fiorire estremamente ornamentali.

In un vaso da 50 cm di lunghezza (la classica fioriera rettangolare!) è possibile mettere a dimora 3 piante. In vaso si può coltivare con successo l’ipomea rampicante: ti basterà predisporre, alle spalle del vaso, una griglia che fa da sostegno, sulla quale la pianta si arrampicherà. Quando si parla di ipomea in vaso si farebbe meglio a scegliere le specie:

Ipomea purpurea (pianta annuale)

Presenta foglie a forma di cuore. I fiori sono di colore propora-viola a forma di una campanella (o imbuto) che presenta la parte centrale più chiara, tendente al bianco. L’ipomea purpurea è abbastanza resistente ma non è perenne: è una specie annuale. Di questa specie si possono ottenere varietà con fiori magenta, rosso, rosa, bianco…

Ipomea indica (pianta perenne)

Conosciuta come Ipomea learii o Ipomea acuminata: è molto diffusa nell’Italia meridionale ed è anche facile da coltivare. Chi cerca un’ipomea perenne può puntare all’ipomea indica. I fiori sono blu, la fioritura inizia a metà primavera con fiori larghi 8-10 cm.

Ipomea coccinea (pianta annuale)

Questa pianta è particolarmente adatta per chi cerca un’ipomea rampicante che possa raggiungere estensioni notevoli: cresce fino a 5 metri di lunghezza. I fiori sono di colore scarlatto con gola gialla. Si tratta di un’ipomea profumata. Cresce molto velocemente, ha esigenze minime e offre fioriture molto abbondanti. Fiorisce dalla primavera inoltrata e la fioritura perdura fino all’inizio dell’autunno.

Come coltivare l’ipomea in vaso

Come piantare l’ipomea? Ti basterà predisporre una fioriera con un supporto metallico: una rete con maglie da 10 cm. La fioriera va riempita con una miscela di terriccio composto, in parti uguali, da:

  • terriccio universale
  • terreno del giardino
  • sabbia (per favorire il drenaggio)

In prossimità dei fori di scolo del vaso, posiziona un paio di pezzi di coccio (così eviti di predisporre uno strato di argilla espansa che sottrarrebbe suolo e spazio alle radici).

Quando compri un’ipomea in vaso, puoi rinvasare nella tua fioriera rispettando uno spazio di distanza pari a 18 cm tra una pianta e l’altra. Quando metti a dimora in vaso, aggiungi altra terra dove manca fino a lasciare due cm dal margine superiore del veso.

Per le cure da dedicare alla pianta, figurano:

  • irrigazioni costante
  • concimazioni estive a cadenza periodica (ogni 15 giorni con concime liquido per piante fiorite)
  • esposizione soleggiata, la pianta vuole molto sole ma sopporta anche zone a mezz’ombra

L’ipomea indica, che ti abbiamo descritto come ipomea perenne, si comporta come pianta sempreverde solo nel Meridione d’Italia e in quelle zone dove il clima è temperato. Presenta una crescita vigorosa che va sostenuta con la concimazione.

Ipomea non fiorisce

Se la pianta non fiorisce, è probabile che sia stressata. Forse hai fatto un rinvaso fuori periodo? Se hai di recente rinvasato la pianta, è possibile che questa non fiorisca perché si sta adattando al nuovo suolo.

Altre cause possono essere scarsità di luce: la pianta vuole pieno sole, sopporta la mezz’ombra ma solo se la posizione è comunque ben luminosa.

In ultima analisi, è possibile che tu abbia esagerato con le concimazioni. La pianta va concimata solo in estate: un eccesso di concime può portare a uno sviluppo molto vigoroso della vegetazione verde (foglie, steli, getti laterali…) a discapito della fioritura che risulterà carente o del tutto assente.

Ipomea: semi

La coltivazione può iniziare a partire dalla pianta già sviluppata o dai suoi semi. Dove comprarli? In occasione di fiere vivaistiche, nei garden center o sfruttando la compravendita online. A “questa pagina Amazon“, per esempio, puoi trovare una vasta selezione di cultivar di ipomee dai fiori variopinti.

Pubblicato da Anna De Simone il 9 agosto 2018