Ikigai: significato, libro e frasi

Ikigai

Ikigai, dal Giappone, una parola per indicare il concetto di senso della vita con un implicito ma molto chiaro invito ad andare a cercarlo dentro di noi. In giapponese è tutto in un solo termine compreso ma ci servirebbe un numero infinito di parole per descrivere cosa ci sta dietro. Cominciamo con un fitto articolo di frasi, considerazioni e storie, per poi chiuderci in noi con le frasi del test, alla ricerca di un senso, del nostro senso della vita, dell’ikigai

Ikigai: libro

Non siamo soli in questa ricerca, possiamo lasciarci guidare comodamente da un bel libro pubblicato fa Giunti e che sta avendo molto successo come potete immaginare. Si intitola “Il metodo giapponese. Trovare il senso della vita per essere felici” e a scriverlo è stata Bettina Lemke, la copertina è decisamente ispirante e anche il contenuto lo è, ve lo posso assicurare.

Ikigai: libro

Pagina dopo pagina ci viene infatti spiegato in modo anche piuttosto concreto per trattarsi di un saggio per tutti, cosa significa cercare un significato per la nostra esistenza. C’è un metodo che si può adottare, non so procede a tentoni nel buio ma a piccoli precisi passi nella nostra quotidianità ricca di occasioni per capire dove stiamo veramente andando. Trovare il proprio ikigai significa trovare la propria ragione di vita, da quel momento in poi è tutta un’altra cosa e ogni giorno è una vita da vivere intensamente.

Non esiste una traduzione semplice nelle lingue occidentali della parola ikigai, lo si traduce come “la ragione di esistere”, “il motore della vita”, “motore” rende meglio perché è qualcosa che porta all’azione e non alla contemplazione. A quanto si legge nel libro scoprire l’ikigai non solo fa vivere meglio ma fa vivere più a lungo, l’autrice riporta degli esempi reali e ci insegna a prestare attenzione a cosa ci trasmette energia, curiosità, positività, realizzazione personale, fiducia in noi stessi, progettualità. In altre parole, a cosa ci serve per essere felici. Voi ve lo siete mai chiesti davvero? E cosa vi siete risposti?

Ikigai: significato

L’ikigai (生き甲斐) è l’equivalente giapponese di espressioni italiane quali “ragione di vita”, “ragion d’essere”. Non è un concetto senza radici nella realtà, dobbiamo pensarlo come lo pensano quelli che abitano nella zona di Okinawa, ovvero come quella ”ragione per svegliarsi al mattino”, ci sono anche quelli che fanno coincidere l’ikigai con la persona di cui si è profondamente innamorati ma in verità è un uso un po’ restrittivo del termine.

Secondo i giapponesi tutti hanno il proprio motivo per esistere, è solo questione di cercarlo. Non ha una accezione positiva a tutti i costi, il termine, perché ci sono delle volete in cui chi si intestardisce a seguire il proprio ikigai può anche esagerare e comportarsi in modo egoista, accecato dall’obiettivo, consumandosi fino alla degradazione.

Ikigai: significato

Ikigai: frasi

Vediamo alcune frasi che ci descrivono cosa è il senso della vita e dove potremmo cercarlo.

A parte l’uomo, tutti gli animali sanno che lo scopo principale della vita è godersela. (Samuel Butler)
Ama la vita più della sua logica, solo allora ne capirai il senso. (Fëdor Dostoevskij)
Essere ciò che siamo, diventare ciò che siamo capaci di diventare, questo è il solo fine della vita. (Robert Louis Stevenson)
Il sacrificio è l’essenza della vita, la porta per capirne il significato. (Roberto Baggio)

Chi è appassionato di frasi e citazioni ne può trovare di interessanti anche sulla gentilezza, sul rancore e sulla nostalgia.

Ikigai: tatuaggio

Quando si trova il proprio ikigai ce lo si può anche tatuare addosso, nessuno ce lo impedisce, anzi, Sta a noi, in verità, l’importante è non dimenticarselo anche per imparare a dare le giuste priorità alle cose e alle persone che animano le nostre giornate.

Ikigai: test

Non c’è risposta giusta o sbagliata, non c’è chi vince o chi perde, non c’è una risposta unica e nemmeno una migliore di un’altra. C’è da cercare una risposta a questo test e vince chi la trova e la sa gestire. Il fatto è che l’ikigai ci racconta il senso della vita ma non è poi così semplice nel quotidiano tenerlo presente senza distrarsi. Vediamo il test che i giapponesi ci propongono e proviamo a rispondervi, vi anticipo che si può dare la stessa risposta a più domande ma se le risposte sono diverse, il vero test consiste nel trovare poi il giusto modo per rispettare tutto ciò che ci anima nel bene e nel male.

Ecco le domande del test. La prima è “Qual è la tua passione?”: si deve andare in cerca di ciò che ci stimola a vivere, ad alzarci al mattino, il soggetto (o oggetto) che è il vero “motivatore” della nostra esistenza. Serve quindi capire senza farsi condizionare da niente e da nessuno, cosa mi piace veramente. La seconda domanda è relativa alle nostre capacità: “in cosa siamo bravi?”. Si va quindi alla ricerca della propria vocazione e non sempre essa coincide con ciò che amiamo fare, se coincide siamo fortunati e siamo a buon punto nella ricerca del senso della vita.

Con la terza domanda ci si trova a chiedersi “cosa vuole il mondo da noi?” ovvero a pensare a quale possa essere la nostra vera missione o compito che abbiamo sulla terra, quella per cui siamo utili in generale, non solo a noi stessi. Ultima domanda prima della somma finale, è molto pratica: “Con cosa puoi procurarti da vivere?” perché una volta trovato il senso della vita bisogna comunque essere in grado di vivere e di mantenerci vivi.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 17 agosto 2018