Green marketing: definizione

Green marketing

Green marketing, un modo rispettoso dell’ambiente di fare marketing, esiste, e non riguarda solo lo spreco di carta o di energia. E’ una questione di valori che si vogliono e si possono sottolineare e trasmettere, di battaglie da sposare e appoggiare. Il Green marketing è in fondo un importante mezzo per prendere posizione, per stare dalla parte giusta, quella naturale.



Green marketing: definizione

Noto anche come “marketing verde”, il green marketing, è la commercializzazione di prodotti che si ritiene siano ecologicamente preferibili ad altri. Così può sembrare che ci si debba occupare di preparare una vetrina scegliendo prodotti bio, ma non è così. La vetrina è il mondo e i prodotti da selezionare e da commercializzare sono di ogni tipo.

Dal caffè biologico a servizi di terziario, addirittura a idee e progetti complessi e che coinvolgono più marchi e imprese. E’ quindi chiaro che fare Green marketing significa occuparsi di una ampia gamma di attività. Si parte dal cambiamento del prodotto, per adattarlo ai valori green che vogliamo sposare, si passa al check del processo di produzione, anche nell’utilizzo di imballaggi eco-sostenibili si può e si deve lavorare molto, non scordiamoci poi della pubblicità. Quella che comunica tutto il lavoro precedentemente fatto, con fatica e buoni intenti.

Possiamo sentire parlare di “environmental marketing” e di “ecological marketing”, se ci stiamo occupando di Green marketing: tutti e tre sono concetti, e termini, spuntati quando nel mondo si è iniziato a pensare ad un modo diverso di vedere il marketing, cambiando prospettiva, un po’ perché ci si crede, un po’ perché oggi è necessario. Nonostante siano anni che si parla di Green marketing, ci sono ancora contesti in cui questo è rimasto una teoria che aspetta di essere tradotta in buone pratiche.

Green marketing

Green marketing: il manifesto

Consapevoli che trasmettendo e diffondendo affermazioni ingannevoli o ingigantite apposita, le aziende possono causare di veri e propri disastri, anche a proprie spese, gli Stati Uniti con la Federal Trade Commission hanno stabilito alcune linee guida relativamente al marketing “eco-sostenibili”.

Di tempo ne è passato, si apprezza il primo passo ma conviene andare a sfogliare “The green marketing manifesto” di Grant John, un interessante approccio al Green marketing basato su innovazione, creatività, attenzione alla persona e che punta su risparmio energetico e rispetto della natura adottandole come nuove linee guida per il presente e per il futuro

Green marketing: storia

Sono anni che si parla di Green marketing e non senza risultati. La prima volta è stata alla fine degli anni ’70 quando la American Marketing Association (AMA) ha tenuto il primo laboratorio di “Ecological Marketing”, nel 1987 è poi arrivato un documento della Commissione Mondiale per l’Ambiente e lo Sviluppo (World Commission on Environment and Development) chiamato Brundtland Report e considerato un importante passo avanti nella diffusione di un modo di pensare sostenibile nel quotidiano.

Percorrendo la storia mondiale del Green marketing troviamo due altre importanti svolte segnate da due pubblicazioni omonime, una di Ken Peattie, del 1992, in Inghilterra, e una di Jacquelyn Ottman, del 1993, uscita negli Stati Uniti.

Negli ultimi anni non siamo stati certo con le mani in mano, si è agito usando come leva la forza del consumatore per innescare un cambiamento verso il green. In USA si parla esplicitamente di “green consumer”, termine che rende perfettamente l’idea.

Green marketing

Green marketing in italia

Anche in Italia il green marketing gioca le sua carte e raccoglie successi. E’ poi difficile parlare di Italia come se fosse isolata dal mondo. Sia come prodotti sia come comunicazione, che si viva in Italia o in altri Paesi, si è investiti da un flusso universale in parte confuso ma che sembra aver compreso che oggi il green marketing è vincente e in futuro, lo sarà di più. Se noi, italiani e non, cominciamo ad essere dei green consumers compatti e convinti.

Green marketing: esempi

Di esempi di green marketing ce ne sono numerosi ed è importante imparare a riconoscerli autonomamente. Come? Ecco gli aspetti da valutare con attenzione. Partiamo dal prodotto, che deve essere ecologico e non contaminare l’ambiente, il prezzo può essere leggermente più alto di quello delle convenzionali alternative ma non il doppio.

Un altro interessante aspetto è quello della distribuzione logistica, compresi gli imballaggi in materiali riciclabili. Anche la promozione dei prodotti è essenziale se si parla di green marketing perché è necessario saper sottolineare tutte le sfumature del green che vogliamo commercializzare, al di là del settore in cui operiamo e di chi sono i potenziali utenti o consumatori.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 28 marzo 2017