Ginestra, pianta e coltivazione

ginestra pianta coltivazione

Ginestra, pianta e coltivazione. In questa pagina vi forniremo tutte le info utili per coltivare piante di ginestre in vaso o in piena terra.

Ginestra, descrizione della pianta

Le ginestre rustiche offrono fioriture generose, profumate e appariscenti. Si tratta di arbusti tipici del mediterraneo, dai fiori giallo oro e che prosperano spontaneamente nelle radure e lungo i pendii sassosi, aridi e soleggiati. Si possono osservare facilmente negli ambienti costieri dell’Italia Meridionale, nei luoghi soleggiati degli Appennini e sulle Isole.

Le ginestre sono piante rustiche da coltivare con facilità nel proprio giardino. Si prestano bene alla coltivazione del giardino roccioso, di fossati, pendii o altre zone difficili da coltivare.

Se intendete allestire un giardino mediterraneo, potete associare le ginestre a piante come il cisto, il mirto e il lentisco. 

Le ginestre riescono a offrire generose fioriture anche nei climi più secchi e sui suoli più aridi. La pianta fiorisce nel periodo primaverile-estivo.

Ginestre, piante da giardino

Parlare di ginestre da coltivare in giardino non è semplice. Le ginestre coltivate a scopo ornamentale sono tante e fanno parte di generi botanici diversi. A differire non è tanto la fioritura quanto le dimensioni che le diverse piante possono raggiungere a seconda della specie di appartenenza.

Varietà di ginestre

Tra le specie e le varietà più diffuse e adatte alla coltivazione in giardino (sia in vaso, sia in piena terra) segnaliamo:

  • Ginestra dei carbonai (Cytisus scoparius)
    si sviluppa principalmente in altezza. I fiori sono fortemente profumati. Dalla specie si ottengono diverse varietà dalla fioritura con colori diversi (Boskoop Ruby con fiori rossi, Marie Burkwood con fiori rosa pallido).
  • Ginestra lydia
    si caratterizza per una fittissima fioritura, così abbondante che non lascia intravedere le parti arbustive. Questa specie è spinosa, può essere coltivata in vaso o posta sui muretti a secco, in pieno sole. Irrigate con parsimonia e si consiglia di eseguire potature dopo la fioritura.
  • Ginestra odorosa (Spartium junceum)
    si caratterizza dallo spiccato profumo delle infiorescenze. E’ conosciuta come ginestra di Spagna ginestra comune. Dato l’intensa profumazione, si consiglia di coltivarla in giardino, in piena terra, piuttosto che in balcone o in terrazza.

Coltivare le ginestre

Settembre è il periodo ideale per la moltiplicazione per talea di Ginestra mentre chi vuole iniziare a coltivare questa pianta a partire dal seme, dovrà aspettare la primavera. Nel mese di settembre o verso la fine dell’estate (in base all’andamento climatico stagionale), quando la fioritura inizia a essere eccessivamente matura, potete raccogliere i semi delle ginestre rustiche che prosperano spontaneamente in natura.

Ecco alcuni consigli circa la coltivazione delle ginestre in vaso o in giardino:

  1. Nei primi periodi di crescita, le radici di ginestra sono piuttosto delicate: al momento della messa a dimora (in vaso o in giardino) è opportuno maneggiare la pianta con estrema cautela.
  2. In caso di coltivazione in vaso, scegliete un contenitore capiente e soprattutto profondo, le radici delle piante di ginestra crescono in profondità.
  3. Il periodo più adatto per la messa a dimora delle piante di ginestra è l’autunno (da ottobre a novembre) o l’inizio della primavera. Nello stesso periodo potete provvedere al rinvaso.
  4. Le ginestre non necessitano di abbondanti irrigazioni. Chi coltiva ginestre in giardino si può limitare a eseguire irrigazioni di soccorso solo in piena estate. Chi coltiva piante di ginestre in vaso, invece, dovrà essere più attento e irrigare con una certa regolarità ma non in modo assiduo.

Talea di ginestra

La moltiplicazione per talea della ginestra è molto semplice da eseguire. A fine estate, non dovrete fare altro che recidere un ramo lignificato di 2 anni dalla lunghezza di circa 20 cm. Accorciate i rametti e interratela per 6 – 7 cm in un vasetto dal diametro di 8 – 10 cm. Il vasetto dovrà essere riempito con terriccio molto poroso (una miscela di terra di giardino, sabbia e torba, in parti uguali).

Il vasetto va tenuto in posizione semi-ombreggiata e va mantenuto moderatamente umido. La talea dovrebbe emettere nuove radici nel giro di un paio di mesi ma sarà pronta per la messa a dimora in pieno campo o in vaso solo nell’autunno successivo (dopo un anno!).

Come potare la ginestra

Per tutte le info: ginestra, potatura

Pubblicato da Anna De Simone il 3 settembre 2016