Fucsia in vaso

Fucsia in vaso

Fucsia in vaso: consigli su cure e coltivazione della pianta. Tutte le informazioni sulle specie e i suoi fiori. Come potare la pianta, come concimarla e come curarla.

Fucsia: pianta ornamentale

La fucsia è una pianta ornamentale molto apprezzate. In commercio si trovano molte specie e innumerevoli ibridi che si propongono con fiori dalle forme e dai colori molto particolari. Anche il periodo della fioritura può variare.

Tutte le piante sono molto affascinanti e presentano fiori penduli dai colori vivaci. Le specie fucsia appartengono alla famiglia Onagraceae e si prestano bene alla coltivazione in vaso.

Le specie più coltivate nel nostro paese sono la Fuchsia magellanica e la Fuchsia fulgens. Come premesso, queste piante possono diversificarsi non solo per la forma e i colori dei fiori ma anche per il periodo della fioritura.

La Fuchsia magellanica, per esempio, ha una fiorisce da luglio a ottobre. La Fuchsia fulgens inizia a riempirsi di fiori verso settembre. A partire da queste due e molte altre specie sono stati selezionati ibridi che si adattano perfettamente al nostro clima.

La fuchsia è una pianta originaria della fascia tropicale dell’America Latina, quindi dà il suo meglio quando vi è una netta differenza di temperatura tra il giorno e la notte. Nell’America meridionale, le notti sono molto fresche e umide mentre le ore diurne sono più calde oltre che umide.

Per ovviare a questo problema, nel nostro paese, la pianta fucisa si può coltivare in zone ombreggiate (ombra o ombra parziale).

Come coltivare la fucsia in vaso

Come premesso, queste piante si adattano perfettamente alla coltivazione in vaso. La fucsia in vaso è facile da gestire e da curare.  Le regole di base per curare la fucsia in vaso sono semplici da comprendere:

  • Il vaso va posizionato a mezz’ombra o in ombra. La pianta non vuole il sole diretto e non ama luce intensa.
  • In inverno, deve essere spostata all’interno o in una posizione riparata dal freddo e dal vento gelido.
  • La pianta non vuole abbondanti irrigazioni. Dai acqua alla fucsia in vaso solo quando il terreno è completamente asciutto. Quando irrighi, fai attenzione a non esagerare perché il terreno non dovrebbe mai essere zuppo d’acqua.
  • L’acqua in eccesso dal sottovaso va tolta per evitare marciumi radicali.

Le altre cure da dedicare alla pianta verrano analizzate nel paragrafo successivo. Nel coltivare la fucsia in vaso dovrai prestare attenzione alle dimensioni del vaso: sia per una questione estetica che tecnica, ti consigliamo di scegliere delle ciotole poco profonde ma ampie.

Le ciotole di terracotta consentono un’ottima traspirazione, mantengono il terreno fresco in estate e sono molto belle da guardare.

Sul balcone o in terrazzo, puoi coltivare la fucsia in vasi sospesi, cesti da appendere o altri contenitori che consentono di massimizzare la bellezza dei fusti e dei fiori penduli: in questo modo creerai una cascata di fusticini colorati.

Fucsia pianta

Il vaso dovrà essere riempito con terriccio molto drenante: questa pianta odia i ristagni idrici. Puoi usare un terriccio universale a patto che sia di buona qualità, fertile e drenante. Per aumentare il drenaggio puoi aggiungere al terriccio una manciata di sabbia oppure, aggiungere sul fondo del vaso, dei ciotti rotti o uno strato sottile di argilla espansa.

Fucisa: cura della pianta

Come curare questa pianta? Se hai appena acquistato la pianta in una ciotola ornamentale, non concimarla. In genere i vivai aggiungono del concime a lenta cessione al terreno del vaso. Se invece devi fare un rinvaso, puoi aggiungere tu stesso del concime a lenta cessione. Al momento del rinvaso (che si fa a inizio primavera) è bene aggiungere al terreno una manciata di concime organico (letame pellettato, stallatico…). Basta una concimazione al momento del rinvaso per garantire alla pianta tutti i micronutrienti necessari per la stagione vegetativa.

Se non hai fatto il rinvaso, puoi aggiungere del concime liquido per piante fiorite, ma senza esagerare e a cadenza di 30 – 40 giorni.

Tra le cure da dedicare alla pianta vi è anche la potatura. La potatura della pianta fucsia serva a mantenere la forma della chioma arbustiva.

La fucsia è una pianta arbustiva semilegnosa, in natura vede un andamento cespuglioso ma quando coltivata in vaso, con la giusta potatura, si può far crescere ad alberello o come un cespuglio ricadente ben ordinato.

Come potare la fucsia ad alberello? E’ necessario un tutore che sorregge il fusto principale della pianta. Man mano che la pianta cresce sarà necessario potare i germogli alla base del fusto e mantenere quelli sulla parte superiore.

Se invece vuoi potare la fucsia per ottenere un piccolo arbusto ordinato, dovrai eliminare solo i rami secchi e spezzati. La pianta, in questo caso, produrrà dei fusti ricadenti verso il basso, questa ipotesi è perfetta se la fucsia in vaso si trova sul davanzale del balcone o in un vaso sospeso.

Ti piacciono le piante da fiore ricadenti da coltivare in balcone?
Leggi il nostro articolo dedicato alle varietà di geranio.

Pubblicato da Anna De Simone il 30 agosto 2018