Fiori recisi, come farli durare a lungo

I fiori recisi, anche se si prestano a meravigliose composizioni floreali, saranno destinati poi ad appassire nel giro di pochissimi giorni. Certo è un peccato…e ancora di più perché spesso dietro a ogni fiore reciso si accompagna un gesto, un ricordo che vorremmo mai cancellare. Esiste qualche soluzione per far durare più a lungo i fiori recisi? Certo, ecco una guida che vi illustra come evitare di far appassire i vostri meravigliosi fiori recisi dall’oggi al domani.

Fiori recisi, le regole per farli durare a lungo

  1. Maneggiare i fiori recisi con cura
  2. Prima di contenerli in un vaso, tagliare con un coltello un pezzo di stelo preferibilmente in obliquo
  3. Successivamente eliminare anche le eventuali foglie più basse
  4. Riempire il vaso con acqua fredda, assicurandosi che sia pulita e abbastanza da contenere i fiori: almeno il 40% dell’altezza del fiore
  5. Assicurarsi inoltre che le foglie, non vadano a contatto con l’acqua onde evitare che la inquinino, riducendo così  la durata dei fiori
  6. Aggiungere nel vaso colmo d’acqua dei cubetti di ghiaccio la mattina e la sera: il freddo contribuirà a far durare di più i nostri fiori.
  7. Versare anche gli appositi sacchetti di Sali che si trovano in vendita nei fiorai e nei supermercati: servono appunto a prolungare la vita del fiore

Fiori recisi: margherite, violette, rose e fiori di campo

  • Se si tratta di margherite o di fiori con foglie delicate, eliminare il maggior numero di foglie ed aggiungere nell’acqua del vaso che li ospita un pizzico di sale e uno di zucchero: servirà ad allungare la durata, evitando allo stesso tempo l’eventuale odore di marcio.
  • Per allungare la durata delle violette, basta tenerle immerse in acqua ghiacciata per circa un paio di minuti prima di trasferirle nel vaso.
  • Per aumentare la durata delle rose, invece basta mettere nell’acqua una monetina di rame
  • Per i fiori di campo che tendono sicuramente a ricoprirsi di una sgradevole patina biancastra, basta aggiungere un pezzettino di carbone nell’acqua. Poi aggiungere quotidianamente una piccola quantità di acqua, che andrà poi cambiata almeno una volta a settimana e fare arieggiare spesso la stanza che li ospita.

Indicazioni importanti: assicurarsi tutti i giorni che l’acqua sia sempre pulita. Evitare di esporre i fiori vicino a fonti eccessive di calore, poiché esso accelererà l’evaporazione dell’acqua. Infine, tenere lontani i fiori dalla frutta, poiché essa produce etilene, un veleno che li farà appassire velocemente.

Pubblicato da Anna De Simone il 26 maggio 2013