Falso cipresso o cipresso di Lawson

falso cipresso

Come curare e coltivare il falso cipresso in vaso o in giardino. Tutte le informazioni sulle cure da impartire al cipresso di Lawson.

Il falso cipresso, anche noto come Cipresso di Lawson è apprezzato per le sue foglie estremamente decorative.

Botanicamente noto come chamaecyparis lawsoniana, è una conifera caratterizzata da foglie molto piccole raggruppate a formare una sorta di ventaglio. Le foglie virano di colore, dal verde intenso al blu, fino a toccare tonalità più calde.

Cipresso di Lawson

E’ originario delle regioni costiere occidentali degli Stati Uniti, cresce spontaneo e in abbondanza sulle coste della California e per queste è conosciuto anche come cipresso californiano. La sua popolarità l’ha reso molto diffuso nei vivai.

Presso i garden center è possibile scegliere tra circa 200 varietà che hanno dimensioni di grandi alberi o di grandi arbusti. A queste varietà se ne aggiungono circa 50 nana più adatte alla coltivazione in vaso.

Il cipresso di Lawson può regalare una siepe che necessita di poche cure (potature a parte). Cresce rapidamente e può essere usato per realizzare siepi profumate e dalle colorazioni gradevoli.

Come coltivare il falso cipresso

Il cipresso califoniano preferisce terreni profondi, ben drenati, con reazione leggermente acida e ricchi di materia organica. Per la buona riuscita della coltivazione di falso cipresso è necessario garantire un ottimo drenaggio.

Un terreno poco drenato causerà indubbiamente marciumi radicali: anche se la pianta è molto rustica, non è immune ai ristagni idrici.

Generalmente, una siepe di falso cipresso non andrebbe irrigata: la pianta si accontenta delle piogge e dell’umidità del suolo. Tuttavia, in zone particolarmente siccitose le piante andrebbero periodicamente bagnate, soprattutto se sono state messe a dimora  di recente.

Per rendere la pianta più vigorosa, in autunno e in primavera potete interrare superficialmente, ai piedi della pianta, della materia organica. Per mantenere una buona reazione di pH del suolo, periodicamente si consiglia la somministrazione di un concime per piante acidofile.

Semina del falso cipresso

Chi vuole avviare una coltivazione di cipresso di Lawson a partire dai semi, dovrà armarsi di pazienza. Potete far germogliare i semi in primavera ma le nuove piantine ottenute dovranno essere mantenute in vaso per almeno 2 – 3 anni. Quando saranno abbastanza forti potranno essere messe a dimora in piena terra.

Cipresso di Lawson in vaso

Come premesso, per la coltivazione del falso cipresso in vaso, non mancano varietà mignon o nane. In questo contesto, l’altezza della pianta non supera mai il metro. Queste piante possono essere usate per realizzare una bordure, giardini rocciosi o per adornare terrazzi e balconi. Le varietà nane, generalmente, preferiscono una posizione soleggiata.

La messa a dimora del Cipresso di Lawson

Potete procedere con la messa a dimora in in autunno. In questo periodo dell’anno, il terreno si presenta sufficientemente umido quindi più facile da lavorare e più idoneo per le giovani piante.

Falso cipresso rosso, giallo, blu o verde

Il falso cipresso rosso, anche noto come palla di fuoco, è una pianta arbustiva della varietà kochia tricophylla, perfetta per bordure o aiutole basse. E’ molto apprezzata per il colore rosso acceso del suo fogliame. Anche se la palla di fuoco è quella più popolare, non è l’unica colorazione disponibile.

Il Chamaecyparis lawsoniana Columnari, noto come falso cipresso blu, è perfetto per realizzare siepi eleganti e dall’aspetto classico.

Il Chamaecyparis lawsoniana Ivonne, noto come falso cipresso giallo si fa notare per il suo fogliame giallo puro. Anche questa pianta è spesso usata per realizzare siepi colorate. Le ultime due varietà hanno portamento stretto e un’elevata densità fogliare. Vanno potate 1 o 2 volte all’anno.

Chi preferisce siepi molto alte, dovrà puntare alle varietà selezionate dai vivai come la Chamaecyparis Lawsoniana Ellwood’s Gold che può raggiungere un’altezza di circa 4 metri.

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Anna De Simone il 17 novembre 2016