Epiphyllum: varietà e coltivazione

Epiphyllum oxypetalum

Epiphyllum, varietà e coltivazione: quali sono le varietà più apprezzate, le caratteristiche botaniche e le cure. Come coltivare l’Epiphyllum, la pianta grassa a fioritura notturna.

Epiphyllum: pianta

E’ una pianta della famiglia Cactacea, è priva di spine e originaria dell’America. E’ molto apprezzata per i suoi fiori tanto da trovare ampio spazio nella coltivazione domestica.

In natura, la pianta cresce su alberi grandi o su rupi dove l’aria è ricca di umidità. L’epiphyllum cresce affondando le sue esili radici in sostanze residue che si formano tra i rami dei grossi alberi (foglie in disfacimento, muschi, residui del metabolismo degli animali…).

Come coltivare l’Epiphyllum

Per quanto detto, è chiaro che per coltivare l’epiphyllum hai bisogno di modeste quantità di terreno che deve essere soffice e torboso. Il terreno deve essere mantenuto costantemente umido, anche in inverno.

La pianta vuole abbondanti concimazioni: somministra un concime per cactacee da marzo a settembre e assicurati di tenere l’epiphyllum in vaso in una zona della casa dove non battono i raggi diretti del sole e soprattutto dove le temperature non sono mai inferiori ai 10 °C.

La pianta ha bisogno di un ambiente luminoso, umido, caldo ma non troppo soleggiato.

Epiphyllum: varietà

In commercio si trovano innumerevoli varietà e anche ibridi, incrociando l’epiphyllum con altre specie del genere Echinopsis. Le specie più diffuse sono:

  • Epiphyllum anguliger
  • Epiphyllum crenatum
  • Epiphyllum oxypetalum

Mentre la piante conosciuta con il nome Epiphyllum ackermannii in realtà non è un Epiphyllum ma un Discocactus. La specie era chiamata Epiphyllum ackermannii nel 1800 mentre oggi la pianta è stata classificata come cactacea del genere Discocactus, quindi è improprio parlare di Epiphyllum ackermannii. Per quanto riguarda le esigenze e le cure da dedicare a tutte le specie e varietà di Epiphyllum non ci sono grandi variazioni considerando l’habitat di origine analogo per ogni specie.

Epiphyllum oxypetalum

Caratterizzata da fiori larghi fino a 25 cm di diametro, petali bianchi (Epiphyllum bianco) molto profumati. Le fioriture sono generose: la pianta fiorisce di notte e a seguito dei fiori si sviluppa un frutto rosso brillante. Il frutto si produce solo se il fiore viene fecondato con polline di un’altra pianta. L’Epiphyllum oxypetalum è mostrata nella foto in alto.

Epiphyllum crenatum

Anche in questo caso parliamo di un Epiphyllum con fiori bianchi ma se l’Epiphyllum oxypetalum è una pianta a fioritura notturna, la E. crenatum è apprezzata per le sue fioriture diurne. Inoltre ne esistono varietà di diversi colori molti ibridi colorati sono ricavati con incroci con piante del genere Discocactus (tra questi epiphyllum rossoepiphyllum giallo…). Se non fiorisce, in primavera, esporre la pianta a una quantità di luce extra (anche in pieno sole) potrebbe essere una buona strategia per far stimolare l’emissione di nuovi germogli. I fiori arrivano in tarda primavera o all’inizio dell’estate. I fiori sono larghi 15-20 cm e se pure si coltivano varietà a fioritura notturna, restano aperti per diversi giorni.

coltivare Epiphyllum

Epiphyllum kimnachii

Si tratta di una varietà della specie Crenatum. Si differenzia per steli più raccolti e foglie semicircolari. Il colore dei fiori può variare.

Epiphyllum angulier

Anche noto come Epuphyllum giallo: i fiori, larghi 6 -7 cm, di notte producono un odore gradevole. Sono di un giallo pallido o giallo-rosa. Il frutto, in questo caso, è marrone, verde o giallastro, di forma ovale e dal diametro di 3 – 4 cm. Il fiore è mostrato nella foto a metà pagina.

Epiphyllum: semi e coltivazione

Non è sempre facile trovare, presso il vivaio sotto casa, la varietà di epiphyllum desiderata, tuttavia, grazie alla compravendita online è possibile accedere a piante e semi di qualsiasi varietà. Per esempio, “a questa pagina Amazon” è possibile comprare i semi delle varietà di Epiphyllum più ricercate. Non mancano varietà a fiore rosso o a fiore di due colore.

La semina non è particolarmente difficile. Come seminare l’Epiphyllum? Dovrai preparare un letto di semina dato da sabbia e torba e interrare i semi a una profondità di 1-2 centimetri. Nel periodo di germinazione dovrai mantenere il terreno costantemente umido e l’ambiente caldo. Quando seminare? In ambiente coperto in qualsiasi periodo dell’anno, per far germogliare i semi dovrai mantenere una temperatura media non inferiore ai 20-22 °C.

Può essere utile: come proteggere le piante grasse dal freddo

Pubblicato da Anna De Simone il 7 maggio 2018