Come eliminare muschi e licheni

Come eliminare muschi e licheni

Come eliminare muschi e licheni: consigli per eliminare le croste nere e le incrostazioni su muri esterni e manufatti lasciati alle intemperie.

Muffa, muschi e licheni possono essere un vero inferno per chi, anche per breve tempo, ha trascurato il giardino. Se il muretto di casa ha problemi di muffa, vi invitiamo a leggere la nostra guida su come eliminare la muffa dai muri esterni della casa. In questa pagina ci concentreremo sulla formazione di patine biologiche verdi e su tutti i residui lasciati da muschi e licheni.

Balconi, muretti, terrazze… qualsiasi parte della casa non protetta dagli agenti atmosferici può diventare il luogo perfetto per la proliferazione di muschi e licheni.

Patina biologica

La patina biologica è un aggregato di sostanze di origine vegetale secrete da muschi e licheni. Quella dei muschi e quella dei licheni sono famiglie che hanno caratteristiche molto differenti tra loro.

I muschi prosperano in presenza di forte umidità, possono diventare di colore nero in mancanza di fotosintesi (quando non c’è molta luce). Quando l’apparato radicale penetra in profondità, possono causare crepe nei muri e degrado chimico causato da sostanze secrete dalle radici.

I licheni, invece, sono organismi simbionti dati dall’unione di un fungo e un’alga. I licheni possono proliferare anche in assenza totale di luce perché i due organismi cooperanti si sostengono a vicenda: l’alga fornisce nutrimento al fungo e il fungo consente all’alga di prosperare anche senza luce (in assenza della fotosintesi clorofilliana).

I licheni hanno un aspetto molto differente dai muschi. I licheni possono avere un aspetto lamellare, crostoso o a placche. Il colore varia in base alla specie.

La patina biologica non è molto dannosa in sé ma costituisce un forte problema di natura estetica.

Crosta nera

La crosta nera non è opera di muschi e licheni. Questa sostanza si forma a causa dell’inquinamento presente nell’atmosfera e delle piogge acide. Anidide solforica, materiale carbonioso e a altri agenti inquinanti si stratificano sulla faccia dei muri esterni e sui nostri manufatti lasciati all’intemperie (statue, colonne, porticati…). Questa stratificazione dà origine a una pellicola compatta e scura descritta come una crosta nera.

Questo tipo di incrostazioni sono molto dannose per la muratura, per le statue e per qualsiasi manufatto. La crosta ha una dilatazione dermica differente dalla muratura sottostante e per questo crea delle crepe. Piogge acidi e azione chimiche degli stessi agenti inquinanti vanno a degradare ulteriormente i nostri bene causando danni difficili da riparare.

Come eliminare muschi e licheni:
rimuovere la patina biologica

Per rimuovere i residui organici di muschi e licheni o per la pulizia delle incrostazioni, indossate una mascherina, un paio di guanti e degli occhialini protettivi.

Questa pulizia andrebbe eseguita in primavera, in estate o a inizio autunno, quando le temperature non scendono sotto i 15 – 20 °C. L’acqua utilizzata dovrà evaporare presto, in inverno potrebbe accumularsi e peggiorare la situazione.

Procuratevi uno spruzzino e una spazzola di saggina. Spazzolate tutte le superfici procedendo dal basso. Tale operazione è molto semplice ma anche efficace: consente di eliminare la patina biologica, muschi e licheni senza danneggiare la muratura.

Se preferite potete aggiungere all’acqua (meglio se calda) dei trattamenti biocidi specifici in base al tipo di patina biologica da rimuovere.

Eliminare le croste nere

Le incrostazioni nere su statue da giardino e muri, sono più difficili da rimuovere. Provate con degli impacchi di cellulosa, procedimento accessibile con il fai da te.

Diluite la cellulosa in un po’ d’acqua fino a renderla lavorabile. Applicate la cellulosa sulla patina nera da eliminare, fatela aderire grazie a dei teli di garza e sopra poggiate del cotone idrofilo (ovatta) per fissare l’impacco.

Coprite con dei teli di nylon per evitare che l’acqua nella cellulosa possa evaporare. Lasciate agire l’impacco per 2 o 3 giorni e infine lavate con acqua deionizzata e spazzolate con una spazzola a setole morbide.

Utilizzate agenti chimici e solventi solo in casi estremi perché purtroppo non sempre riescono a preservare il manufatto.

I muschi e i licheni in giardino hanno attaccato anche la vegetazione? Ecco un articolo che vi spiegherà come controllare muschi e licheni sui tronchi degli alberi.

Foto da: istituto superiore per la conservazione e il restauro. ICR Beni culturali.

Pubblicato da Anna De Simone il 14 ottobre 2016