Eliminare il calcare dalla doccia

calcare doccia

Come eliminare il calcare dalla doccia: le istruzioni per liberare il soffione dal calcare per migliorare il flusso d’acqua. Consigli per eliminare il calcare dal box doccia (dal piatto della doccia, dalle ceramiche e del bagno e dal vetro).

In questa guida vedremo come eliminare il calcare dalla doccia con rimedi naturali o con prodotti chimici ad hoc. Prima dell’acquisto di prodotti chimici vi consigliamo di sperimentare i nostri rimedi naturali così da salvare il portafogli e salvaguardare l’ambiente.

Il calcare, nella doccia, tende ad accumularsi soprattutto in corrispondenza a determinati punti:

  • Nelle insenature del tubo flessibile.
  • Sul piatto, soprattutto in presenza di sporgenze antiscivolo che frenano il deflusso dell’acqua.
  • Nei fori della “doccetta” (soffione).
  • Sui vetri del box doccia, a lungo andare, tendono a formarsi degli aloni causati dal calcare.
  • Sul tappo.

Calcare nella doccia, la prevenzione

Per prevenire la formazione del calcare nella doccia e in tutte le sue componenti, è possibile adottare due strategie: una molto noiosa ma economica, l’altra molto costosa ma immediata! In questo paragrafo vedremo come evitare che si formi il calcare nella doccia e in tutte le sue componenti (piatto, vetri, tubo flessibile, soffione…).

Il metodo economico che vi consentirà di prevenire la formazione del calcare nella doccia consiste nell’asciugare sempre la doccia e ogni sua componente, al termine dell’uso. Per il soffione, esistono dei soffioni con ugelli anticalcare che sono più facili da pulire.

Un metodo più costoso ma che va a risolvere il problema del calcare in tutta la casa a beneficio della rubinetteria, dell’igiene e dalla lavatrice, prevede l’installazione di un addolcitore d’acqua. Per tutte le informazioni: addolcitore per acqua.

Eliminare il calcare dalla doccia: il soffione

Il calcare tende a ostruire i fori del soffione (quello strumento che comunemente chiamiamo doccetta dell’acqua) impedendo la normale fuoriuscita dell’acqua. Per la pulizia del soffione potete usare diversi rimedi naturali, il più efficace è rappresentato dall’aceto! Ecco come proseguire per pulire la doccetta della vasca da bagno o della doccia:

  • Per prima cosa, svitate il soffione.
  • Riempite una bacinella con aceto di vino bianco e immergete il soffione nel liquido.
  • Fate in modo che gli ugelli d’uscita del soffione siano completamente ricoperti dall’aceto.
  • Lasciate agire l’aceto per almeno cinque ore.
  • Spazzolate la superficie degli ugelli con un vecchio spazzolino da denti o con una spazzola a setole semi-rigide.
  • Sciacquate il soffione con l’acqua demineralizzata (o con acqua corrente, ma prima del montaggio asciugatelo) e poi montatelo.

Soffione anticalcare

Se avete una doccetta anticalcare la pulizia sarà molto più facile. Tra le varie proposte di mercato non mancano quelle più economiche come la Doccia monogetto Grohe con tecnologia EcoJoy (su Amazon si compra con 14 euro e spese di spedizione gratuite).

Per esperienza personale vi dico che non è necessario smontare, ne usare spatole: se avete un’acqua molto calcarea, una volta a mese vi basterà passare il retro di un coltello (non la parte tagliente e dentellata, ma quella liscia e priva di lama) lungo la superficie gommata della doccetta che grazie alla tecnologia anti-calcare (che nella doccia citata si chiama SpeedClean) provvederà a far saltare via i residui calcare in pochi istanti e il getto d’acqua tornerà a essere vivo.

Eliminare il calcare dalla doccia

L’aceto può aiutarvi per pulire la doccia o la vasca da bagno in modo naturale. L’aceto si comporta da ottimo anticalcare naturale e può donare nuovo splendore alle zone interessate dal calcare (piatto della doccia, vetri, tappo…). Per la pulizia dei sanitari del bagno (piatto della doccia e vasca da bagno compresi), l’aceto trova un buon complice nel bicarbonato di sodio: una soluzione data da aceto di vino bianco e bicarbonato di sodio può tornare utile per igienizzare le ceramiche del bagno, eliminare il calcare e ripristinarne l’antico splendore.

Pubblicato da Anna De Simone il 24 aprile 2016