Costo giardiniere orario

Costo giardiniere

Costo giardiniere, una voce che entra nel bilancio domestico di chi ha una casa con un po’ di verde, poco o tanto che sia, o in quella di un condominio che deve comunque mantenere il proprio “orticello”, se lo ha, al suo contorno. E’ difficile capire quanto può costare un lavoro di giardinaggio, se valutarlo in modo orario o ad obiettivi raggiunti, e come.



Ecco qualche consiglio e qualche numero, ricordando anche che con il Bonus verde previsto nella Legge di Stabilità per il 2018 ci sono delle novità per chi si trova a sostenere, sia da privato, sia da “condominio di più privati”, il costo giardiniere. C’è infatti la possibilità di usufruire di una detrazione Irpef del 36%, per una spesa massima di 5.000 euro. Maggiori dettagli nell’articolo dedicato al Bonus Verde 2018.

Per quanto riguarda le tariffe che troverete pubblicate nel seguito di questo articolo abbiamo interpellato alcuni giardinieri in diverse regioni del nostro paese e abbiamo consultato il prezziario pubblicato da Assoverde, che ringraziamo per la collaborazione.

Costo giardiniere per taglio siepe

Il taglio della siepe è davvero un compito noioso oltre che non banale. Eppure è importante perché una siepe disordinata, all’esterno come all’interno del giardino, da subito una idea di giardino trascurato. Le dimensioni della siepe molto dipendono dai casi e dalle tipologie di intervento necessario: il costo orario per un giardiniere può partire da 12 euro ma può anche superare i 30 euro.

Il prezzo dipende dalla professionalità del giardiniere (giardiniere professionale dipendente di una ditta specializzata o semplice “appassionato di giardinaggio con esperienza più o meno comprovata” con partita IVA) e costo della vita della zona in cui ci si trova ma anche e soprattutto dai tanti aspetti tecnici che le ditte di giardinaggio valutano sul campo.

In base al contratto nazionale il costo della manodopera di un professionista del giardinaggio dovrebbe comunque variare dai 18 ai 35 Euro all’ora.

Costo giardiniere

Costo giardiniere orario

Al di là della siepe e di altri interventi ad hoc di cui possiamo aver bisogno una tantum spesso ci rivolgiamo ad uno specialista perché dia una sistemata generale , soprattutto se non abbiamo un giardino minuscolo o se ci sono piante particolari.

Può capitare che il giardiniere arrivi con un apprendista, oppure con un esperto se gli stiamo chiedendo un intervento particolare magari per una certa pianta o una problematica che si è presentata. Anche la concimazione o la disinfestazione possono richiedere un extra di forze. La preparazione della persona che affianca il nostro solito giardiniere certo fa variare le tariffe.

Fornire un costo di massima senza approfondire le singole situazioni può quindi essere “rischioso e fuorviante” e potrebbe penalizzare operatori del settori che si preoccupano di offrire un servizio “a regola d’arte”, ovviamente rilasciando regolare fattura o ricevuta e utilizzando solo manodopera specializzata e regolarmente inquadrata nei contratti di settore.

Costo giardiniere

Assoverde (Associazione Italiana Costruttori del Verde): mission e prezzi di riferimento

Assoverde è l’associazione che riunisce i professionisti che offrono servizi correlati alla manutenzione e alla gestione del verde, combinando l’esperienza con le tecnologie delle più moderne strumentazioni.

Scopo dell’associazione è promuovere la salvaguardia dell’ambiente, del paesaggio e del suolo attraverso il coordinamento delle opere delle imprese ad essa associate. L’Associazione si prefigge anche lo scopo di portare a conoscenza di tutti gli operatori del settore, dalle imprese ai progettisti, dalle autorità politiche e tecniche degli Enti statali, regionali, provinciali e comunali, alla direzione ed uffici di tutte le grandi e piccole committenti, pubbliche e private, l’esigenza di una qualificazione del settore, facilitando l’individuazione di uno specialista perfetto per ogni necessità legata al verde.

Tra gli importanti contributi al settore di Assoverde segnaliamo il prezziario dedicato a disciplinare un prezzo di riferimento per ogni attività legata al giardinaggio e ai lavori connessi a parchi, giardini e altri spazi verdi.

E’ possibile acquistare il prezziario in formato cartaceo con un contributo di 30 Euro o richiedere la copia in formato elettronico per 20 Euro, così come indicato nell’apposita pagina del sito ufficiale.

Ogni voce è proposta in modo estremamente dettagliato come potete vedere dall’esempio riportato qui di seguito dove potete leggere i prezzi relativi ad alcuni interventi sulle siepi:

prezziario Assoverde

L’ultima edizione del prezziario Assoverde è composta da oltre 280 pagine e comprende, oltre ai prezzi, interessanti informazioni, note e tabelle estremamente utili per gli operatori di settore.

Costo giardiniere per prato

Forse più del taglio delle siepi, quello del prato può diventare un incubo. L’incubo della domenica. Pochi sono quelli che si divertono, è un lavoro anche abbastanza duro alla lunga anche se oggi ci sono macchinari che aiutano parecchio, qualche decennio fa era davvero una condanna.

In questo ambito talvolta viene concordato un compenso al metro quadrato, di entità estremamente variabile in relazione alle caratteristiche del terreno (da 12 Euro a oltre 25 Euro al metro quadrato).

Costo giardiniere

Costo giardiniere a mq

Il costo di un giardiniere “a metri quadrati” è difficile da valutare in quanto è necessario tenere conto di diversi fattori che impattano direttamente sull’attrezzatura necessaria e sul tempo da dedicare.

Come sempre impatterà sul compenso anche il livello di esperienza del giardiniere e la regione / zona d’Italia in cui la prestazione deve essere erogata. Per la manutenzione di piante particolari può essere ad esempio necessario l’intervento di specialisti di “tree climbing” capaci di “scalare” letteralmente le piante per eseguire l’intervento di manutenzione. E’ chiaro che in questi casi i costi lievitino rapidamente.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 31 marzo 2018