Come togliere la ruggine del ferro

togliere la ruggine del ferro

Come togliere la ruggine del ferro: quello della ruggine del ferro è un tema “scottante“, infatti è sotto l’azione del caldo sole che il ferro si surriscalda dando vita alle screpolature mediante le quali l’ossigeno si infiltra e crea la ruggine. La ruggine altro non è che il normale processo di ossidazione del ferro e per eliminarla bisognerà impedire che l’ossidazione avvenga.

La ruggine è un processo irreversibile e, se non si interviene prontamente, oltre a conferire al ferro un aspetto trasandato può arrivare a minarne la robustezza.

Per togliere la ruggine dal ferro è possibile adoperare strumenti che ne causano la rimozione meccanica. In base alla fattura dell’oggetto (liscio o lavorato, lamiera o struttura composta da più elementi…) e al livello di ossidazione, è possibile fare la scelta più opportuna tra spazzola, carta vetrata, lime ed elettroutensili come trapano e smerigliatrice. A tal proposito vi rimandiamo all’articolo Come eliminare la ruggine dove analizziamo la possibilità di togliere la ruggine dal ferro con:

  • la carta vetrata, metodo più faticoso ma anche più semplice da attuare.
  • La spazzola, ottima per una pulitura più approfondita, particolarmente indicata per le pieghe del ferro battuto e superfici irregolari.
  • La lima, eliminano la ruggine e lisciano il metallo.
  • Trapano e smeriglaitrici, strumenti perfetti per togliere la ruggine dal ferro su superfici estese e quando è necessaria una maggiore aggressività, come per esempio con ringhiere e cancellate.

Oltre ai metodi meccanici appena elencati, è possibile togliere la ruggine dal ferro mediante l’impiego di prodotti chimici. Quando si usano prodotti chimici è sempre importante carteggiare quindi sarà necessario passare la carta vetrata o la spazzola prima di applicare qualsiasi prodotto. Nell’articolo Eliminare la ruggine dal ferro abbiamo ipotizzato l’impiego di particolari “convertitori” che trasformano la ruggine in un composto inerte pronto alla verniciatura oppure all’applicazione di gel e smalti capaci di togliere la ruggine dal ferro e al contempo garantirne la protezione fino a 8 anni.

Se per togliere la ruggine dal ferro si usano elttroutensili è necessario indossare, oltre a guanti e indumenti idonee, anche occhiali protettivi per ripararsi dalla proiezione di schegge. Una volta rimosso lo strato ossidato con spazzola, lima, carta vetrata o elettroutensili, è consigliata l’applicazione di un prodotto protettivo polivalente. In passato per proteggere il ferro dalla ruggine era indispensabile stendere diversi prodotti in successione come il famoso minio, il fondo e la finitura in due mani. Oggi il “minio” è stato riconosciuto come prodotto tossico e in alternativa vi sono prodotti polivalenti che quasi sempre si possono passare all’applicazione diretta della finitura a pennello o a spruzzo.

Pubblicato da Anna De Simone il 20 agosto 2014