Come riutilizzare le foglie di tè verde

tè verde

Come riutilizzare le foglie di tè verde: idee e consigli su come usare le foglie di tè verde o le bustine dopo la preparazione del classico infuso.

Quello per il tè verde sembra essere un amore usa e getta: pochi attimi di infusione e poi… puff, le foglie finiscono nel secchio dell’organico, ma non deve per forza andare così! In questa pagina vedremo alcuni modi sorprendenti per riutilizzare le foglie di tè verde.

Tè verde in foglie, in bustine o tè matcha?

Indubbiamente, un infuso preparato con foglie di tè verde è di gran lunga più pregiato rispetto agli infusi realizzati con le bustine di tè. Le bustine di tè contengono una miscela costituita dagli scarti della lavorazione agricola del tè. La forma più pregiata di tè verde è quella in foglie intere, ecco perché il tè verde cinese “Long Jing Green tea” è così costoso. Si tratta di un infuso di tè verde preparato con foglie intere così come mostrate nella foto in alto e nel video che segue.

Il Long Jing Green Tea, anche conosciuto come Dragon Well Traditional Chinese Green Tea ed è tanto pregiato che 350 grammi di prodotto arrivano a costare, su Amazon, 49,99 euro. Per chi vuole provare il tè verde in foglie intere o desidera maggiori informazioni sul prodotto, ecco la pagina ufficiale di Amazon: Dragon Well Qualità Premium. La pagina è stata tradotta automaticamente da Amazon quindi la descrizione e il nome del prodotto risultano maccheronici ma ugualmente di facile comprensione.

Come è chiaro dal video, prima di consumare questo infuso di tè verde bisogna attendere che tutte le foglie raggiungano il fondo del bicchiere. Un altro tè verde estremamente pregiato è quello che si usa in Giappone per la tradizionale cerimonia del tè ma in questo caso non si ottengono “scarti” dall’infusione perché viene usata la polvere dei germogli di tè verde (le foglie più tenere), meglio conosciuta come tè matcha o maccha.

Come riutilizzare le foglie di tè verde

Riciclare le foglie di tè verde per preparare cosmetici naturali

Le foglie di tè verde annoverano interessanti proprietà nutrizionali: sono ricche di polifenoli e altre sostanze antiossidanti (per approfondimenti: tè verde, proprietà) che possono esplicare effetti benefici sulla pelle; è per questo che le foglie di tè verde possono essere usate per preparare tonici naturali e altri prodotti di bellezza. Per questo scopo puoi riutilizzare le bustine di tè verde o, ancora meglio, le foglie di tè verde già usate per l’infuso.

  • Per la pulizia del viso

Per la pulizia del viso, puoi preparare un tonico mettendo nuovamente in infusione le foglie di tè verde in 250 ml di acqua distillata. In alternativa potete mettere in infusione 6 bustine di tè verde già utilizzate. Mescolate e lasciate macerare per un’ora prima di usare il liquido per la pulizia del viso. Chi ha problemi di pori dilatati può aggiungere all’infuso qualche goccia di succo di limone.

  • Per eliminare borse e occhiaie 

Le bustine di tè o le foglie di tè verde avanzate, possono essere riutilizzate per fare impacchi nutrienti atti a lenire le borse , occhiaie e occhi rossi. Non ti resta che provare a fare degli impacchi, a fine giornata per alleviare la stanchezza agli occhi e al mattino per attenuare borse e occhiaie.

  • Bagno aromatizzato al tè verde

Puoi aggiungere un buon quantitativo di foglie di tè o bustine alla vasca da bagno così da poterti immergere in un bagno aromatizzato e rilassante. Il bagno di tè verde così ottenuto potrà esercitare un effetto emolliente sulla pelle.

  • Per eliminare verruche e vesciche

Le foglie di tè, raccolte in un fazzoletto di stoffa imbevuto d’acqua calda, possono essere sfruttate per realizzare un impacco lenitivo per alleviare il dolore delle vesciche o per eliminare le verruche dei piedi. Allo stesso scopo puoi usare le bustine di tè.

come riutilizzare foglie di tè verde

Riciclare le foglie di tè verde per la salute della tua casa e del giardino

L’infuso di tè è un ottimo fertilizzante naturale e torna utile anche per l’igiene della casa. Vediamo come riutilizzare le foglie di tè in casa e in giardino.

  • Come fertilizzante naturale

Per la fertirrigazione delle piante di giardino puoi usare un infuso preparato con le foglie di tè avanzate o con le bustine già adoperate.

  • Per il compost

Le foglie di tè verde, così come le bustine, possono essere riutilizzate per l’ennesima volta per la produzione di compost domestico.

  • Rimedio anti-odore per tappeti e tessuti

Anche i tappeti più delicati (persiani e tappeti orientali) possono essere puliti con le foglie di tè. Si tratta di un antico rimedio anti-odore usato per la pulizia dei tappeti e delle tappezzerie in generale (divani, cuscini…). Il rimedio consiste nel cospargere le foglie di tè appena umide (non bagnate) sul tappeto da pulire. A questo punto non dovrai fare altro che aspettare che le foglie siano del tutto asciutte per spazzarle via insieme alle polveri.

  • Per la pulizia dei pavimenti e delle superfici in legno

Per la pulizia dei pavimenti e delle superfici in legno avrai bisogno di accumulare abbastanza bustine o foglie di te verde in proporzione alle superfici da lavare. Usa acqua tiepida per mettere nuovamente le foglie in infusione e poi usa il liquido per far brillare mobili e pavimenti in legno.

Come riciclare le foglie di tè verde in cucina

La foglie di tè verde (così come le bustine) possono essere riutilizzate anche in cucina per aromatizzare brodi di carne e brodi vegetali o per aromatizzare il riso durante la cottura.

Se lasci asciugare le foglie di tè puoi ridurle in polvere così da aromatizzare frullati, gelati e conferire valore aggiunto a prodotti da forno o centrifugati.

Questa guida può essere applicata a qualsiasi varietà di tè. Per avere informazioni sulle proprietà, il sapore e le caratteristiche degli altri tè, vi rimandiamo alla pagina: Tipi di the.

Se ti è piaciuto questo articolo su come riutilizzare le foglie di tè verde puoi seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra le cerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 2 ottobre 2015