Come concimare l’orto

concimare orto

Concimare l’orto è un’operazione che va fatta in maniera ciclica per rendere il proprio terreno più produttivo. Per garantire infatti un raccolto ricco e rigoglioso è necessario dare al terreno il giusto concime quindi nutrirlo usando preferibilmente concime naturale che non inquina il vostro orto
Esistono ovviamente tanti tipi di fertilizzanti ma se non volete riempire il vostro orto di sostanze chimiche, preferite i concimi naturali, che danno alla terra le sostanze nutritive necessarie per far crescere i vostri ortaggi e la vostra frutta sana e genuina. Il periodo migliore per concimare il terreno è l’inverno: la terra va mossa, concimata e fatta riposare per essere pronta in primavera. A tal proposito vediamo come concimare l’orto seguendo le nostre istruzioni.

Come concimare l’orto, l’occorrente

  • Guanti
  • Vanga
  • Rastrello
  • Piccone
  • Pala
  • Concime

Come concimare l’orto, la procedura

  1. Con la vanga e affondate sul terreno, rivoltando la terra man mano fino ad arrivare a una profondità di almeno 20 centimetri
  2. Eliminate man mano tutte le radici di piante infestanti che tolgono spazio e sostanze nutritive alle vostre piante e i sassi
  3. Fatto ciò, sgretolate la terra con il piccone poi versate il concime e con il rastrello mescolatelo al terreno
  4. Prima di seminare attendete almeno un paio di mesi, il tempo che la terra si amalgami per bene con il concime

Come concimare l’orto, tipi di concime
Il concime più adatto per arricchire il terreno è il letame: tra i tipi di letami troviamo quello equino che è anche quello più costoso, poi abbiamo quello bovino e quello dei polli. In alternativa al letame possiamo ricorrere al compost, risparmierete economicamente e avrete la possibilità di riciclare i rifiuti organici dando una grossa mano all’ambiente.

Come concimare il terreno, indicazioni utili
Qualsiasi tipo di concime deve essere utilizzato nei periodi più indicati per la concimazione e precisamente durante la ripresa vegetativa (fine febbraio) e alla fine del periodo estivo (a settembre).

Pubblicato da Anna De Simone il 17 ottobre 2013