Come concimare le rose

Come concimare le rose

Come concimare le rose: dai concimi naturali ai migliori prodotti in commercio. Periodo e concimazioni di emergenza in caso di malattie e carenze.

Concime per le rose

E’ difficile trovare un unico concime naturale in grado di sostenere l’intero fabbisogno nutrizionale delle rose. Queste piante hanno bisogno di un gran numero di nutrienti e, tra questi, i principali sono:

Azoto (N)

E’ fondamentale per lo sviluppo di nuovo getti, insieme al potassio e al fosforo, è consumato continuamente dalla pianta.

Una carenza di azoto potrebbe essere la causa della rosa che perde foglie oppure di una pianta di rosa con foglie gialle. Quando manca azoto nel suolo, le rose sacrificano la fioritura.

Fosforo (P)

E’ fondamentale per la produzione dei fiori e per lo sviluppo dei semi. Le piante, comprese le rose, usano il fosforo per tutti i processi metabolici.

Una carenza di fosforo si manifesta con crescita stentata della pianta e foglie (soprattutto le più vecchie) che diventano scure. La punta e i margini delle foglie diventano scuri. Se la rosa non fiorisce probabilmente si tratta di una carenza di fosforo.

Potassio (K)

Il potassio rende la pianta più resistente alla siccità e al freddo. Favorisce l’idratazione dei tessuti e l’assorbimento degli altri nutrienti.

Il potassio è così utili ad aumentare la resistenza al freddo delle piante che, nei cultivar più delicati, è somministrato appositamente, è il caso delle piante grasse coltivate all’aperto anche in inverno. Per tutte le informazioni: come proteggere le piante grasse dal freddo.

Ferro (Fe)

Le rose assorbono piccole quantità di ferro. Un minimo apporto, però, serve per garantire una buona fotosintesi. Un sintomo della carenza di ferro è l’ingiallimento della lamina fogliare ad esclusione delle nervature che rimangono verdi.

Quindi, se la rosa ha foglie gialle, osservatela: sono gialle anche le nervature? Si tratta di carenza di azoto. Le nervature restano verdi mentre il resto della foglia è gialla? Si tratta di carenza di ferro.

Manganese (Mn)

Come il ferro, anche il manganese serve per garantire una buona fotosintesi. Le rose ne assorbono piccole quantità. Una carenza di manganese porta a una colorazione anormale delle foglie, soprattutto di quelle più giovani con comparsa, a lungo andare, di macchie nere (tacche necrotiche). Perché succede? Perché il manganese serve nella produzione della clorofilla, che è il pigmento che rende verdi i tessuti.

Come concimare le rose

Tra i concimi che apportano, in modo equilibrato, i nutrienti citati, segnalo il fertilizzante granulare per rose Toprose di Bayer. Questo concime, ai nutrienti elencati, aggiunge degli attivatori naturali che incrementano lo sviluppo delle radici e delle gemme. Si può usare sia per rose in vaso che per rose in piena terra.  Su Amazon, tale concime è proposto dalla Bayer al prezzo di 17,65 euro con spese di spedizione gratuite.

Per tutte le informazioni: fertilizzante granulare Toprose

Si tratta di un concime a lenta cessione e soprattutto a lunga durata. Quando concimare? Il concime è a lenta cessione, questo vi consentirà di apportarlo a lunga distanza. Potete aggiungerlo a inizio marzo e somministrarlo ancora tra fine maggio e inizio giugno. Somministrate ancora verso settembre così da sostenere la pianta in vista della stagione invernale, ricordate che il potassio renderà le vostre rose più resistenti al freddo.

N.B.: ho segnalato il concime per rose della Bayer ma anche il concime Campo per rose ha un formulazione simile.

Come concimare le rose in modo naturale

Chi cerca concimi naturali dovrà sudare un po’ per soddisfare il fabbisogno nutrizionale delle rose. Per assicurare alla rosa la giusta dose di potassio, è possibile irrigare le piante con macerati di felce. La felce è una pianta ricca di potassio. Potete usarla, sminuzzata, anche per la pacciamatura della rosa e, man mano che si degraderà, aumenterà l’apporto di potassio del vostro suolo.

Al pari della felce, potete usare le bucce di banane. Sminuzzatele e interratele superficialmente ai piedi delle vostre rose.

Questi concimi naturali miglioreranno l’apporto di materia organica (sopratutto azoto), aggiungeranno potassio, fosforo e piccole quantità di magnesio.

Tra i concimi naturali per eccellenza figurano il guano, il letame e il sangue di bue, quest’ultimo è utile per chi concima con bucce di banane perché integra dosi di ferro.

Pubblicato da Anna De Simone il 7 ottobre 2017