Come coltivare il peperoncino in vaso

coltivare peperoncino in vaso

Come coltivare peperoncino in vaso: consigli su concime, irrigazione e istruzioni alla coltivazione.

Il peperoncino è una pianta molto facile da coltivare: non ha particolari esigenze e cresce benissimo sia in orto che in vaso. In particolare, la coltivazione del peperoncino in vaso può dare grandi soddisfazioni anche se interessa un numero limitato di piante. Molto dipende dalla varietà che andrete a selezionare e la scelta è molto ampia.

Peperoncino in vaso, varietà da scegliere

Prima di vedere come coltivare il peperoncino in vaso, dedichiamo due parole alle varietà da scegliere.

La scelta della varietà di peperoncino da coltivare in vaso deve essere effettuata in base alla zona climatica ma soprattutto in base alle esigenze di palato.

Se preferite un peperoncino molto piccante ci sono i famosi Habanero oppure, ancora più forti, i Nega Morich. 

Il classico peperoncino coltivato in vaso nelle case degli italiani è il cayenne, la scelta cade su questa varietà sia per la facilità di coltivazione, sia per l’abbondanza del raccolto.

Non mancano poi varietà estere adattate al clima nostrano, selezione dopo selezione.

coltivare peperoncino in vaso

Nella foto in alto è mostrato il peperoncino lungo detto Peperoncino Thunder Mountain Longhorn, originario delle Montagne del Tuono, in Cina. Sono più comunemente noti come peperoncini lunghi infatti ogni esemplare può raggiungere e superare i 30 cm di lunghezza.

La sua piccantezza raggiunge un valore di 50.000 SHU ed è gradevole al palato. Si tratta di una varietà molto facile da coltivare in vaso e che, dato la grandezza di ogni peperoncino, regala abbondanti raccolti con un’ottima resa per ogni singola pianta.

Dove reperire i semi? Provate a chiedere nel consorzio agrario di fiducia. I più fortunati sono quelli che vivono nella zona geografica di Pistoia dove i semi di questa varietà vengono selezionati. Chi preferisce può reperire questi peperoncini lunghi e forti, sfruttando la compravendita online. Su Amazon una bustina di semi si compra con 6,89 euro con spese di spedizione comprese nel prezzo.

Per tutte le informazioni vi rimando alla pagina ufficiale del prodotto: semi peperoncino Thunder mountain longhorn.

Quando coltivare il peperoncino in vaso

La messa a dimora delle piantine di peperoncino va fatta da fine marzo in poi. Chi abita nell’Italia meridionale può iniziare a coltivare già agli inizi della primavera, mentre chi al nord bisognerà aspettare da fine aprile agli inizi maggio, quando il pericolo delle gelate tardive è ormai cessato.

Come coltivare il peperoncino in vaso

Preparate dei vasi con un terriccio specifico per piante orticole e procedete con la messa a dimora delle giovani piantine di peperoncino.

Le cure da destinare al peperoncino in vaso sono più numerose: le concimazioni e le irrigazioni dovranno essere più frequenti. Per evitare i lavori di concimazione si può scegliere un concime granulare a lenta cessione o un concime liquido da diluire -una volta a settimana- nell’acqua dell’irrigazione.

Coltivazione del peperoncino in vaso

Coltivare il peperoncino in vaso ha grossi vantaggi tanto che potete trattare il peperoncino come una pianta annuale o addirittura perenne. Grazie alla coltivazione in vaso avrete la possibilità di ricoverare facilmente le piante durante la stagione invernale e conservarle fino alla primavera successiva quando inizieranno a regalarvi nuovi raccolti.
Con la coltivazione del peperoncino in vaso, una volta acquistata la pianta, se ben tenuta, questa potrà regalarvi raccolti per diversi anni.

Come coltivare il peperoncino: la concimazione

Anche il concime gioca un ruolo fondamentale nella coltivazione del peperoncino in vaso. In commercio non mancano concimi specifici e la scelta migliore ricade su questi prodotti.

I concimi specifici contengono ovviamente azoto ma sono arricchiti con zolfo in grado di rendere più piccante e saporito il peperone. I concimi specifici, inoltre, migliorano il pH del terriccio in vaso così da renderlo più idoneo alla crescita di piante forte, produttive e vigorose.

Pubblicato da Anna De Simone il 19 agosto 2017