Coltivazione degli spinaci

Gli spinaci sono un ortaggio molto versatile in cucina, perché non coltivarle? La coltivazione degli spinaci è una procedura molto semplice, non richiede particolari attenzioni, è sufficiente seguire le regole basilari: il clima, il terreno e l’acqua.

Coltivazione degli spinaci, il clima
Gli spinaci sono coltivati soprattutto nelle regioni settentrionali, in quanto vi è un clima più adatto a questa pianta, che presenta, in base alla varietà, foglie più o meno grandi e più o meno carnose.
Gli spinaci pertanto vanno piantati in luogo con clima temperato e fresco. Può resistere alle gelate fino a temperature che raggiungono sotto lo zero. Il punto debole della pianta è la troppa esposizione al sole.

Coltivazione degli spinaci, il terreno
La coltivazione degli spinaci richiedono un terreno di medio impasto e drenante per scongiurare ristagni d’acqua. Periodicamente è bene sarchiare il terreno, con l’utilizzo di un rastrello o di un sarchiatore, per togliere le erbe infestanti e arieggiare il terreno.
Prima di procedere alla semina bisogna concimare il terreno con letame o compost biologico
Indicazioni utili: non usare concimi troppo ricchi di azoto, questa sostanza si accumula facilmente nelle foglie.

Coltivazione degli spinaci, la procedura
La coltivazione viene fatta per semina nel periodo che va da marzo a novembre mantenendo degli intervalli di 2-3 settimane, per ottenere un raccolto continuo e costante. Per la semina è sufficiente praticare delle buca di circa 3 centimetri distanziate tra loro di circa 25 centimetri. Dopo aver adagiato i semi bisognerà coprire le buca con il terreno: è bene coprire il terreno con un telo di plastica in caso di condizioni climatiche fredde. Le piantine inizieranno a crescere e a quel punto sarà necessario togliere qualche piantina in eccesso iniziando da quelle più esili, per lasciare solo quelle più forti e adatte alla coltivazione.

Coltivazione degli spinaci, l’acqua
Le piante vanno innaffiate quando il terreno è asciutto, facendo attenzione a evitare i ristagni d’acqua che possono causare il proliferarsi di insetti e funghi.

Coltivazione degli spinaci, il raccolto
Quando gli spinaci saranno pronti per essere raccolti sarà sufficiente raccogliere dalle 4 alle 6 foglie per pianta, recidendole in maniera delicata con una forbice o un coltellino affilato, basta fare attenzione a non toccare il germoglio centrale, altrimenti la pianta non produrrà altre foglie.

Pubblicato da Anna De Simone il 5 giugno 2013