Coltivare arance rosse

coltivare arance rosse

Coltivare arance rosse: le istruzioni per la coltivazione delle arance in vaso o in giardino. Dalla messa a dimora, alla potatura e al concime.

Le arance rosse sono un prodotto tipicamente italiano. La terra d’origine è la Sicilia orientale tuttavia le arance rosse possono essere coltivate lungo tutto lo Stivale, con qualche accortezza in più nel Settentrione.

Le arance rosse sono consumate solo in Europa perché nel resto del mondo il succo d’arancia è solo giallo! Le varietà di arance rosse da poter coltivare nel proprio giardino sono quelle che in commercio troviamo con la dicitura Arancia rossa di Sicilia IGP, tutte le varietà elencate di seguito hanno una resa in termini di succo superiore al 40%. Le varietà di arancia rossa da coltivare nel proprio giardino sono essenzialmente tre:

  • Sanguinello
  • Tarocco
  • Moro

Con la denominazione Arancia rossa di Sicilia IGP si trova anche la varietà Washington Navel ma contrariamente a quanto si possa immaginare questa arancia non ha la polpa rossa, anzi, il succo è chiaro. E’ apprezzata perché priva di semi e dalla pezzatura molto grande.

Coltivare arance rosse

Le arance rosse si coltivano così come qualsiasi altro arancio!

L’arancio non può essere coltivato all’aperto nelle località in cui le temperature scendono per lunghi periodi al di sotto dei 2 °C. Per brevi periodo l’arancio può resistere fino a – 2 °C.

La posizione ideale per coltivare l’arancio è in pieno sole con esposizione a sud-est, al riparo dal vento.

Il terreno deve essere a medio impasto, ben drenato, profondo e ricco di humus. L’arancio non riesce a prosperare nei terreni aridi e sciolti o viceversa, eccessivamente argillosi e pesanti.

Per produrre un buon raccolto, è necessari irrigare abbondantemente e in modo regolare l’arancio. Mantenete un’umidità costante del terreno, per le piante coltivate in giardino, in modo isolato, potete realizzare la conca, cioè quel piccolo avvallamento intorno alla pianta da riempire d’acqua.

Per la concimazione, quella organica può essere fatta con lupino macinato da integrare con prodotti minerali. In autunno, per favorire la produzione di arance, è consigliato concimare con fertilizzanti minerali a base di solfato di potassio, perfosfato minerale e solfato di ammonico. Nel mese di gennaio la concimazione si fa con fertilizzanti azotati mentre in primavera e in estate si consima con piccolissimi quantitativi di microelementi come zinco, magnesio, ferro e manganese.

Quando potare l’arancio

La potatura è un’operazione necessaria. L’arancio rosso, così come l’arancio in generale, fruttifica sui rami misti di un anno. La potatura dell’arancio si esegue in due turni, uno in autunno per eliminare i succhioni, rami secchi e spezzati.

Una seconda potatura si fa in primavera per favorire il ricambio d’aria nelle zone più interne della pianta e garantire una maggiore luminosità.

Coltivare arance rosse in vaso

Nell’Italia Settentrionale la coltivazione degli agrumi è consentita solo in vaso così da poter portare al riparto le piante nel periodo freddo dell’anno. L’alloggio invernale deve essere adeguato, vale a dire luminoso, arieggiato, non troppo freddo e grande, con un ingresso tale da consentire il passaggio dell’albero, vaso compreso.

Per la coltivazione dell’arancio rosso in vaso vi conviene predisporre alla base del vaso un carrello con rotelle che ne facilitano i movimenti e lo spostamento tardo-autunnale.

Le irrigazioni devono essere regolari, in caso contrario l’arancio inizierà a perdere i frutti! Bisognerà poi rinvasare le piante ogni primavera fino a raggiungere il vaso con le dimensioni finali. Quando la pianta avrà raggiunto il massimo accrescimento non sarà più il vaso a dover essere sostituito ma solo lo strato più superficiale del terriccio, senza andare a infastidire le radici più superficiali.

Per la coltivazione in vaso dell’arancio rosso, così come di tutti gli agrumi e le piante da frutto, è consigliata la concimazione con il lupino macinato.

Pubblicato da Anna De Simone il 18 dicembre 2015