Coltivare la camelia, consigli utili

coltivare camelia concime

Coltivare la camelia, istruzioni per la coltivazione della camelia a fioritura autunnale e invernale – primaverile. Rinvaso, concime e cure da dedicare alla pianta.


La camelia è una pianta da giardino che regala meravigliose fioriture. Questa pianta può raggiungere un’altezza di circa 6 – 7 metri e con gli accorgimenti giusti si presta bene alla coltivazione in vaso.

Fioritura, quando fiorisce la camelia?

In base alla specie, il periodo di fioritura può iniziare in inverno o in autunno. La camelia a fioritura invernale inizia a fiorire verso febbraio e continua a fiorire durante la primavera. La camelia a fioritura autunnale, inizia a fiorire tra settembre e ottobre e continua a la fioritura tra dicembre e gennaio.

Nel periodo della fioritura, la camelia si riempie di fiori profumati di grandi dimensioni, i fiori possono avere i colori più svariati. In base alla varietà si possono avere camelie a fiori singoli, doppi, con semi doppi. I fiori hanno colori che vanno dal bianco al rosso, dal rosa al giallo.

Come coltivare la Camelia Japonica

Attenzione! Questi suggerimenti sono utili per la Camelia Japonica e per tutte le camelie che fioriscono a partire da febbraio fino alla primavera inoltrata.

Tra le più diffuse con fioritura invernale-primaverile, possiamo citare la Camelia Japonica. Questa pianta  fiorisce da febbraio fino alla primavera inoltrata. Vediamo nel dettaglio come coltivare la camelia japonica seguendo le nostre indicazioni.

La camelia japonica resiste al freddo ma va coperta e riparata se coltivata nel Settentrione d’Italia. Si presta molto bene per creare aiuole fiorite, bordure e siepi ma si può anche tenere in terrazzo: si presta bene per la coltivazione in vaso.

Nella coltivazione della camelia, l’aspetto più importante da valutare è scegliere l’ambiente di crescita più idoneo. Ecco alcune indicazioni.

Posizione, dove coltivare la camelia

Scegliete un posto semi-soleggiato e ben riparato dal vento per evitare di danneggiare la pianta, anche se resiste bene alle basse temperature bisogna prestare le dovute cure.

Irrigazione, quando irrigare la camelia

Innaffiate la camelia tutti i giorni durante i mesi caldi, nel periodo invernale sarà sufficiente innaffiarla solo quando il terreno è eccessivamente asciutto, evenienza che talvolta può presentarsi nel Meridione d’Italia. Evitate di usare l’acqua del rubinetto se è eccessivamente calcarea.

Concimazione, quando e che concime usare

Concimate la camelia secondo un piano regolare di concimazione, per agevolare lo sviluppino dei fiori. In autunno potrà essere utile applicare del concime granulare specifico per camelie.

La camelia è una pianta acidofila, se in casa avete un concime per ortensie, rododendri o azalee, usate pure quello! In caso contrario, compratelo ma non usate un concime universale. La camelia è una pianta acidofila e potrebbe non fiorire o rovinare il fogliame in caso di concimazione inadatta.

Un buon concime per camelie si compra su Amazon al prezzo di 22,90 euro per un sacco da 5 kg. Vi consigliamo l’acquisto di questo concime soprattutto se in estate irrigate le piante con acqua del rubinetto. Per tutte le informazioni sul prodotto citato vi rimandiamo alla pagina Concime granulare con azione acidificante

Le concimazioni sono fondamentali anche quando la camelia non fiorisce o per arricchire il terreno della camelia in vaso.

Potatura, come e quando potare la camelia

Bisognerà potare la camelia quando la vegetazione raggiunge uno sviluppo eccessivo, fate in modo tale che la luce e l’aria possano circolare in tutta la pianta. Al termine della fioritura è necessario rimuovere i fiori appassiti mentre d’autunno bisognerà rimuovere i rami secchi o rovinati. Ciò assicurerà dei fiori fantastici dai colori accesi.

camelia coltivazione cure

In Italia Settentrionale la camelia japonica va coltivata in vaso e, in caso di inverni particolarmente rigidi, bisognerà proteggerla con del tessuto non tessuto, soprattutto se si sono già formati i boccioli.

Camelia in vaso

Nel caso venga coltivata in vaso, trapiantate la camelia ogni 3-4 anni circa. Travasate la pianta in un vaso più grande appena dopo l’acquisto: le radici hanno bisogno di spazio.

Sia in caso di rinvaso che in caso di messa a dimora nel giardino, assicuratevi che il terreno sia acido e ricco di sostanza organica. Arricchite il terreno sempre con del concime granulare acidificante.

Il periodo migliore per rinvasare la camelia cade in autunno.

Come coltivare la camelia a fioritura autunnale

Durante l’autunno, fino a gennaio, le specie di Camelia a fioritura autunnale colorano il nostro giardino. Tra quelle più resistenti al freddo, adatte anche a sopportare temperatura fino – 5°C, sono le specie:

  • Camelia sasanqua
  • Camelia vernalis
  • Camelia hiemalis

Le cure e le indicazioni sulla coltivazione che vedremo in questo paragrafo sono utili per tutte le camelie che fioriscono a partire dall’autunno. Per quanto riguarda la concimazione vi rimandiamo al paragrafo precedente.

Anche se le tempistiche della fioritura differiscono, il fabbisogno di nutrienti non cambia: anche queste camelie sono acidofile. Potete usare il medesimo concima ma in questo caso dovreste iniziare a somministrarlo dalla primavera fino all’autunno. Fino al mese di ottobre siete ancora in tempo per concimare le piante. Il concime andrebbe somministrato in anticipo, quindi prima della fioritura.

Anche le regole per il rinvaso non differiscono.

Pubblicato da Anna De Simone il 25 settembre 2017