Coltivare le cime di rapa

coltivare cime di rapa

Come coltivare le cime di rapa: istruzioni e suggerimenti per la coltivazione delle cime di rapa e per raccogliere ottimi friarielli biologici.

Interrogarsi sulla coltivazione dei friarielli o su come coltivare le cime di rapa è la medesima cosa: i friarielli sono le infiorescenze sviluppate dalle cime di rapa.

Cime di rapa o friarielli napoletani

Le cime di rapa sono conosciute con diversi nomi. Tra quelli più comuni:

  • friarielli
  • broccoletti
  • broccoli di rapa
  • broccoli friarielli
  • rapini

Il nome botanico della cima di rapa è Brassica rapa subsp sylvestris e varietà esculenta. In Italia, la maggior parte delle coltivazioni di cime di rapa è dislocata tra la Campania, la Puglia e il Lazio

Le cime di rapa sono apprezzate per le poche calorie (22 calorie per 100 grammi) e per l’elevato contenuto di vitamine, sali minerali e sostanze antiossidanti.

Perché, a volte, i friarielli sono amari?

In parte dipende dalla varietà di cime di rapa coltivate ma molto dipende dai tempi del raccolto: per avere un sapore più dolce, i friarielli (i fiori di cime di rapa) dovrebbero essere raccolti appena sviluppati. Più tempo passano sulla pianta e più aumenta la concentrazione di sostanze amare.

Come pulire le cime di rapa?

Delle cime di rapa si mangiano le foglie ben sviluppate ma comunque giovani e le infiorescenze. Per pulire le cime di rapa basterà eliminare le foglie più vecchie e dure. Delle cime di rapa si consumano le foglie, gli steli teneri e le infiorescenze ancora chiuse. Le infiorescenze più sviluppate sono comunque commestibili ma hanno un sapore più amaro.

Come coltivare le cime di rapa

Le cime di rapa sono considerate coltivazioni autunnali o invernali perché riescono a vegetare e produrre con basse temperature. E’ possibile iniziare a coltivare i friarielli a partire dalla semina o con il trapianto. La semina può iniziare a fine estate mentre con il trapianto si può proseguire anche in autunno inoltrato in base alla zona climatica di appartenenza. Se acquistate piccole piantine da trapiantare, la messa a dimora dovrà essere eseguita in file distanti di 30 cm e a 30 cm di intervallo sulla stessa fila.

Quando raccogliere le cime di rapa?

La raccolta dei friarielli potrà avvenire durante la fase riproduttiva, quando la pianta sviluppa steli terminanti in infiorescenze tenere e carnose. All’inizio della coltivazione noterete soltanto un gruppo di foglie basali.

Quando seminare le cime di rapa?
Il periodo ideale per la semina va da inizio settembre a fine novembre al Sud. Il momento giusto per la semina va da agosto a ottobre nel Settentrione.

Per programmare un buon raccolto, è possibile coltivare diverse varietà di cime di rapa con tempistiche di sviluppo differenti così da raccogliere a scaglioni. In commercio è facile trovare le cosiddette “quarantine” che sono pronte da raccogliere dopo 40 giorni dalla semina, così come le sessantine (dopo 60 giorni dalla semina) e le Novantine, pronte da raccogliere dopo 90 giorni dalla semina.

Il periodo di semina è generico: tenete presente che le cime di rapa continuano a svilupparsi fino a soli 5 °C, quindi per l’Italia meridionale possono essere considerate una verdura primo-invernale, ma nel Settentrione e Centro-Nord vanno coltivate in autunno.

Come seminare i friarielli o cime di rapa

A spaglio o a file: il seme è finissimo, 300 – 400 semi di cime di rapa pesano un solo grammo. Una buona strategia è seminare il file ininterrotte per poi procedere al diradamento quando le piantine sono alte almeno 4-5 cm. Se non vi va di sacrificare troppe piantine, potete trasferirle in vaso e continuare li la coltivazione, spostarle in altre zone dell’orto o regalarle ai vicini di casa.

Nei piccoli orti si consiglia di seminare le cime di rapa in piccoli vasetti e poi proseguire con il trapianto quando le piante avranno raggiunto l’altezza di almeno 10 cm.

La semina delle cime di rapa di marzo

Si può seminare anche a marzo: “i Friarielli contro-tempo” 
A Napoli li chiamano fririelli contro-tempo, infatti la varietà Quarantina può essere coltivata anche a fine inverno, quando le temperature iniziano a aumentare in vista della primavera.

Semi di broccoli di rapa

broccoli di rapa sono facili da reperire presso consorzi agrari e vivai: chi abita nel Meridione d’Italia troverà facilmente anche piante già sviluppate ma per una questione di resa, è più conveniente comprare i semi, i tempi di germinazione, infatti, non sono lunghi. Chi abita nel Settentrione d’Italia avrà più difficoltà a reperire i semi dei broccoli di rapa. In ogni caso, chi preferisce può sfruttare la compravendita online.

Su Amazon, una bustina da 1500 semi di broccoli di rapa è proposto al prezzo di 3,99 euro con spese di spedizione incluse. Per tutte le informazioni vi invito a visitare questa pagina Amazon.

Come coltivare cime di rapa in vaso

friarielli napoletani si possono coltivare in vaso? La coltivazione in fioriere o in vaso non è l’ideale perché la messa a dimora di poche piante non vi darà grandi scorpacciate. Le cime di rapa, infatti,  hanno bisogno di spazio e, come tutte le verdure, durante la cottura perdono volume, quindi un grande raccolto praticato con la coltivazione dei friarielli in vaso darà vita solo a poche portate.

Chi non si lascia scoraggiare dalla resa, può comunque procedere con la coltivazione in vaso.

Coltivare le cime di rapa in vaso è semplice. Le regole da seguire sono le stesse viste in precedenza.

Coltivare le cime di rapa, il video

Nel video che segue è mostrata la semina a spaglio delle cime di rapa. Contrariamente a quanto visto nel video vorrei, consigliamo di usare un letto di semina meglio lavorato. La preparazione del letto di semina è fondamentale soprattutto quando si coltiva mediante la semina a spaglio dove le erbe infestanti vanno a competere e sottrarre territorio e nutrienti alla nostra coltivazione. Il video della coltivazione delle cime di rapa è mostrato a fine pagina.

Se vi è piaciuto questo articolo su come coltivare le cime di rapa potete seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra le cerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 4 dicembre 2017